Miller: "Forse non sono il migliore, ma spero di continuare così"

Il pilota della Ducati ha sfruttato al meglio una Desmosedici davvero in palla sul bagnato, commettendo un solo errore nell'occasione del cambio moto e andando a trionfare a Le Mans resistendo nel finale a Zarco.

Miller: "Forse non sono il migliore, ma spero di continuare così"

Jack Miller è stato promosso a pilota ufficiale Ducati in questa stagione e dopo i primi tre round è stato pesantemente criticato per i suoi risultati.

Ora l'australiano ha centrato due vittorie consecutive mettendosi alle spalle il periodo difficile, cominciando con il successo ottenuto a Jerez quindici giorni fa e concedendo il bis al Gran Premio di Francia, in una gara flag-to-flag che lo ha visto anche scontare per due volte un Long Lap Penalty.

Questo ha dato modo a Miller di salire al quarto posto nella classifica del Mondiale, a 16 punti dal leader Fabio Quartararo.

"Finora sembra che la Ducati sia la moto più forte in tutti i circuiti e in tutte le condizioni, forse non hanno il pilota più forte, ma spero di mantenere questo ritmo e continuare a crescere di gara in gara", ha detto sarcasticamente il portacolori di Borgo Panigale.

 

Prima di imprimere il suo grande passo sotto la pioggia, Jack era rientrato per cambiare la moto, ma troppo forte in corsia box, cosa che gli ha causato la doppia punizione sopracitata, che però non ha ben capito.

"Sono arrivato ai box per cambiare la moto e il vento era fortissimo, mi ha quasi fatto volare via! Ho visto Alex Rins cadere e ho mollato un po'. È stato incredibile, mi sento molto fortunato ad essere qui in un giorno come questo e aver vinto la gara, perché tutto avrebbe potuto cambiare con il doppio Long Lap Penalty e tutto quello che è successo".

"In quel momento non volevo crederci, non capivo il perché della penalità. Alla fine mi hanno detto che era per eccesso di velocità nella corsia dei box, anche se mi pareva di essere entrato normalmente in pit-lane".

Dopo il cambio di moto, Miller si è rapidamente avvicinato al gruppo di testa e le cadute da Marc Marquez e Rins gli hanno permesso di passare in seconda posizione, avvicinandosi sempre più a Quartararo.

"Ho visto che avevo un po' più di velocità di Fabio, così ho deciso di passarlo, andare davanti e spingere forte. Gli ultimi giri sono stati molto veloci, ho visto Zarco avvicinarsi ma ho aspettato fino alla fine per cambiare la mappatura perché ho dovuto stare molto attento. Aspettavo che la pista si asciugasse per cambiare le impostazioni da bagnato. A quattro giri dalla fine l'ho fatto perché sapevo che Johann aveva spremuto le gomme per rimontare, e sapevo di averne un po' di più".

Leggi anche:

Nonostante le cadute multiple, alla fine Miller ha dimostrato di essere il pilota più forte in gara.

"Viñales sull'asciutto aveva un gran passo e stava spingendo davvero forte all'inizio, ma evidentemente non era il suo giorno oggi. Mi dispiace per lui. Complimenti a Zarco e Quartararo, che hanno guidato molto bene. Fabio normalmente non è fantastico in queste condizioni, ma all'inizio della gara ha spinto davvero forte, complimenti a lui".

Terza vittoria per lui in MotoGP, seconda di fila, cosa che ad un australiano non accadeva dai tempi di Casey Stoner, nel 2012.

"Effettivamente è passato tantissimo tempo, era l'anno del mio debutto nel Campionato del Mondo... è una sensazione fantastica, mi sento molto fortunato ad essere in questa posizione e continuerò a lavorare per continuare così fino alla fine della stagione".

Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team
Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team
1/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team
Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team
2/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team
Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team
3/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team
Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team
4/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team
Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team
5/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team
Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team
6/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team
Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team
7/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team, bandiera a scacchi
Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team, bandiera a scacchi
8/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team
Jack Miller, Ducati Team
9/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team
Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team
10/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Podio: Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team, secondo classificato Johann Zarco, Pramac Racing, terzo classificato Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Podio: Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team, secondo classificato Johann Zarco, Pramac Racing, terzo classificato Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
11/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team
Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team
12/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team
Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team
13/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team
Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team
14/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team
Il vincitore della gara Jack Miller, Ducati Team
15/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Quartararo: “Più felice del podio che della testa del mondiale”
Articolo precedente

Quartararo: “Più felice del podio che della testa del mondiale”

Articolo successivo

Petrucci sollevato: “Per un momento ho pensato di fare podio”

Petrucci sollevato: “Per un momento ho pensato di fare podio”
Carica i commenti