MotoGP
04 apr
Evento concluso
G
GP d'Argentina
08 apr
Postponed
G
GP delle Americhe
15 apr
Postponed
G
GP di Spagna
02 mag
Gara in
19 giorni
G
GP di Francia
16 mag
Gara in
33 giorni
G
GP d'Italia
30 mag
Gara in
47 giorni
G
GP della Catalogna
06 giu
Gara in
54 giorni
G
GP di Germania
20 giu
Gara in
68 giorni
G
GP d'Olanda
27 giu
Gara in
75 giorni
G
GP di Finlandia
11 lug
Gara in
89 giorni
G
GP d'Austria
15 ago
Gara in
124 giorni
G
GP di Gran Bretagna
29 ago
Gara in
138 giorni
G
GP di Aragon
12 set
Gara in
152 giorni
G
GP di San Marino
19 set
Gara in
159 giorni
G
GP del Giappone
03 ott
Gara in
172 giorni
G
GP d'Australia
24 ott
Gara in
193 giorni
G
GP di Malesia
31 ott
Gara in
200 giorni
G
GP di Valencia
14 nov
Gara in
215 giorni

Martin: "Zarco tra i più forti in MotoGP, voglio imparare da lui"

Jorge Martin esordirà in MotoGP quest'anno come pilota Ducati con il Team Pramac, al fianco del francese Johann Zarco, dal quale vuole imparare in quanto è uno dei piloti più forti della griglia di partenza.

Martin: "Zarco tra i più forti in MotoGP, voglio imparare da lui"

Jorge Martin debutterà in MotoGP nel 2021 con la Ducati, che lo ha ingaggiato per correre con la loro squadra satellite, Pramac, dove avrà una Desmosedici GP 2020, identica, inizialmente, ai piloti ufficiali della casa italiana.

Vincitore della Red Bull Rookies Cup nel 2014 e Campione del Mondo Moto3 nel 2018, Martin ha disputato una sola stagione in Moto2 e a soli 23 anni, che festeggerà a fine mese, diventerà uno dei rookies dell'anno, al fianco di Enea Bastianini e Luca Marini, rispettivamente campione della classe intermedia e secondo classificato dello scorso anno.

Prima dell'atteso debutto, che dopo l'annullamento dei test di Sepang non arriverà fino ai test del Qatar a marzo, Martin ha voluto iniziare il suo allenamento per prepararsi alla stagione e ha avuto a disposizione una Ducati Panigale V4 R SBK per poter guidare per quattro giorni, due a Cartagena e gli ultimi due all'Autodromo di Almeria. Dopo l'ultimao test, il pilota madrileno ha parlato con Motorsport.com per telefono per spiegare come ci si sente ad essere un pilota di MotoGP.

Come sono state le tue prime impressioni alla guida di Ducati, anche se non è una moto da MotoGP?
Le sensazioni sono state molto buone, l'ho affrontato con molto rispetto perché non avevo mai guidato una Superbike prima d'ora, non sapevo come sarebbe stato, la vedevo molto grande e con molta potenza. Ho dovuto fare il rodaggio della moto e lì ho avuto il tempo di iniziare a poco a poco e di adattarmi, quando ho imparato un po' come andava sono entrato in tempi competitivi ed è andata molto bene, davvero. In questi giorni ho anche potuto capire alcuni sistemi che non avevo in Moto2, come l'antiwheelie o il traction control, e sono molto contento, non vedo l'ora di continuare a lavorare.

Da dove è nata l'idea di chiedere una Panigale V4 ed allenarti in pista?
Nel momento in cui ho firmato con la Ducati ho detto loro che avevo bisogno di una moto per allenarmi. Era importante avere una via di mezzo tra la Moto2 e la MotoGP, soprattutto quando si tratta di potenza, e con la Ducati V4 R ho la combinazione perfetta da cui imparare. Ha molta potenza ma il telaio non è molto rigido, è una moto che ti dà molte informazioni e sensazioni.

Più che la moto, che non è quella che guiderai quest'anno, questi primi test ti danno il primo assaggio di essere un pilota di MotoGP? Stai realizzando questa cosa?
Sì, la mentalità cambia, quando si sale su questa moto si vede che tutto accade molto più velocemente e si capisce che bisogna cambiare alcune cose nel modo di allenarsi, concentrarsi su altri dettagli che non avevo contemplato fino ad ora. Sulla moto ci stavo pensando in questi giorni, il sogno sta diventando realtà e la prima gara in Qatar non è lontana.

In che momento ti sei reso conto che avreti corso con i grandi nomi del motociclismo?
Dall'inizio del 2020 ci sono stati costruttori che mi hanno voluto e si vede che i passi per realizzare il tuo sogno sono stati fatti. Quando ho deciso di andare in Ducati è stato il momento in cui me ne sono reso conto, ma ancora prima speravo di passare a una categoria superiore quest'anno, avevo delle opzioni. Il giorno in cui ho concluso l'affare con la Ducati è stato il momento più felice della mia vita.

Pensi che questo momento cruciale della sua carriera arrivi al momento giusto?
Credo di sì, la verità è che, secondo me, ho il livello necessario. In Moto2 ho dimostrato di essere molto competitivo, forse in alcune gare mi mancava un po' di esperienza con la moto, ma quando avevo la moto tra le mani lottavo per il podio e la vittoria, quindi sono molto calmo con me stesso e fiducioso su quello che verrà.

Cosa significa per un pilota correre per un marchio come Ducati?
Per me la Ducati è passione, sentire quello che si guida, questa moto e questa fabbrica significa molto per me. Ricordo mio padre che corse a Jarama con la 748 molti anni fa ed è una bella sensazione. Inoltre, penso che sia la moto più bella, non solo in MotoGP, ma anche nei modelli da strada. Penso che la Panigale sia una bella moto. Anche il rapporto con la direzione è molto buono e con Pramac sarà come essere in famiglia, e per me conta molto.

Il team di Borgo Panigale ha avuto alcuni grandi piloti, ma solo Casey Stoner ha vinto il titolo, ed è successo qualche tempo fa (2007). A cosa pensi che sia dovuto?
Non posso dirtelo perché non sono stato dentro. Dall'esterno, anche se pensi di sapere, non conosci nemmeno il 20% di quello che sta succedendo, quindi non posso dare un'opinione. Penso che i grandi piloti siano passati in Ducati hanno anche coinciso con Marc Márquez in tutti questi anni e anche se penso che la moto fosse al giusto livello, la cosa più difficile è stata battere Márquez, più di ogni altra cosa. Personalmente spero, a medio termine, di avere la mia possibilità. Credo di non avere fretta, sto imparando a poco a poco e spero di avere la possibilità di lottare per il titolo.

Di tutti i grandi piloti che sono stati in Ducati, ne prenderà qualcuno come riferimento, per metodo o per stile di guida?
È difficile, in questo momento il pilota di riferimento che è stato in Ducati è Andrea Dovizioso e sicuramente le sue informazioni saranno utilizzate su molte piste. Ma ogni anno le cose sono diverse, anche i pneumatici, e tutto cambia. Spero di poter imparare molto dal mio compagno di squadra, credo che Johann Zarco sia uno dei piloti più forti in griglia, ha un grande potenziale. Quindi non vedo l'ora di imparare da lui e di migliorare.

Il mondiale dell'anno scorso è stato completamente atipico a causa delle restrizioni sanitarie, e quest'anno ci stiamo dirigendo verso la stessa cosa: un campionato "strano" porterà ancora sorprese e/o esordienti?
Non credo, ciò che è vantaggioso per un esordiente che ha bisogno del suo tempo è una stagione normale, con le sue 19 o 20 gare, i suoi test durante l'anno e la guida al suo massimo. Vediamo come funziona quest'anno e quando potremo allenarci. Al momento abbiamo perso tre giorni di test ed è un peccato. Devo cogliere ogni occasione per allenarmi, come ho fatto in questi giorni con la mia Panigale.

Al momento, per quanto ne sappiamo, non hai mai guidato la GP20, quindi vai un po’ alla cieca. Che tipo di moto ti aspetti di trovare quando arriverai in Qatar?
Non ci sono salito, quindi non ne ho idea. Dalla Ducati mi è stato detto di avere una mente molto aperta, che la moto è molto diversa da quella che ho usato in questi giorni (la Panigale V4 R), quindi mi aspetto una moto rigida, una moto da corsa, che è quello a cui sono abituato. Ora che ho guidato questa moto non ho più tanta ansia per il momento in cui salirò sulla MotoGP come una volta. Sono sicuro che la potenza e la frenata saranno bestiali, ma sono un pilota che ha bisogno di una moto rigida per poter andare veloce e penso che mi sentirò a mio agio con la Ducati.

Quando vai a letto ogni sera e chiudi gli occhi, quali sono i tuoi obiettivi per il 2021, cosa sogni, qual è il tuo obiettivo per il tuo debutto nella classe regina?
Vediamo, io sogno a lungo termine, non per quest'anno. Alla fine voglio obiettivi realistici che posso raggiungere. L'obiettivo più logico è quello di essere rookie dell'anno, alla fine è con gli unici piloti con cui arrivo in condizioni di parità, senza esperienza e con la stessa moto. È con loro che devo confrontarmi. Un obiettivo realistico, anche se complicato, è quello di finire il Campionato del Mondo nella top 10. Si può fare, anche se dovremo lavorare sodo per raggiungerlo, penso che sia l'obiettivo che devo sognare.

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo
1/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo
2/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo
3/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo
4/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo
5/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo
6/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo
7/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo
8/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo
9/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo
10/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo
11/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo
12/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo
13/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo
14/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo
15/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo
16/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo
17/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo
18/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo

Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo
19/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Hector Garzo, Pons HP40, Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo

Hector Garzo, Pons HP40, Jorge Martin, Red Bull KTM Ajo
20/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Avintia Racing

Johann Zarco, Avintia Racing
21/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Avintia Racing

Johann Zarco, Avintia Racing
22/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Avintia Racing

Johann Zarco, Avintia Racing
23/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Avintia Racing

Johann Zarco, Avintia Racing
24/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Avintia Racing

Johann Zarco, Avintia Racing
25/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Avintia Racing

Johann Zarco, Avintia Racing
26/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Ducati resta in MotoGP fino al 2026

Articolo precedente

Ducati resta in MotoGP fino al 2026

Articolo successivo

Santi Hernandez: “Bradl sarebbe il sostituto ideale di Marquez”

Santi Hernandez: “Bradl sarebbe il sostituto ideale di Marquez”
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Jorge Martin
Autore Germán Garcia Casanova