A Indianapolis arriva una CRT motorizzata Suzuki

A Indianapolis arriva una CRT motorizzata Suzuki

La GPtech sta realizzando un telaio in alluminio adatto al propulsore della GSX-R 1000

La gara di Indianapolis vedrà il ritorno di un motore Suzuki in MotoGp. Esatto, solo di un motore, che andrà ad equipaggiare la CRT iscritta come wild card dalla GPtech. Si tratterà di una moto con telaio in alluminio, disegnata proprio per ospitare il propulsore della GSX-R 1000. Dunque, la GPtech sarà la prima squadra a tentare questa avventura con un motore realizzato dalla Casa di Hamamatsu, visto che quelli utilizzati regolarmente sono Aprilia, BMW, Honda e Kawasaki. "La nuove regole CRT ci hanno dato la libertà necessaria per sviluppare un programma interessante e valutare la nostra presenza sulla griglia di partenza della MotoGp" ha detto Geoff Maloney, proprietario della GPtech. "Sviluppare il motore della Suzuki GSX-R 1000 con le regole CRT è una grande opportunità e non vediamo l'ora di provare a mettere insieme un pacchetto competitivo" ha aggiunto Mark Junge della Vesrah Suzuki/MCJ Motorsport, che parteciperà al programma insieme alla GPtech. Per il momento non sono stati divulgati dettagli riguardo al nome del pilota, anche se dal team assicurano che esiste già una lista di candidati. Con la gara in agosto comunque c'è ancora parecchio tempo per prendere una decisione.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Articolo di tipo Ultime notizie