Miller: "Lo shoey di Assen era una frecciata alla Honda"

Jack Miller ha rivelato che il suo celebre "shoey" in occasione della sua vittoria al GP d'Olanda di MotoGP 2016 è stato uno "frecciata" alla Honda per averlo multato per aver fatto qualcosa di simile a una festa.

Miller: "Lo shoey di Assen era una frecciata alla Honda"

Miller era stato firmato direttamente dalla Honda con un triennale e si è unito alla squadra satellite LCR in MotoGP nel 2015, dopo aver terminato il secondo posto nella classe Moto3 l'anno prima.

Tuttavia, ha faticato in sella alla RC213V-RS della classe Open e si è anche costruito una reputazione negativa all'interno della Honda per il suo comportamento fuori dalla pista.

Anche il passaggio alla Marc VDS per il 2016 e l'adozione di una vera e propria RC213V si è rivelato difficile, anche se Miller avrebbe ottenuto una vittoria sensazionale e la prima per un pilota satellite in un decennio nella gara di Assen di quell'anno.

Sul podio, festeggiò bevendo champagne dal suo stivale, cosa che fu presto copiato dal pilota di Formula 1 Daniel Ricciardo ed erroneamente attribuita a lui.

Commentando i festeggiamenti del TT di Assen del 2016 durante Greatest Races di BT Sport, Miller ha detto: "E' stata una piccola frecciata, perché nel mio primo anno in MotoGP ho avuto problemi, comportandomi male e cose del genere".

"Una sera ho preso una multa alla Honda facendo uno shoey in un afterparty. Quando ho vinto, ho pensato: 'beh, non possono farmi una multa per questo!'".

Leggi anche:

La pioggia violenta del GP d'Olanda del 2016 ha costretto a sospendere la gara, con Miller che ha ammesso di non essere troppo entusiasta di riprendere la corsa, visto che al momento dell'interruzione occupava una settima posizione che gli sarebbe valsa il miglior risultato in carriera in MotoGP fino a quel momento.

"Quando è arrivata la pioggia, a metà della gara, ne cadeva davvero tanta", ha ricordato. "Non ho mai visto una pioggia del genere, a parte forse quassù, nel North Queensland tropicale, dove c'è la pioggia della foresta pluviale".

"Ma in fondo al rettilineo di Assen, probabilmente abbiamo avuto due centimetri di acqua stagnante sulla pista".

"Essendo su una moto da GP, con tantissima potenza, non si riusciva ad aprire il gas. Quindi è stato piuttosto complicato".

"Onestamente, io ero entusiasta del mio risultato quando hanno dato la bandiera rossa. Ero settimo o quello che era ed ero tipo: 'Sì, me lo tengo, sono felice come Larry'".

"Poi mi hanno detto che dovevo tornare in pista di nuovo, e io ero tipo: 'non voglio tornare in pista, sono entusiasta del settimo posto, me lo voglio tenere'".

Miller ha aggiunto cinque podi al suo ruolino di marco l'anno scorso sulla Pramac Ducati, chiudendo all'ottavo posto in classifica, ed è uno dei favoriti ad occupare una delle moto della squadra ufficiale della Ducati nel 2021.

Winner Jack Miller, Marc VDS Racing Honda

Winner Jack Miller, Marc VDS Racing Honda

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Rossi: “Deciderò il mio futuro prima di riprendere le gare”

Articolo precedente

Rossi: “Deciderò il mio futuro prima di riprendere le gare”

Articolo successivo

Ezpeleta: "Pensiamo alla MotoGP con 2 gare per pista in Europa"

Ezpeleta: "Pensiamo alla MotoGP con 2 gare per pista in Europa"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Jack Peter Miller
Team Marc VDS Racing Team
Autore Lewis Duncan