Mir: "Ossessionato dal vincere il Mondiale in un altro modo"

Il pilota della Suzuki ha vinto il Mondiale MotoGP 2020, uno dei più atipici della storia, e forse è per questo che ammette che gli piacerebbe vincerlo di nuovo ma "in un modo diverso".

Mir: "Ossessionato dal vincere il Mondiale in un altro modo"

Il Mondiale 2020 è stato colpito duramente dalla pandemia, che ha visto una riduzione del numero di gare disputate (14), con ben cinque doppiette disputate sulla stessa pista, rendendolo uno dei più atipici di sempre, insieme all'infortunio di Marc Márquez, l'uomo che aveva vinto sei dei sette campionati precedenti.

Nonostante questo, nessuno ha messo in dubbio la legittimità del titolo vinto da Joan Mir, che nella sua seconda stagione nella classe regina, a soli 23 anni e con una Suzuki che non vinceva da due decenni, è stato il pilota più costante ed efficace della stagione.

Al primo tentativo di confermarsi campione, Mir è stato ostacolato dalla chiara superiorità tecnica dei rivali della Suzuki, un handicap che il maiorchino ha rilevato fin dalle prime fasi della stagione.

In un'intervista esclusiva, Motorsport.com ha chiesto a Joan Mir quando ha capito che non sarebbe stato in grado di difendere il titolo vinto nel 2020.

"All'inizio della stagione ho già capito che sarebbe stato difficile. Ho visto che tutti gli altri erano migliorati molto e che c'erano aree in cui anche noi dovevamo migliorare. Mi sono reso conto che tutti aveva cose che noi non avevamo, che c'era una grossa differenza in accelerazione e che l'avremmo pagato", ha ammesso il pilota spagnolo.

Leggi anche:

Uno dei momenti più difficili per Mir è arrivato nel Gran Premio dell'Emilia Romagna, quando è caduto al secondo giro, mentre si trovava in 18° posizione. Il maiorchino ha dovuto seguire la gara dal box, vedendo cadere Pecco Bagnaia e il passaggio di consegna della corona iridata sulla testa di Fabio Quartararo.

"Non l'ho provato tutto in una volta, ma quel momento l'ho sentito in qualche modo come una sconfitta, perché quest'anno mi aspettavo qualcosa che non si è avverato", ha ricordato.

Durante la stagione, la mancanza di competitività della Suzuki ha portato il pilota a considerare i suoi prossimi passi: Mir ha un contratto in scadenza alla fine del 2022, ma attualmente non sta negoziando il rinnovo.

"In un certo senso sento di non aver fatto tutto con la Suzuki, non ho dato tutto quello che potevo dare. Sì, ho vinto. Ma so che posso vincere in un altro modo, sono ossessionato dal vincere in un altro modo. L'anno scorso ho vinto con la costanza, essendo intelligente, ma non perché ero il più veloce. Vorrei lottare per essere il più veloce con la Suzuki. E' questa la mia sfida", ha detto, prima di ammettere che è curioso anche di provare a correre con un altro marchio.

"Sì, forse sì, ma in un secondo momento", ha detto il campione 2020.

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
1/51

Foto di: Dorna

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
2/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
3/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
4/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
5/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
6/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
7/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
8/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
9/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
10/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
11/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
12/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
13/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Podio: segundo lugar Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Podio: segundo lugar Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
14/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Podio: segundo lugar Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Podio: segundo lugar Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
15/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Podio: segundo lugar Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Podio: segundo lugar Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
16/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Podio: segundo lugar Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Podio: segundo lugar Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
17/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Podio: segundo lugar Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Podio: segundo lugar Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
18/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
19/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
20/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
21/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Segundo lugar Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Segundo lugar Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
22/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Segundo lugar Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Segundo lugar Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
23/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Jack Miller, Ducati Team, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
24/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
25/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
26/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
27/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
28/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
29/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
30/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
31/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team, Raul Fernandez, Francesco Bagnaia, Ducati Team, Sergio Garcia, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Jack Miller, Ducati Team, Raul Fernandez, Francesco Bagnaia, Ducati Team, Sergio Garcia, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
32/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
33/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
34/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
35/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Los tres primeros de la calificación: ganador de la pole Francesco Bagnaia, Ducati Team, segundo Jack Miller, Ducati Team, tercero Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Los tres primeros de la calificación: ganador de la pole Francesco Bagnaia, Ducati Team, segundo Jack Miller, Ducati Team, tercero Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
36/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Los tres primeros de la calificación: ganador de la pole Francesco Bagnaia, Ducati Team, segundo Jack Miller, Ducati Team, tercero Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Los tres primeros de la calificación: ganador de la pole Francesco Bagnaia, Ducati Team, segundo Jack Miller, Ducati Team, tercero Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
37/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
38/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
39/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
40/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
41/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
42/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
43/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
44/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
45/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
46/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
47/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
48/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
49/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
50/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
51/51

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Poli: "F1 al Mugello dopo il 2025? Speriamo anche prima!"
Articolo precedente

Poli: "F1 al Mugello dopo il 2025? Speriamo anche prima!"

Articolo successivo

Bezzecchi: "Mi diverto sulla Ducati ed è fondamentale"

Bezzecchi: "Mi diverto sulla Ducati ed è fondamentale"
Carica i commenti