La spalla di Valentino si avvicina al 100%

condividi
commenti
La spalla di Valentino si avvicina al 100%
Redazione
Di: Redazione
02 mag 2011, 11:13

E' questa la nota positiva del Gp del Portogallo. Oggi i test con le novità della Desmosedici

Il terzo round del Motomondiale, sul circuito di Estoril, in Portogallo, ha visto Valentino Rossi autore di una bella prestazione su pista asciutta dato che, dopo un warm-up “umido” non è più piovuto. Il pilota italiano è scattato bene dalla terza fila e nel corso del primo giro ha guadagnato altre posizioni, portandosi al quarto posto. Ha poi mantenuto un buon ritmo per tutta la gara controllando Andrea Dovizioso dal quale ha perso in volata sul filo di lana per soli venticinque millesimi di secondo. Anche la partenza di Hayden dalla quinta fila è stata molto buona tanto che l’americano al termine del secondo giro era settimo. Un piccolo inconveniente al cambio lo ha un po’ condizionato, ma è stato soprattutto un contatto con Spies a fargli perdere l’aggancio con Aoyama e Crutchlow e alla fine ha chiuso nono. Valentino Rossi:Dovizioso a parte oggi è andata bene! Scherzo ovviamente, Andrea ha fatto una gara strategicamente ottima. Credo che abbia un po’ giocato con me sapendo che in rettilineo probabilmente poteva battermi prima della linea … In frenata ero forte e non riusciva a passarmi quindi ha fatto fare tutta la fatica a me per 28 giri, poi ci ha provato e mi “fregato” per venticinque millesimi. A parte quello sono e siamo molto contenti perché è stata una bella gara e questo, in questo momento, è il massimo che possiamo fare. Sono partito bene, ho recuperato diverse posizioni e poi sono stato molto costante su tempi discreti. Praticamente ho fatto per 28 volte più o meno il tempo delle qualifiche quindi è un risultato positivo. Mi dispiace più che altro perché quarto sarebbe stato il miglior risultato con la Ducati finora. Comunque di buono c’è che fisicamente sto bene, mi manca appena un quindici per cento di forza ma credo che tra Le Mans e Catalunya arriverò al cento per cento. Per quanto riguarda la moto, c’è da fare, certamente, ma stiamo lavorando bene insieme con i tecnici Ducati, loro sono contenti delle indicazioni che hanno e io vedo che quello che arriva dal reparto corse funziona. Ci vorrà del tempo ma stiamo andando avanti. Domani avremo delle cose nuove da provare, speriamo sia asciutto e vediamo come va. Non ci aspettiamo di risolvere tutto in sette ore ma comunque di procedere sulla strada che abbiamo iniziato insieme”. Nicky Hayden:Una partenza dalla quinta fila non è mai facile ma sono riuscito a scattare bene e a portarmi più avanti. Ho fatto qualche piccolo errore nei primi giri, poi ho recuperato fino alla settima posizione. E’ stata dura perché avevo qualche difficoltà nello scalare le marce. Già nel giro di allineamento mi ero accorto che il cambio era “duro” ma dopo averne parlato con la squadra abbiamo deciso che cambiare moto e partire dalla pit-lane sarebbe stato più penalizzante. In entrata di curva facevo fatica e sono scivolato un po’ indietro. Poi Spies mi ha colpito abbastanza forte in ingresso della curva numero 3 e ho perso il contatto con Aoyama e Crutchlow. Sono davvero felice di rimanere domani perché abbiamo diverse cose da provare. Tengo le dita incrociate per il sole, perché anche durante questo fine settimana abbiamo perso tempo prezioso a causa della pioggia. La moto è fantastica sul bagnato ma dobbiamo migliorarla sull’asciutto”.
Prossimo articolo MotoGP
Simoncelli amareggiato per l'errore commesso

Previous article

Simoncelli amareggiato per l'errore commesso

Next article

Quella di Pedrosa è una vittoria che sa di liberazione

Quella di Pedrosa è una vittoria che sa di liberazione

Su questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Nicky Hayden Shop Now , Valentino Rossi Shop Now
Autore Redazione
Tipo di articolo Ultime notizie