MotoGP
G
GP del Qatar
05 mar
-
08 mar
Prossimo evento tra
38 giorni
G
GP della Thailandia
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
52 giorni
G
GP delle Americhe
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
66 giorni
G
GP d'Argentina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
80 giorni
G
GP di Spagna
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
94 giorni
G
GP di Francia
14 mag
-
17 mag
Prossimo evento tra
108 giorni
G
GP d'Italia
28 mag
-
31 mag
Prossimo evento tra
122 giorni
G
GP della Catalogna
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
129 giorni
G
GP di Germania
18 giu
-
21 giu
Prossimo evento tra
143 giorni
G
GP d'Olanda
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
150 giorni
G
GP di Finlandia
09 lug
-
12 lug
Prossimo evento tra
164 giorni
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
192 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
199 giorni
G
GP di Gran Bretagna
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
213 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
227 giorni
G
GP di Aragon
01 ott
-
04 ott
Prossimo evento tra
248 giorni
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
262 giorni
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
270 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
276 giorni
G
GP di Valencia
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
290 giorni

Mir: "Io e la Suzuki abbiamo già capito cosa mi serve per essere veloce"

condividi
commenti
Mir: "Io e la Suzuki abbiamo già capito cosa mi serve per essere veloce"
Di:
10 feb 2019, 16:08

Il rookie spagnolo della Suzuki ha concluso i test di Sepang soddisfatto per come procede l'adattamento alla nuova moto ed alla nuova categoria.

Joan Mir è stato un dei piloti che si sono dati più da fare nei tre giorni di test in Malesia, con un totale di 178 giri. Il pilota della Suzuki ha concluso con il 15esimo tempo, staccato di 1"247 dal leader Danilo Petrucci. Tuttavia, il maiorchino avrebbe potuto anche piazzarsi meglio se non avesse commesso un errore nel suo "time attack".

"Peccato che nel mio giro veloce ho sbagliato" ha detto Mir appena sceso dalla GSX-RR. "E' un peccato non esserci riuscito, ma avevo una sola gomma morbida e a volte queste cose accadono. Avrei potuto essere un po' più avanti, ma sono soddisfatto. Il mio tempo è decente, ma alla fine è un test e sono contento del mio passo".

Dopo che la squadra gli ha concesso di prendere con calma i test di Valencia e Jerez, per adattarsi con tranquillità alla nuova categoria, a Sepang ha cominciato a lavorare come un vero pilota della MotoGP. Essendo un pilota ufficiale, ha infatti riconosciuto che il suo lavoro si sta accumulando.

"E' quello che deve fare un pilota ufficiale. Se sei un pilota satellite, devi solo fare benzina, girare ed aggiustare l'elettronica per il circuito. Nel mio caso non è così ed è un po' più complicato. Oltre ad essere un rookie, devo provare molte cose che mi permetteranno di adattarmi meglio, ma in un primo momento mi costano qualcosina in più" ha detto.

Leggi anche:

Come ha detto anche Pecco Bagnaia, grande rivelazione dei test di Sepang, lo spagnolo è arrivato in Malesia da pilota della Moto2 e forse è ripartito da pilota di MotoGP.

"Sono qui per imparare e sto già guidando nel modo che mi ha chiesto la Suzuki. Io ed il team abbiamo già capito quello che mi serve per essere veloce. Sono orgoglioso del cambiamento che ho fatto in questi giorni, dei tempi che abbiamo fatto e delle cose che siamo riusciti a scartare. Con 180 giri ho potuto imparare e prendere appunti. E me ne vado dalla Malesia con delle sensazioni molto buone" ha detto.

Oltre alla moto ed alla categoria, Mir ha dovuto adattarsi anche al suo nuovo gruppo di meccanici.

"Ho gestito bene l'inglese e l'italiano, ho studiato negli ultimi due anni. Qualche dubbio mi rimane, ma in quel caso parlo in spagnolo e mi capiscono" ha scherzato.

Per il momento, il #36 guarda molto a quello che fa Rins e non ha problemi ad ammettere le cose che è in grado di fare meglio di lui.

"Questa è una squadra e ci dobbiamo aiutare. Fa molte cose meglio di me. Non frenare, ma sfrutta meglio l'elettronica e riesce a rialzare prima la moto. Ma piano piano sto mettendo le cose a posto" ha concluso.

Scorrimento
Lista

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
1/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
2/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
3/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
4/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
5/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
6/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
7/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
8/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
9/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
10/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
11/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
12/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
13/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
14/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
15/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Articolo successivo
KTM: Zarco inizia a capire la RC16, ma servono tempo e pazienza per arrivare al top

Articolo precedente

KTM: Zarco inizia a capire la RC16, ma servono tempo e pazienza per arrivare al top

Articolo successivo

Rossi: "Quando ho aperto l'Academy non avrei mai pensato che un mio pilota avrebbe potuto battermi!"

Rossi: "Quando ho aperto l'Academy non avrei mai pensato che un mio pilota avrebbe potuto battermi!"
Carica i commenti