MotoGP
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
30 giorni
14 mag
-
17 mag
Prossimo evento tra
44 giorni
G
GP d'Italia
28 mag
-
31 mag
Prossimo evento tra
58 giorni
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
65 giorni
G
GP di Germania
18 giu
-
21 giu
Prossimo evento tra
79 giorni
G
GP d'Olanda
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
86 giorni
G
GP di Finlandia
09 lug
-
12 lug
Prossimo evento tra
100 giorni
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
128 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
135 giorni
G
GP di Gran Bretagna
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
149 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
163 giorni
G
GP di Aragon
25 set
-
27 set
Prossimo evento tra
178 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
-
04 ott
Prossimo evento tra
185 giorni
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
198 giorni
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
206 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
212 giorni
13 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
227 giorni
20 nov
-
22 nov
Prossimo evento tra
234 giorni
G
GP di Valencia
27 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
241 giorni

Miller: "La battaglia dovrebbe restare in pista, non finire sui media"

condividi
commenti
Miller: "La battaglia dovrebbe restare in pista, non finire sui media"
Di:
19 apr 2018, 19:15

Riguardo alle tante polemiche delle ultime due settimane, il pilota del Pramac Racing ha espresso un pensiero interessante nel corso della conferenza stampa di Austin.

Jack Miller, Pramac Racing, Andrea Dovizioso, Ducati Team
Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing, Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing

La battaglia deve rimanere in pista e non finire sui media: è un concetto che Jack Miller ha espresso in maniera molto chiara durante la conferenza stampa che ha aperto il weekend di Austin della MotoGP.

Inevitabilmente, oggi ha tenuto ancora banco quanto accaduto due settimane fa in Argentina, con il contatto tra Marc Marquez e Valentino Rossi e tutto il polverone mediatico che si è sollevato subito dopo la gara di Termas de Rio Hondo.

Il pilota del Pramac Racing è stato uno dei protagonisti in pista, perché in quell'occasione ha centrato la pole position ed ha chiuso quarto, battagliando per la vittoria quasi fino alla fine. "Jackass" però non si è tirato indietro quando gli è stato chiesto di trattare i temi più caldi.

Quando gli è stato chiesto dell'incontro della Safety Commission di domani, che teoricamente dovrebbe mettere faccia a faccia Rossi e Marquez, l'australiano ha dato un parere interessante su quello che dovrebbe essere fatto dentro e fuori dalla pista per evitare situazioni come quella.

"Penso che debbano essere controllati un po' meglio i duelli all'interno del paddock. Siamo qui per correre in motto, per lottare, la battaglia dovrebbe rimanere in pista e non finire così tanto sui media" ha detto Jack.

"Credo che sia abbastanza chiaro che ci sono persone che vengono da te cercando di indurti a dire qualcosa che possa creare casino e non penso che questo sia il modo corretto. Capisco che tutti cerchino una grande storia per ottenere un grande numero di visualizzazioni, ma a volte viene anche piegata la verità, facendo apparire cattive le persone".

"Penso che la lotta dovrebbe rimanere più in pista ma, naturalmente, anche noi piloti dobbiamo stare attenti a ciò che diciamo, perché le nostre parole possono essere distorte come abbiamo visto molte volte" ha concluso.

Agganciandosi poi ad un discorso di Johann Zarco, che ha sottolineato quanto forse la battaglia tra Marquez e Rossi sia andata un po' troppo sopra alle righe anche in pista, ha espresso un altro spunto piuttosto interessante.

"Ho visto questa situazione evolversi, con tante persone che hanno preso posizione. Voglio solo ricordare a tutti quello che era successo tra Marco Simoncelli e Dani Pedrosa e come è finita. Siamo tutti qui a correre e a rischiare le nostre vite, per questo ritengo che le lotte tra i fan, ma anche tra di noi, siano qualcosa di sciocco e di immaturo. Devono ricordarsi che la vita è corta e che siamo qui a rischiare la nostra".

Articolo successivo
Dovizioso: "Quello che è successo condizionerà il Mondiale, siamo umani"

Articolo precedente

Dovizioso: "Quello che è successo condizionerà il Mondiale, siamo umani"

Articolo successivo

Valentino: "Confermo tutte le mie parole, ma è meglio guardare avanti"

Valentino: "Confermo tutte le mie parole, ma è meglio guardare avanti"
Carica i commenti