MotoGP
04 ott
-
06 ott
Evento concluso
18 ott
-
20 ott
Evento concluso
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso

Misano, Libere 2: Ducati al top con Petrucci. Dovi 3° dietro a Vinales

condividi
commenti
Misano, Libere 2: Ducati al top con Petrucci. Dovi 3° dietro a Vinales
Di:
8 set 2017, 13:05

Svetta la Desmosedici GP del Team Pramac, ma nello spazio di 63 millesimi ci sono anche il pilota della Yamaha ed il leader del Mondiale. Marquez cade e chiude quinto, alle spalle anche di Pedrosa.

Misano era stata presentata come una pista non particolarmente adatta alla Ducati, ma a giudicare dal risultato della seconda sessione di prove libere, non sembra affatto così, visto che le Desmosedici GP si sono piazzate al primo ed al terzo posto.

A sorpresa, è stato Danilo Petrucci a mettere tutti in fila con la moto del Pramac Racing. Il pilota di Terni, tornato ad utilizzare il nuovo pacchetto aerodinamico, ha girato in 1'33"231 ed ha distanziato di appena 5 millesimi la Yamaha di un Maverick Vinales che ha scalato la classifica proprio sotto alla bandiera a scacchi dopo essere stato un po' in ombra.

In terza posizione c'è poi il leader della classifica iridata Andrea Dovizioso, che invece continua a lavorare con la carena standard e a sua volta si è piazzato a soli 63 millesimi dalla vetta, precedendo le due Honda di Dani Pedrosa e Marc Marquez, che erano state al vertice per quasi tutta la durata della sessione.

Va detto però che il campione del mondo in carica nel finale non è riuscito a ritoccare il proprio crono perché è incappato in una scivolata alla curva 16, che gli ha imposto di tornare ai box e di utilizzare la seconda moto nei minuti conclusivi del turno.

A completare il terzetto di Honda c'è quella con i colori LCR di Cal Crutchlow, pure lui incappato in una caduta senza conseguenze alla curva 15. Il britannico è veloce, quindi il dito infortunato non sembra infastidirlo troppo.

Seguono poi le altre due Ducati del collaudatore Michele Pirro e di Jorge Lorenzo. Tra le Rosse ufficiali, dunque, quella dello spagnolo è stata la più lenta in questa prima giornata di prove, anche se si trova a meno di tre decimi dalla vetta.

Gli ultimi due nomi che al momento avrebbero accesso diretto alla Q2 invece sono un po' delle sorprese, perché si tratta di Andrea Iannone, che rispetto a stamani ha fatto un balzo in avanti importante con la sua Suzuki, e Tito Rabat, fresco di firma con la Ducati Avintia per il 2018.

Rimane fuori dalla top 10 per appena 12 millesimi l'Aprilia RS-GP di Aleix Espargaro, che ha continuato a lavorare con la nuova carena simile a quella della Ducati, precedendo la Yamaha Tech 3 di un Johann Zarco finora un po' in ombra nel weekend romagnolo.

Per quanto riguarda la KTM, bisogna scorrere la classifica fino al 19esimo posto per trovare la RC16 di Pol Espargaro. Vanno poi segnalate le altre cadute senza particolari conseguenze che hanno avuto per protagonisti Alex Rins, Sam Lowes e Jack Miller. Infine, dopo la bandiera a scacchi è stata fatta un'altra prova della nuova procedura di cambio moto in caso di "Flag to Flag", come era già avvenuto anche a Silverstone.

Cla#RiderBikeGiriTempoGapDistaccokm/hSpeed Trap
1 9 italy Danilo Petrucci  Ducati 21 1'33.231     163.259 290
2 25 spain Maverick Viñales  Yamaha 23 1'33.236 0.005 0.005 163.250 288
3 4 italy Andrea Dovizioso  Ducati 20 1'33.294 0.063 0.058 163.148 288
4 26 spain Daniel Pedrosa  Honda 22 1'33.346 0.115 0.052 163.057 290
5 93 spain Marc Márquez Alenta  Honda 20 1'33.475 0.244 0.129 162.832 287
6 35 united_kingdom Cal Crutchlow  Honda 17 1'33.545 0.314 0.070 162.710 287
7 51 italy Michele Pirro  Ducati 19 1'33.591 0.360 0.046 162.631 288
8 99 spain Jorge Lorenzo  Ducati 20 1'33.614 0.383 0.023 162.591 287
9 29 italy Andrea Iannone  Suzuki 21 1'33.740 0.509 0.126 162.372 284
10 53 spain Tito Rabat  Honda 23 1'33.820 0.589 0.080 162.234 289
11 41 spain Aleix Espargaro  Aprilia 20 1'33.832 0.601 0.012 162.213 285
12 5 france Johann Zarco  Yamaha 22 1'33.914 0.683 0.082 162.071 285
13 19 spain Alvaro Bautista  Ducati 23 1'33.937 0.706 0.023 162.032 290
14 76 france Loris Baz  Ducati 18 1'34.054 0.823 0.117 161.830 283
15 8 spain Hector Barbera  Ducati 18 1'34.137 0.906 0.083 161.687 293
16 45 united_kingdom Scott Redding  Ducati 20 1'34.266 1.035 0.129 161.466 284
17 94 germany Jonas Folger  Yamaha 17 1'34.322 1.091 0.056 161.370 285
18 43 australia Jack Miller  Honda 20 1'34.411 1.180 0.089 161.218 286
19 44 spain Pol Espargaro  KTM 19 1'34.499 1.268 0.088 161.068 288
20 17 czech_republic Karel Abraham  Ducati 19 1'34.678 1.447 0.179 160.763 287
21 38 united_kingdom Bradley Smith  KTM 19 1'34.842 1.611 0.164 160.485 287
22 22 united_kingdom Sam Lowes  Aprilia 17 1'34.903 1.672 0.061 160.382 282
23 42 spain Alex Rins  Suzuki 19 1'35.052 1.821 0.149 160.131 286
Articolo successivo
Misano, Libere 1: Marquez stacca le Ducati di Pirro e Dovizioso

Articolo precedente

Misano, Libere 1: Marquez stacca le Ducati di Pirro e Dovizioso

Articolo successivo

Dovizioso: "Siamo partiti bene. L'obiettivo è partire nelle prime 2 file"

Dovizioso: "Siamo partiti bene. L'obiettivo è partire nelle prime 2 file"
Carica i commenti