Mir: “Il mondiale è complicato, ma non è ancora finito!”

Joan Mir è apparso molto critico al termine della gara di Silverstone per il rendimento delle sue gomme e ha assicurato che il suo pneumatico ha resistito solo per 10 giri, rovinandogli tutte le opportunità di fare un buon risultato.

Mir: “Il mondiale è complicato, ma non è ancora finito!”

Joan Mir partiva molto indietro nella griglia di partenza, in 11esima posizione, ma in soli due giri ha rimontato fino a portarsi in quinta posizione al sesto giro. Tuttavia, dopo l’undicesimo giro di gara, il pilota Suzuki ha iniziato a perdere posizioni e distanza dai piloti di testa. È stato superato a due giri dal termine chiudendo in nona posizione, un risultato che lo allontana molto dalla lotta per il titolo e, per quanto lasci Silverstone in seconda posizione nella classifica generale, paga 65 lunghezze dal leader Fabio Quartararo.

Il campione del mondo in carica riassume così la sua gara: “È stato abbastanza deludente, vedendo quanto bene ho iniziato e quanto ero fiducioso nei primi giri, dove abbiamo recuperato un sacco di posizioni. Ho avuto un problema con la gomma anteriore morbida e questo mi ha fatto perdere molto tempo, non me lo aspettavo. Peccato, non è stata colpa della scelta delle gomme, anche se tutti erano sulla gomma media all'anteriore, che per me sarebbe stata anche la scelta giusta. Ma Fabio ha vinto ed era sulla gomma morbida, quindi bisogna capire cosa è successo oggi”.

 

Un problema con le gomme Michelin è stato una costante quest'anno, come si è visto in Austria con la gomma forata di Miguel Oliveira: "Non lo so, non ho avuto forature alla gomma, non è lo stesso di quello che è successo a Oliveira, ma ho corso tutto il fine settimana senza problemi con questa mescola, ma in gara in soli dieci giri era già consumata, questo mi ha fatto perdere molto tempo. Non credo che ci sia una così grande differenza con la media, Alex Rins è stato in grado di frenare bene e di essere forte in gara, ma ho avuto una flessione ed è stato difficile mantenere la moto dritta. Dobbiamo capire cosa è successo e assumerci la responsabilità di dove è venuto il problema in modo che non accada in altre gare”.

Con la vittoria di Quartararo, combinata con il nono posto di Mir e la sconfitta di Pecco Bagnaia, il mondiale sembra ormai essere nelle mani del francese, che ora incrementa la leadership con 65 punti di vantaggio sul pilota Suzuki a sei gare dalla fine: “Il campionato del mondo è molto complicato, sì, ma non è affatto finito, altrimenti non andrei alla prossima gara. Andrò per vincere e per fare del mio meglio. Mancano ancora molte gare e tutto può succedere. Chiudere un campionato è molto complicato. Quello che mi dispiace di più è non essere stato in grado di dare il cento per cento di quello che avevo, che era più che sufficiente per un nono posto”.

condividi
commenti
Delusione Bagnaia: “Non so quale sia il problema, ma così è dura”

Articolo precedente

Delusione Bagnaia: “Non so quale sia il problema, ma così è dura”

Articolo successivo

Mondiale MotoGP 2021: Quartararo vola a +65 su Mir

Mondiale MotoGP 2021: Quartararo vola a +65 su Mir
Carica i commenti