Caos gomme: pit stop obbligatorio nel Gp d'Australia!

Caos gomme: pit stop obbligatorio nel Gp d'Australia!

Il Gp durerà 26 giri, ma i piloti non potranno percorrerne più di 14 con le stesse gomme: scatta il cambio di moto

Il nuovo asfalto di Phillip Island ha creato davvero parecchi grattacapi ai tecnici della Bridgestone, che si sono ritrovati a dover fronteggiare un forte problema di blistering dovuto al maggior grip offerto dal fondo rispetto al passato. Nell'ambito di una riunione piuttosto lunga della Direzione Gara, l'azienda giapponese ha spiegato di poter garantire la durata delle sue gomme per un massimo di 14 giri (nonostante avesse già chiesto a tutti i team di usare la più dura), quindi è stata presa una decisione piuttosto particolare per la corsa di domani: i piloti dovranno percorrere 26 giri, ma dovranno anche effettuare un pit stop obbligatorio per il cambio di moto. Ecco le regole che sono state stilate insieme dalla Dorna e dalla FIM per il Gp d'Australia: 1 - La gara sarà di 26 giri. 2 - Ogni pilota sarà obbligato ad entrare ai box per cambiare moto almeno una volta durante la gara. 3 - Nessun pilota potrà correre più di 14 giri con la stessa gomma posteriore. Ciò significa che il cambio, se effettuato prima del giro 12, sarà seguito da un secondo cambio. 4 - I piloti Factory e Satellite dovranno utilizzare l’opzione “hard” (B51DR). 5 - I piloti CRT dovranno utilizzare l’opzione “hard” (B50DR). 6 - L’area con velocità limitata sarà estesa all’entrata e all’uscita, e l’uscita per il ritorno in pista verrà marcata con una linea bianca nell’area di “run off”. Chi attraverserà tale linea rientrando in pista verrà penalizzato. Insomma, sembrano esserci davvero tutti gli ingredienti per una corsa imprevedibile e ricca di colpi di scena. Voi cosa ne pensate di questa soluzione? Fatecelo sapere con i vostri commenti!

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Articolo di tipo Ultime notizie