MotoGP
23 ago
-
25 ago
Evento concluso
13 set
-
15 set
Evento concluso
20 set
-
22 set
Evento concluso
04 ott
-
06 ott
Evento concluso
18 ott
-
20 ott
Evento concluso
25 ott
-
27 ott
Prossimo evento tra
3 giorni
G
GP della Malesia
01 nov
-
03 nov
Prossimo evento tra
10 giorni
G
GP di Valencia
15 nov
-
17 nov
Prossimo evento tra
24 giorni

Miller: "Ho detto no a KTM, ma era un rischio per la mia carriera"

condividi
commenti
Miller: "Ho detto no a KTM, ma era un rischio per la mia carriera"
Di:
Co-autore: Lewis Duncan
22 ago 2019, 15:08

Jack Miller, fresco di rinnovo con la Ducati Pramac, ha spiegato che è stato difficile dire di no all'offerta che gli era arrivata dalla KTM dopo l'uscita anticipata di Johann Zarco.

A distanza di poche ore da quando il futuro di Miller in Pramac era stato messo in dubbio dalle voci relative ad un ritorno di fiamma tra Jorge Lorenzo e la Ducati, la KTM ha annunciato che Johann Zarco avrebbe lasciato la squadra alla conclusione del primo dei due anni di contratto che aveva firmato con la Casa austriaca.

Tuttavia, a quel punto Lorenzo aveva già deciso di continuare la sua avventura con la Honda e, sebbene il nome di Miller avesse preso decisamente quota in cima alla lista dei desideri della KTM, dopo appena due giorni è stato annunciato il suo rinnovo con Pramac.

Leggi anche:

L'australiano ha ammesso di essere stato tentato dalla prospettiva di un ritorno alla KTM, con la quale aveva lottato per il titolo della Moto3 nel 2014, ma alla fine ha ritenuto che continuare in sella alla Desmosedici GP sarebbe stato più vantaggioso per la sua carriera.

"Di sicuro, ho dovuto pensarci" ha detto Miller. "La KTM è un grande costruttore e con loro ho avuto un passato vincente. Inoltre ho un ottimo rapporto con Stefan Pierer e Pit Beirer. Ho passato dei bei momenti con loro".

"Quindi, voglio dire, è stato difficile rifiutare in quel mondo, ma per me era un rischio in questo momento della mia carriera, quando le cose iniziano ad andare bene, ottenendo dei podi e stando sempre nelle posizioni a cui ambisco".

"Nella mia carriera l'ho già fatto una volta: le cose stavano iniziando ad andare bene, poi ho accettato una nuova sfida e mi sono buttato sotto all'autobus. Mi piacerebbe passare un po' più di tempo seduto sopra all'autobus".

Ora che tutti i dubbi legati al suo futuro sono stati spazzati via, Jack sembra intenzionato a mettere da parte tutti i cattivi pensieri, perché ritiene che non abbia senso rimuginarci. Tuttavia, non si è negato una frecciatina nei confronti di Lorenzo.

Quando gli è stato domandato da Motorsport.com se pensava di meritare un trattamento migliore della Ducati, infatti, ha detto: "Penso che non ci si debba soffermare su questo genere di cose. Voglio dire, Jorge è un tre volte campione del mondo della MotoGP. Ha già vinto sulla Ducati in passato. Diciamo che ha una grande storia".

"Ma ha anche 32 anni. Probabilmente ha saltato metà della scorsa stagione e anche quest'anno ha perso un mucchio di gare. Dobbiamo guardare la realtà della situazione, a che punto si trova della sua carriera. E io penso di aver appena iniziato la fase migliore".

"Ma non è necessario soffermarsi su questo. Non ci sto perdendo il sonno. Lo sappiamo, in questo paddock vengono prese delle decisioni del genere tutti i giorni, quindi non mi disturba affatto" ha concluso.

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing

Photo by: Gold and Goose / LAT Images

Articolo successivo
Zeelenberg: "Se qualcuno può sfidare Marquez, quello è Quartararo"

Articolo precedente

Zeelenberg: "Se qualcuno può sfidare Marquez, quello è Quartararo"

Articolo successivo

Lorenzo: "Avevo dubbi sulla vita, sulla carriera, ma sono scomparsi"

Lorenzo: "Avevo dubbi sulla vita, sulla carriera, ma sono scomparsi"
Carica i commenti