La Yamaha nasconde il potenziale della 1000?

La Yamaha nasconde il potenziale della 1000?

Rilevazioni non ufficiali parlano di un 1'33"1 fatto da Lorenzo a Misano contro l'1'33"7 dichiarato

Nell'ambiente della MotoGp si sta spargendo una convinzione: la Yamaha sta giocando per nascondere il reale potenziale della nuova YZR-M1 1000. Se a Brno la neonata della Casa di Iwata aveva stupito per la rapidità con cui si era attestata sulle prestazioni della rivale di casa Honda, dopo il secondo test, andato in scena lunedì a Misano, sembrava esserci meno entusiasmo intorno al nuovo prototipo. Le lamentele di Jorge Lorenzo, che ha parlato di problemi di impennata e di stabilità, non hanno convinto gli addetti ai lavori della classe regina, che temono solo che in realtà il campione del mondo in carica stia giocando a nascondersi per non scoprire le sue carte. Anche perchè Ben Spies, che probabilmente non ha ancora imparato dal maestro i trucchi del mestiere, è parso decisamente entusiasta anche su una pista che si adatta poco alle 1000 come quella romagnola. Come se non bastasse, ad alimentare questi sospetti ci hanno pensato anche le rilevazioni cronometriche. Nel suo comunicato ufficiale la Yamaha ha parlato di un miglior tempo di 1'33"7: una prestazione comunque più veloce di due decimi rispetto al giro più veloce ottenuto dallo stesso Lorenzo nella gara di domenica. Peccato che, stando a quanto rivela oggi la Gazzetta dello Sport, sulle tribune del Santamonica erano presenti diversi "cronometristi" non ufficiali che invece gli attribuiscono un 1'33"1, che sarebbe un tempo di tutt'altra rilevanza...

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Ben Spies , Jorge Lorenzo
Articolo di tipo Ultime notizie