Valentino: "Avevo il potenziale per il secondo tempo"

Il quarto tempo è comunque il suo miglior risultato in qualifica e il passo gara sembra molto buono

Valentino:
"E' andata piuttosto bene, anche se mi sarebbe piaciuto partire in prima fila come soddisfazione personale. Quei pochi metri che separano la prima fila dalla seconda comunque non fanno una gran differenza per domani. Avevo il potenziale per farlo, perchè credo che avrei potuto fare un paio di decimi meglio. Non penso che il tempo di Crutchlow fosse alla mia portata, ma quello di Marquez si". E' questa la prima analisi che Valentino Rossi ha fatto al termine delle prove ufficiali del Gp d'Olanda, nelle quali con il quarto tempo ha ottenuto il suo miglior risultato stagionale in qualifica. Quarto tempo a parte, la sensazione è che in questa stagione il "Dottore" non sia mai stato tanto in palla come lo è qui ad Assen e questo lascia ben sperare in vista della gara di domani, per la quale preferirebbe un asfalto asciutto. "La cosa più importante però è che mi trovo bene con la moto, anche se abbiamo da fare un paio di rifiniture in vista della gara. Però sono competitivo, posso spingere forte in frenata e questa volta forse non sono stato bravo io a sfruttare il potenziale a disposizione. Comunque sia il quarto posto è il nostro miglior risultato in qualifica ed abbiamo un buon passa. Ora dobbiamo solo sperare che domani ci sia asciutto, che sarebbe meglio, o che piova per davvero. Le condizioni mezzo e mezzo sarebbero una lotteria" ha aggiunto il pesarese. A quanto pare le modifiche alla sua Yamaha M1 provate nei test della scorsa settimana stanno dando i loro frutti anche in Olanda: "Nelle prime gare ho sempre avuto questo problema di non riuscire a fermarmi bene e abbiamo provato diverse modifiche senza risolvere il problema. Nei test dopo Barcellona abbiamo testato un nuovo setting della forcella che mi consente di frenare meglio. Un cambiamento che si è confermato come positivo anche nei test di Aragon, ma pure qui, dove sto riuscendo ad andare veloce". Il settore più critico di Assen per lui sembra essere il secondo: "Si, i problemi maggiori li ho nel T2. Non sono abbastanza veloce nei cambi di direzione, ma se riusciamo a migliorare uno o due decimi anche lì siamo messi molto bene perchè nel T3 e nel T4 sono già molto veloce e nel T1 sono in linea con gli altri". Infine, non si è voluto esprimere sulla possibilità che Jorge Lorenzo possa provare a correre domani, nonostante la frattura della clavicola sinistra rimediata ieri ed operata solo stanotte: "E' una scelta molto personale, devi guardare dentro te stesse e capire se te la senti o meno. E' una cosa talmente personale che non trovo giusto dire se sia giusto o sbagliato".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Valentino Rossi
Articolo di tipo Ultime notizie