Morbidelli mette alla prova il ginocchio su una R1 a Misano

Franco Morbidelli tornerà a guidare una moto, una Yamaha R1 stradale, sul circuito di Misano per valutare i progressi del suo recupero dall'operazione al ginocchio sinistro.

Morbidelli mette alla prova il ginocchio su una R1 a Misano

Il circuito di Misano ha aperto le porte martedì per due giorni di test privati, con la pista affittata da Ducati - che ha esteso l'invito agli altri marchi come al solito - quindi Honda, KTM e Aprilia, che porta al debutto Maverick Vinales, condividono la pista con la Casa di Borgo Panigale.

Oltre a Maverick, Dani Pedrosa e Mika Kallio della KTM, Stefan Bradl della Honda e Michele Pirro della Ducati sono i collaudatori che scenderanno in pista in questi due giorni.

A condividere la pista con loro saranno i piloti Ducati Pecco Bagnaia, Johann Zarco, Luca Marini ed Enea Bastianini (solo domani), che saranno in sella ad una Panigale V4.

Morbidelli torna in sella

Secondo quanto ha appreso Motorsport.com, in giornata si dovrebbe rivedere anche Franco Morbidelli, che è già stato annunciato come nuovo pilota ufficiale Yamaha, al posto proprio di Vinales, quando tornerà dall'infortunio, presumibilmente a Misano.

Franco, che ha convissuto con un infortunio al ginocchio per diversi anni, ha visto la sua situazione peggiorare inciampando durante il cambio di moto nella pit lane a Le Mans a metà maggio e in un incidente durante un allenamento al MotorRanch VR46 a metà giugno, che lo ha costretto a subire un intervento chirurgico il 24 dello stesso mese.

L'italo-brasiliano prevedeva di fare il suo ritorno al Gran Premio di San Marino, il 17-19 settembre, un programma che è stato rispettato per il momento, dato che il collaudatore Yamaha Cal Crutchlow, che sta sostituendo l'epurato Vinales, ha confermato che sarà ad Aragon.

Senza che questo significhi un cambiamento di piani, Morbidelli ha chiesto a Ducati il permesso di andare in pista e fare alcuni giri sulla Yamaha R1 stradale martedì e di ripetere la cosa il mercoledì mattina, cosa che l'azienda italiana ha accettato di buon grado.

Il test sarà per valutare le condizioni del suo ginocchio sinistro, che è stato operato più di due mesi fa, e per iniziare a recuperare la sua sensazione di velocità sulla pista su cui è previsto il suo ritorno.

condividi
commenti
Honda e Marc Marquez: ancora troppe cadute

Articolo precedente

Honda e Marc Marquez: ancora troppe cadute

Articolo successivo

Caso Silverstone, Michelin ammette: "Più usura del previsto in gara"

Caso Silverstone, Michelin ammette: "Più usura del previsto in gara"
Carica i commenti