Una combustione anomala ha spavento Stoner

Una combustione anomala ha spavento Stoner

L'australiano aveva abortito l'ultimo tentativo dopo aver sentito un forte rumore

Alla Ducati possono tirare un sospiro di sollievo: non è stato nulla di grave infatti ad impedire a Casey Stoner di portare a termine le prove ufficiali di oggi. L'australiano infatti aveva percepito un forte rumore ed aveva preferito rientrare ai box per evitare di correre dei rischi. Fortunatamente però si è trattato di una combustione anomala dovuta alla carburazione, che è stata percepita dal pilota come un forte scoppio in marmitta. L'unico dispiacere è che magari Stoner avrebbe potuto tentare un altro attacco alla pole, anche se il terzo tempo tutto sommato lo soddisfa. “Il set up che abbiamo trovato per la moto è sicuramente un passo in avanti rispetto alle ultime gare e questa mattina abbiamo fatto un ottimo turno di prove. Nel pomeriggio invece siamo stati un po’ condizionati da alcuni piccoli problemi, a partire dalla frizione che ha funzionato per quasi tutto il fine settimana mentre oggi pomeriggio non staccava bene quando scalavo le marce. Credo comunque sia una cosa risolvibile. Infine, durante il mio secondo giro lanciato, all’improvviso ho sentito un forte rumore provenire dalla moto e non sapendo di cosa si trattasse, ho preferito tornare ai box un paio di minuti prima del termine. In ogni caso aspettiamo di vedere come andrà perché se riusciremo a fare qualche piccolo ulteriore passo in avanti durante il warm-up potremmo non essere troppo lontani in gara” ha commentato il pilota australiano al termine delle prove.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Casey Stoner
Articolo di tipo Ultime notizie