Mir "non aveva bisogno" della convalida di Marquez per il titolo

Il campione del mondo MotoGP, Joan Mir, dice di non aver "avuto bisogno" della convalida di Marc Marquez per il suo titolo 2020, nonostante la gente metta ancora in dubbio la legittimità della vittoria del pilota della Suzuki.

Mir "non aveva bisogno" della convalida di Marquez per il titolo

Mir ha messo fine ad un'attesa lunga 20 anni per la Suzuki il mese scorso, quando ha vinto il Campionato del Mondo di MotoGP al Gran Premio della Comunità Valenciana.

Ma Mir ha dovuto immediatamente fronteggiare i commenti di chi sostiene che l'assenza del sei volte campione del mondo Marquez, che si è infortunato in occasione del Gran Premio di Spagna, abbia in qualche modo svalutato il titolo 2020, nonostante i due diretti interessati abbiano ripetutamente confutato la cosa.

Prima di una terza operazione al braccio infortunato, Marquez ha detto in un'intervista concessa all'edizione spagnola di DAZN che riteneva che Mir fosse un campione "meritevole".

Tuttavia, Mir - che è stato premiato come pilota dell'anno agli Autosport Awards 2020 - dice di non avere sentito il bisogno dell'opinione di Marquez per convalidare la vittoria del titolo, ed ha sottolineato che molti Campionati del Mondo sono stati vinti da piloti che hanno battuto anche dei rivali infortunati.

Leggi anche:

"Non avevo bisogno dell'opinione di Marquez, perché dentro di noi sappiamo che questo sport c'è molto rischio", ha detto Mir ad Autosport durante la consegna del premio.

"E dobbiamo anche giocare con questo rischio, dobbiamo giocare con il limite. E' importante non superare il limite, perché ci si può infortunato. E su questo aspetto, Marc negli ultimi anni era intoccabile".

"Ha fatto un errore nella prima gara e ci sono molti campionati in cui il pilota di punta è caduto o si è infortunato, quindi un altro pilota ha colto l'occasione per vincere. Questo non significa che il campionato abbia meno valore".

"Se si deve togliere il campionato a tutti quelli che hanno vinto in questo modo, probabilmente sul trofeo che mi hanno consegnato non ci sarebbe più quasi nessun nome!".

Durante un'edizione speciale del podcast Tank Slappers, Mir ha detto: "Non vedo l'ora di iniziare a combattere con Marc", ma ha ammesso che sia lui che la Suzuki hanno bisogno di migliorare per spuntarla in un testa a testa con il pilota della Honda.

Marquez è stato dimesso dall'Hospital Ruber Internacional di Madrid domenica scorsa per continuare la sua convalescenza dopo la terza operazione, e probabilmente dovrà affrontare un periodo di riabilitazione di sei mesi, anche se la Honda non ha ancora dato una tempistica definitiva per il suo recupero.

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Petronas: "Rossi sarà molto veloce con il nostro appoggio"
Articolo precedente

Petronas: "Rossi sarà molto veloce con il nostro appoggio"

Articolo successivo

Barcellona ridisegna la curva 10 "old style" per il 2021

Barcellona ridisegna la curva 10 "old style" per il 2021
Carica i commenti