MotoGP
04 apr
Evento concluso
G
GP d'Argentina
08 apr
Postponed
G
GP delle Americhe
15 apr
Postponed
G
GP del Portogallo
18 apr
Prove Libere 1 in
5 giorni
G
GP di Spagna
02 mag
Gara in
21 giorni
G
GP di Francia
16 mag
Gara in
35 giorni
G
GP d'Italia
30 mag
Gara in
49 giorni
G
GP della Catalogna
06 giu
Gara in
56 giorni
G
GP di Germania
20 giu
Gara in
70 giorni
G
GP d'Olanda
27 giu
Gara in
77 giorni
G
GP di Finlandia
11 lug
Gara in
91 giorni
G
GP d'Austria
15 ago
Gara in
126 giorni
G
GP di Gran Bretagna
29 ago
Gara in
140 giorni
G
GP di Aragon
12 set
Gara in
154 giorni
G
GP di San Marino
19 set
Gara in
161 giorni
G
GP del Giappone
03 ott
Gara in
175 giorni
G
GP d'Australia
24 ott
Gara in
196 giorni
G
GP di Malesia
31 ott
Gara in
203 giorni
G
GP di Valencia
14 nov
Gara in
217 giorni

Morbidelli: "La M1 è una moto per vincere, non per lottare"

Il vice-campione del mondo sembra aver fatto un passetto indietro nell'apertura del secondo test in Qatar, ma non è tanto la prestazione pura della sua Yamaha a preoccuparlo, quanto il fatto che non la vede adatta alla lotta. E nelle prime due gare c'è il rischio concreto che possano essere di quelle da coltello tra i denti.

Morbidelli: "La M1 è una moto per vincere, non per lottare"

A Franco Morbidelli sono bastate poche parole per esprimere un concetto molto chiaro: "Penso che la mia Yamaha non sia una moto per duellare o battagliare, ma è una moto per vincere". Un allarme molto simile a quelli già lanciati da Maverick Vinales e Fabio Quartararo, che temono che il tallone d'Achille della M1 sia un po' sempre il solito: la difficoltà a sorpassare.

Oltre ai soliti problemi cronici di velocità di punta, l'alfiere della Yamaha Petronas però ne ha aggiunto un altro al termine della prima giornata del secondo test collettivo di MotoGP in Qatar: "Dico così perché il mio punto forte con la M1 non è certo la staccata, dove fatico. Al tempo stesso però, posso essere veloce".

Se lo scorso fine settimana era stato sempre tra i più veloci, ieri il vice-campione del mondo non ha iniziato come avrebbe voluto, chiudendo fuori dalla top 10 e con un ritardo di oltre un secondo.

Leggi anche:

"Ho provato un po' di cose, non tantissime, ma dovevamo fare delle valutazioni su un po' di materiale. Io sto continuando ad utilizzare il forcellone in carbonio, perché mi piace. Poi ho provato delle forcelle più leggere, ma le sensazioni erano peggiori delle aspettative, quindi dovrò fare delle nuove valutazioni", ha raccontato sul lavoro completato ieri.

"Non siamo riusciti a migliorare il pacchetto generale. Ho fatto un passo avanti sul passo gara, quello sì, ma non per quanto riguarda la velocità pura. Di sicuro sarà necessario lavorare ancora sulla frenata", ha aggiunto Franco.

Per quanto Morbidelli sia un pilota che pensa più a lavorare che ad abbattersi, le sue prospettive per le prime due gare dell'anno non paiono troppo entusiasmanti, proprio perché teme che su una pista come Losail, a maggior ragione dopo cinque giorni di test, sarà una vera e propria guerra.

"Sicuramente correre due gare su questa pista sarà tosta, perché questi GP avvicineranno tutti i piloti, favorendo la battaglia, e noi fatichiamo da questo punto di vista. La velocità possiamo trovarla, ma non è detto però che basterà per lottare per la vittoria", ha concluso.

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
1/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
2/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
3/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
4/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
5/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
6/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
7/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
8/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
9/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
10/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
11/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
12/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
13/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
14/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
15/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
16/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
17/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
18/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
19/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
20/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Bagnaia: "Provati due setting diversi, devo scegliere bene"

Articolo precedente

Bagnaia: "Provati due setting diversi, devo scegliere bene"

Articolo successivo

Marini: “Sono orgoglioso della mia prestazione”

Marini: “Sono orgoglioso della mia prestazione”
Carica i commenti