Márquez torna a testare la nuova gerarchia della MotoGP

Quasi nove mesi dopo il suo infortunio, Marc Márquez tornerà nel campionato del mondo MotoGP, dove durante la sua assenza si è creato un nuovo ordine gerarchico che il pilota Honda metterà ora alla prova.

Márquez torna a testare la nuova gerarchia della MotoGP

Venerdì prossimo, 16 aprile, Marc Marquez tornerà su una MotoGP dopo 265 giorni senza farlo, in particolare dal 25 luglio 2020, quando il pilota della Honda ha cercato di riapparire dopo l'infortunio subito la settimana precedente, sempre a Jerez, senza successo.

Marquez, che accumula 82 vittorie in carriera, 56 delle quali nella classe regina, non vince dal 17 novembre 2019, al Gran Premio di Valencia, l'ultimo di quella stagione, più di 500 giorni fa, quasi un anno e mezzo.

Dal suo debutto in MotoGP, nella stagione 2013, lo spagnolo ha aggiunto sei titoli, tutti in cui è stato in pista, tranne il 2015. Prima del suo infortunio l'anno scorso, la gerarchia nel campionato era indiscusso, Marc era il chiaro favorito e intorno a lui turbinava un certo numero di concorrenti con più o meno opzioni.

Con Valentino Rossi non al suo meglio competitivo, Jorge Lorenzo e Dani Pedrosa ritirati e Andrea Dovizioso che si è preso un anno sabbatico, i grandi rivali di Márquez negli anni precedenti al suo infortunio sono scomparsi dalla mappa senza che il nuovo raccolto di giovani talenti sia in grado di affrontare al meglio il miglior pilota degli ultimi anni.

Dalla vittoria di Marc a Valencia, la MotoGP ha visto un totale di 16 Gran Premi, con nove piloti diversi che si sono spartiti le vittorie: quattro Fabio Quartararo, tre Franco Morbidelli, due Maverick Viñales e Miguel Oliveira, e una vittoria ciascuno per Brad Binder, Andrea Dovizioso, Danilo Petrucci, Alex Rins e Joan Mir, il pilota Suzuki che è anche brillantemente diventato campione del mondo 2020, sostituendo l'infortunato Márquez.

In quel tempo la gerarchia nel campionato è cambiato completamente, come hanno i rivali Márquez dovrà affrontare dal prossimo fine settimana.

Joan Mir è ora un pilota molto forte e il campione in carica, e Suzuki è probabilmente la moto più equilibrata sulla griglia, con Alex Rins il complemento perfetto per il maiorchino.

Il team Yamaha, con Quartararo e Viñales, sono nella forma migliore al momento. Il francese, che ha già avuto con Marc nel 2019, è ora un pilota più esperto e, a differenza di allora, ora corre come pilota ufficiale e che accoglierà il ritorno di Marc come secondo assoluto con 36 punti già nel sacco, lo stesso di Maverick. E non dimentichiamo Franco Morbidelli che prima dell'infortunio di Marc era un pilota marginale e che, nel 2020, è diventato uno dei piloti più forti della griglia con la M1 2019.

Con Dovizioso fuori dalla competizione, Ducati ha una formazione completamente nuova per attaccare un campionato che non hanno vinto dal 2007. Con Jack Miller e Pecco Bagnaia promossi al team di fabbrica, Johann Zarco in testa al campionato con 40 punti da Marc e Jorge Martin che debutta nella classe regina dopo aver ottenuto la pole e il suo primo podio in solo la sua seconda gara nella classe regina.

A tutto questo si aggiunge Miguel Oliveira, che ha ottenuto due vittorie l'anno scorso e ha vinto in modo schiacciante sui suoi rivali l'anno scorso a Portimao, proprio dove il pilota #93 farà la sua riapparizione la prossima settimana.

Márquez, che 500 giorni dopo la sua ultima vittoria e dopo quasi nove mesi fuori combattimento, troverà uno scenario completamente diverso da quello che ha lasciato, nella misura in cui l'assenza di un compagno di squadra davvero forte nel suo garage negli ultimi anni ha ora dato modo a un Pol Espargaró che vorrà essere il suo primo rivale e rendere le cose difficili per lui a casa.

Il pilota di Cervera dovrà ora affrontare una nuova generazione guidata da Mir, ma anche la ricomparsa del pilota della Honda metterà alla prova la forza, soprattutto mentale, di questo nuovo ordine gerarchico stabilito in sua assenza, piloti giovani, forti, veloci e talentuosi che non esiteranno a usare tutte le loro armi per evitare che il campionato del mondo MotoGP diventi ancora una volta il giardino di Marc Márquez.

Tutti i vincitori in MotoGP in assenza di Marc Márquez

Stagione  Categoria Circuito Piloto País Constructor
2021 MotoGP Losail International Circuit Fabio Quartararo FRANCE Yamaha
2021 MotoGP Losail International Circuit Maverick Viñales SPAIN Yamaha
2020 MotoGP Algarve International Circuit Miguel Oliveira PORTUGAL KTM
2020 MotoGP Circuit Ricardo Tormo Franco Morbidelli ITALY Yamaha
2020 MotoGP Circuit Ricardo Tormo Joan Mir SPAIN Suzuki
2020 MotoGP MotorLand Aragón Franco Morbidelli ITALY Yamaha
2020 MotoGP MotorLand Aragón Alex Rins SPAIN Suzuki
2020 MotoGP Le Mans Danilo Petrucci ITALY Ducati
2020 MotoGP Circuit de Barcelona-Catalunya Fabio Quartararo FRANCE Yamaha
2020 MotoGP Misano World Circuit Marco Simoncelli Maverick Viñales SPAIN Yamaha
2020 MotoGP Misano World Circuit Marco Simoncelli Franco Morbidelli ITALY Yamaha
2020 MotoGP Red Bull Ring - Spielberg Miguel Oliveira PORTUGAL KTM
2020 MotoGP Red Bull Ring - Spielberg Andrea Dovizioso ITALY Ducati
2020 MotoGP Automotodrom Brno Brad Binder SOUTH AFRICA KTM
2020 MotoGP Circuito de Jerez - Angel Nieto Fabio Quartararo FRANCE Yamaha
2020 MotoGP Circuito de Jerez - Angel Nieto Fabio Quartararo FRANCE Yamaha
2019 MotoGP Circuit Ricardo Tormo Marc Márquez SPAIN Honda

 

condividi
commenti
MotoGP, ufficiale: Marquez ha il via libera, rientra a Portimao!
Articolo precedente

MotoGP, ufficiale: Marquez ha il via libera, rientra a Portimao!

Articolo successivo

Ducati: “La dimensione reale di Martin si vedrà su piste nuove”

Ducati: “La dimensione reale di Martin si vedrà su piste nuove”
Carica i commenti