Mir: "Non ho mai guidato in condizioni così difficili"

Il campione del mondo Joan Mir non ha nascosto il suo malcontento per lo stato dell'asfalto della pista di Austin, davvero costellato di buche.

Mir: "Non ho mai guidato in condizioni così difficili"

Il pilota della Suzuki ha chiuso la prima giornata di prove del Gran Premio delle Americhe al 13esimo posto, quindi al momento sarebbe costretto a passare dalla Q1 se, come previsto, la pioggia dovesse cadere su Austin sabato mattina.

Tuttavia, il maiorchino è stato molto deluso dalle condizioni della pista texana, trovata in condizioni davvero molto accidentate.

"È stata una giornata molto difficile, non mi aspettavo di avere così tanti problemi di stabilità, non vado bene sui dossi, la priorità è trovare una soluzione, la pista è in pessime condizioni e dobbiamo trovare una soluzione a questo problema", si è lamentato Mir alla fine della giornata.

La maggior parte dei piloti si è detta preoccupata dopo il primo giorno di prove per le condizioni della pista, soprattutto in vista della gara di domenica.

Leggi anche:

"È una situazione difficile, 20 giri con questi dossi e i primi in gruppo possono essere molto difficili. La cosa più difficile è quando si cerca il giro veloce, ma è complicato perché non sono riuscito a trovare un modo per essere più veloce sulle buche. Quando sono entrato in pista al primo giro sapevo già che non sarei stato nella top 10", ha detto con rassegnazione.

Questa sera ad Austin, i piloti parteciperanno, come al solito, alla Safety Commission, nella quale discuteranno della situazione e cercheranno delle soluzioni.

"Sarà una situazione delicata, nella Safety Commission parleremo e soprattutto vedrò cosa dicono gli altri piloti, a seconda di quello che diranno cercheremo soluzioni per quest'anno e, soprattutto, per il prossimo", ha detto.

Il pilota della Suzuki ha indicato i punti più critici per la guida a causa delle buche.

"Curva due, prima di andare in curva tre pure, e in curva cinque c'è un buco enorme. Direi che l'intero T2 e parte del primo settore è dove ci sono più dossi: non ho mai guidato in condizioni come questa nella mia vita", ha detto.

Mir non ha voluto elevare la situazione allo status di pericoloso, ma ha indicato alcune situazioni che potrebbero diventarlo.

"È imprevedibile quello che può succedere se, per esempio, devi andare fuori traiettoria, se devi sorpassare qualcuno puoi colpire una buca e portare un altro pilota con te. Questa sono solo alcune delle cose che possono succedere. Ma è uguale per tutti, è complicato e dobbiamo cercare soluzioni", ha concluso il maiorchino.

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Photo by: Suzuki

condividi
commenti
Fotogallery MotoGP: le Prove Libere del GP delle Americhe

Articolo precedente

Fotogallery MotoGP: le Prove Libere del GP delle Americhe

Articolo successivo

Quartararo: "Austin ora sembra una pista da motocross"

Quartararo: "Austin ora sembra una pista da motocross"
Carica i commenti