Lorenzo: "Sta per arrivare il nostro momento"

Il maiorchino vede una costante crescita nella Yamaha: "stiamo mettendo a posto il puzzle"

Lorenzo:

Jorge Lorenzo ripete il risultato di una settimana fa a Indianapolis. Il secondo posto di Brno rivela che la Yamaha sta crescendo, anche se per il maiorchino quella del Gp della Repubblica Ceca è un’occasione persa…

“Peccato perché questa era una grande opportunità per vincere una gara con Marc non troppo competitivo. Non so quante altre volte capiterà una situazione così. Ero il favorito dopo il warm up, ma in partenza sono rimasto bloccato da Dani che mi ha costretto a chiudere il gas e sono finito quinto o sesto. Poi sono stato bravo a infilare chi avevo davanti per portarmi in fretta davanti: la mia strategia era cercare di scappare via nelle prime fasi e creare un buco sugli avversari. Per due giri ho avuto una moto perfetta, con molto grip dietro, mentre dalla terza tornata in poi ho avuto un po’ di perdita di aderenza, per cui ho dovuto ridurre leggermente il ritmo, proprio mentre Pedrosa l’ha aumentato e così mi ha preso e passato. Siccome lui non mi andava via ho preso qualche rischio per stare con lui: la mia speranza era che, standogli attaccato, avrei potuto osare qualcosa in staccata negli ultimi giri. E alla fine è mancato un giro in più e magari sarei riuscito a vincere la gara...”.

La Yamaha sembra in costante crescita: hai collezionato il terzo podio di seguito…
“Si, ma devo ammettere che Dani è andato molto forte e ha meritato il successo. E, finalmente, non ha vinto Marc: ciò significa che le situazioni possono cambiare in fretta nella Moto Gp. A Indianapolis abbiamo visto un Marquez imprendibile e un Pedrosa così, così. A distanza di una settimana si sono scambiati il cappello e la situazione si è invertita. E’ per questo che bisogna essere pronti a prendere le occasioni che si possono presentare”.

Ora sei più ottimista rispetto all’inizio della stagione?
“All’inizio del campionato non c’era niente che andasse bene: la moto, il motore, gli pneumatici e nemmeno io, perché non avevo una buona condizione fisica. Un po’ alla volta abbiamo messo a posto ciascun tassello del puzzle e siamo sulla strada della competitività. L’obiettivo è di essere forti su tutte le piste: negli ultimi tre appuntamenti siamo parsi in crescita. In questo appuntamento abbiamo provato delle soluzioni che andranno bene anche su altri tracciati, per cui penso che la vittoria possa arrivare presto”.

Cosa si può migliorare?
“Dobbiamo prendere qualche rischio in più in alcune fasi della corsa, cosa che non abbiamo fatto oggi e presto arriverà anche il nostro momento”.

Nel warm up hai avuto un passo insostenibile per chiunque, mentre nel pomeriggio sei andato forte, ma l’aumento della temperatura ti ha condizionato?
“Normalmente sì, anche se questo problema lo abbiamo sofferto di più l’anno scorso, anche se poi abbiamo vinto qualche gara anche con il caldo. Quest’anno con Marc così forte e noi meno competitivi era difficile fare delle valutazioni: qui non abbiamo potuto usare la gomma dura come hanno fatto gli altri, ma siamo nella condizione di andare forte anche con il caldo”.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Jorge Lorenzo
Articolo di tipo Ultime notizie