Mir: "E' difficile da accettare, ma il Mondiale è andato"

Il campione del mondo MotoGP 2020 ha ammesso alla fine della gara di Misano di non essere più in lizza per ripetere l'incredibile impresa che ha realizzato l'anno scorso.

Mir: "E' difficile da accettare, ma il Mondiale è andato"

 

Joan Mir si è pentito di aver sbagliato la scelta della mescola della gomma anteriore sulla sua Suzuki per il Gran Premio di San Marino, optando per la gomma media invece della dura. È stato un errore che ha pagato a caro prezzo.

"È stata una giornata molto dura, mi aspettavo di più. Avevo una gomma anteriore che non era quella giusta e ha condizionato tutta la gara. Eravamo veloci alla fine, ma non abbastanza. Cercheremo di migliorare nella prossima gara", ha detto il maiorchino.

Mir ha tagliato il traguardo in quinta posizione, ma è stato penalizzato di una posizione per essere uscito oltre i limiti della pista all'ultimo giro, quindi si è piazzato sesto. Un risultato che, combinato con il secondo posto del leader del campionato Fabio Quartararo, lo lascia praticamente senza possibilità di confermarsi campione.

"Naturalmente, il primo posto è andato. E' difficile da accettare per me, ma è così", ha detto lo spagnolo.

Ora il pilota Suzuki cercherà di lottare per il secondo posto, ma Pecco Bagnaia e la sua Ducati sembrano essere un passo avanti al momento.

"Non firmerei per un terzo posto. Sarebbe la cosa più semplice che possiamo fare, ma puntiamo a qualcosa di più. Il pacchetto Bagnaia-Ducati è il più forte ora, ma ci sono ancora quattro gare e ci proveremo fino alla fine".

"Ho la sensazione che quest'anno non ho ancora mostrato tutto quello che ho in me. Spero che la mia versione migliore arrivi prima della fine della stagione, e se non sarà così, spero che arrivi l'anno prossimo, dall'inizio del campionato", ha detto, guardando al 2022.

Martedì e mercoledì ci sarà un test a Misano che potrebbe essere cruciale per la Suzuki in questo senso, in quanto sarà testata la moto del prossimo anno.

Leggi anche:

"Credo che abbiano portato alcune cose per poter fermare meglio la moto. Stiamo correndo con un set-up diverso, è più efficace, ma è più esigente sul pneumatico anteriore. Questa è la direzione giusta per il mio stile. Siamo partiti con la mescola media all'anteriore, un errore che non faremo alla prossima. Sono sicuro che Suzuki sta lavorando in quella direzione", ha detto.

"Non so cosa dovremo testare. Sono sicuro che ci saranno cose per il 2022, ma la mia priorità è finire quest'anno al meglio. Tutto ciò che possiamo provare, lo faremo, perché non è lo stessa cosa fare i test con i collaudatori e con i piloti titolari".

A Mir è stato chiesto come sia arrivato a capire di aver sbagliato la scelta della gomma anteriore.

"Mi sono reso conto nei primi giri, che è quando devi spingere di più la gomma anteriore, perché la gomma posteriore ha più grip e spinge, inoltre il serbatoio è pieno. Non c'era modo di fermare la moto. Quando il carburante è andato giù, sono stato in grado di essere più veloce, ma era nell'ultima parte della gara ormai ed era troppo tardi per noi".

Alla fine della gara Mir stava lottando con Marc Márquez e Jack Miller, era quarto ma, alla fine, ha perso una posizione in pista e un altro a causa di una penalità all'ultima curva.

"Non ha fatto alcuna differenza per me essere quarto o sesto, mi stavo solo divertendo. Avevo più ritmo di Miller e Márquez. Sono riuscito a superare Marc, cosa non facile quest'anno. Alla curva 1-2, poi ho impostato il sorpasso su Jack e ho avuto difficoltà a fermare la moto. L'ho bloccato un po' e ho capito che Marc stava per superarci entrambi".

"Poi non so se ho messo la gomma all'esterno o no, e non fa alcuna differenza per me se ho perso uno o due posti. Ci ho provato e sono felice di questo", ha detto, prima di sottolineare: "Ho dato il cento per cento ancora una volta, e ancora una volta non è stato abbastanza", si è lamentato il pilota Suzuki.

Una riflessione che porta a credere che il campione in carica abbia perso la pazienza di fronte ad un anno passato senza alcun miglioramento importante per la GSX-RR.

"Non è una questione di pazienza. So che a volte non dipende solo da me. Devi anche trovare un pacchetto e migliorare. Dentro di me, ciò che mi dà tranquillità è che so che Suzuki sta lavorando sodo. Dobbiamo aspettare che le cose arrivino. È vero, mi piacerebbe averle già, ma non è possibile. Posso capirlo. Non sono a corto di pazienza, perché so che stanno lavorando duramente", ha detto il maiorchino.

condividi
commenti
Marquez: “Per un momento ho pensato di arrendermi”

Articolo precedente

Marquez: “Per un momento ho pensato di arrendermi”

Articolo successivo

Mondiale MotoGP 2021: Quartararo mantiene 48 punti su Bagnaia

Mondiale MotoGP 2021: Quartararo mantiene 48 punti su Bagnaia
Carica i commenti