Le Mans, Libere 1: Pedrosa davanti alle Yamaha

Le Mans, Libere 1: Pedrosa davanti alle Yamaha

Lorenzo e Rossi nella scia di Dani. Bene anche le Ducati, quarta e quinta con Hayden e Dovizioso

Con la pioggia che incombe per la giornata di domani, i minuti conclusivi della prima sessione di prove libere della MotoGp a Le Mans si sono trasformati in una sorta di breve qualifica, con tutti che hanno provato a realizzare un tempo interessante, visto che le prestazioni di oggi rischiano di essere determinanti al fine di staccare un pass per la Q2 di domani (vi accedono direttamente i primi 10 della classifica cumulativa delle prime tre sessioni). Davanti a tutti si è issato Dani Pedrosa, che quindi con la sua Honda ha ripreso da dove aveva lasciato a Jerez de la Frontera, realizzando un crono di 1'34"645 lontano di circa 1" dalla pole position dello scorso anno, ma che comunque gli ha consentito di mettersi davanti a Jorge Lorenzo di 40 millesimi. Proprio nel finale il maiorchino della Yamaha è riuscito a saltare davanti alla M1 gemella di Valentino Rossi (entrambi con il telaio vecchio), che questa volta sembra aver iniziato il weekend decisamente con il piede giusto, chiudendo staccato di poco meno di tre decimi nonostante nei minuti conclusivi si sia reso anche protagonista di un "dritto". A sorpresa seguono le due Ducati di Nicky Hayden ed Andrea Dovizioso, che sono riuscite a ridurre il distacco a meno di mezzo secondo. Evidentemente questa pista è più adatta alle caratteristiche della Desmosedici rispetto ad altre e non deve essere un caso se anche il "Dottore" era riuscito a salire sul podio sia nel 2011 che nel 2012. Sesto tempo poi per Cal Crutchlow, che ha preceduto un Marc Marquez parso un pizzico più in difficoltà rispetto al solito, chiudendo ad oltre mezzo secondo. "El Cabronsito", dunque, sembra aver optato per un approccio "soft" con la sua RC213V su questa pista sulla quale non aveva riferimenti. Ottava e nona ci sono le due Honda di Alvaro Bautista e Stefan Bradl, poi in decima posizione continua a stupire la FTR-Kawasaki di Hector Barbera: lo spagnolo è stato il più veloce tra le CRT, precedendo la ART-Aprilia di Aleix Espargaro e le due Ducati del convalescente Andrea Iannone e di un Michele Pirro chiamato a sostituire l'infortunato Ben Spies. Il pilota pugliese è stato però rallentato anche da un problema tecnico patito nel finale.

MotoGp - Le Mans - Libere 1

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Articolo di tipo Ultime notizie