Miller: "Non so più quante volte Mir mi ha buttato fuori"

Il pilota della Ducati ha espresso tutta la propria rabbia nei confronti di Mir reo, ancora una volta, di averlo colpito in gara. Miller non ha voluto commentare la penalità inflitta allo spagnolo.

Miller: "Non so più quante volte Mir mi ha buttato fuori"

Già ad inizio stagione, in occasione del Gran Premio di Doha, Jack Miller e Joan Mir sono entrati in contatto quando il pilota della Ducati ha risposto in modo rude ad un sorpasso effettuato poco prima dal maiorchino della Suzuki.

In quella occasione i commissari di gara non hanno ritenuto opportuno punire i piloti, classificando l’accaduto come incidente di gara, chiedendo per ad entrambi di mantenere la calma in occasione del round successivo a Portimao.

Due settimane fa, a Misano, Mir e Miller sono entrati nuovamente in contatto e ieri, nel corso dell’ultimo giro del GP delle Americhe, i piloti di Suzuki e Ducati si sono scontrati mentre erano in lotta per la sesta posizione.

Il campione del mondo ha affrontato la curva 16 in modo aggressivo finendo per colpire la Ducati dell’australiano. A fine gara Miller ha affiancato Mir urlandogli in faccia la propria rabbia per la manovra.

Secondo Mir, inoltre, Miller dopo avergli afferrato il caso lo ha anche minacciato.

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Pochi minuti dopo lo sventolare della bandiera a scacchi i commissari hanno deciso di punire il pilota della Suzuki facendolo retrocedere di una posizione alle spalle di Miller. Il pilota della Ducati ha così chiuso in settima piazza, davanti a Mir, mentre entrambi sono stati beffati nel finale da Bastianini.

“La direzione gara fa quello che vuole. A Misano, per l’appuntamento della MotoE, Dominique Aegerter ha ricevuto più di 30 secondi di penalità per una manovra simile compiuta contro Torres e questa decisione ha permesso a Jordi di vincere il titolo. Non sono io che faccio le regole” ha dichiarato un infuriato Miller.

Mir ha dichiarato come il pilota della Ducati fosse decisamente più lento di lui nel finala di gara e stesse chiudendo la porta senza senso ad ogni giro.

Leggi anche:

“Stavo proteggendo la mia linea” ha proseguito Miller. “A Misano ha fatto la stessa cosa. Non mi importa se si scusa, ogni volta che gli sto accanto è la stessa storia. Ho perso il conto delle volte che Joan mi ha buttato fuori”.

“Quello che devo fare è semplicemente lavorare per non trovarmi in quelle posizioni. Dovrei essere uno di quelli che attaccano a fine gara, non uno di quelli che difendono” ha concluso il pilota australiano che a 3 appuntamenti dalla fine del campionato occupa la quarta posizione in classifica con 26 punti di ritardo proprio da Mir.

condividi
commenti
MotoGP: Marquez sceriffo di Austin, Bastianini eroico

Articolo precedente

MotoGP: Marquez sceriffo di Austin, Bastianini eroico

Articolo successivo

Report MotoGP: Marquez soffre meno degli altri sulle buche

Report MotoGP: Marquez soffre meno degli altri sulle buche
Carica i commenti