Marquez stremato: “A otto giri dal termine mi sono arreso”

Marc Marquez chiude il Gran Premio di Jerez in nona posizione, ma nel complesso è contento dell’andamento del weekend, in cui ha notato una progressione dal punto di vista fisico e del feeling con la moto rispetto a Portimao.

Marquez stremato: “A otto giri dal termine mi sono arreso”

A distanza di nove mesi, Marc Marquez è tornato a gareggiare sulla stessa pista dove lo scorso luglio è caduto rovinosamente, fratturandosi il braccio e iniziando un calvario che lo ha portato a restare fermo per tutto il 2020. Il Gran Premio di Spagna è stato solo il secondo appuntamento della stagione in corso per il pilota Honda, che si sta riabituando pian piano dopo quasi un anno di assenza.

L’otto volte campione del mondo ci aveva abituati alle lotte per la vittoria, ma ora lo vediamo viaggiare a metà gruppo, a caccia del feeling con la RC213V, che sta acquisendo nuovamente poco a poco. Marquez è in una fase in cui deve gestire le energie e le forze, non essendo ancora al 100% della forma fisica. A Jerez questo fine settimana ha anche rotto il ghiaccio con le cadute, essendo scivolato sia il sabato nelle FP3 con un grande spavento sia la domenica nel warm-up.

Tutto sommato però la gara non è andata male e il pilota Honda ha tagliato il traguardo in nona posizione. Pur restando lontano dai primi, ha ridotto il distacco di dieci secondi, finendo il Gran Premio di Spagna ancora una volta davanti al suo compagno di squadra. “Chiaramente oggi sono contento. Non è il risultato che vorrei, non è l’obiettivo, ma questo fine settimana mi sono sentito meglio sulla moto. Soffro fisicamente, ma meno di Portimao. Ieri sono caduto e avevo il collo bloccato, ma fa parte delle corse. Il fatto è che quando parti indietro perdi tempo e questo è ciò che è successo”.

 

“All’inizio della gara ho provato ad essere sempre più veloce ed è quello che ho fatto – prosegue – ad un certo punto Zarco e Vinales erano più rapidi, ma vedevo che guidando su quel ritmo calava il mio fisico. A 8 giri dalla fine mi sono arreso. Comunque sono felice perché abbiamo fatto un altro step. In questo weekend abbiamo iniziato a sentire dove bisogna lavorare sulla moto e questo è importante, così possiamo migliorare ancora”.

Nonostante l’enorme stanchezza fisica e un risultato non eccellente, il bilancio del weekend è comunque positivo: “Per me la chiave del weekend è che ho migliorato molto la mia condizione fisica in confronto a Portimao. Oggi ho avuto l’opportunità di seguire Stefan, Pol e anche Johann per qualche giro. Il punto dove perdiamo maggiormente è la metà e l’uscita di curva e dobbiamo capire il motivo. Ora proviamo ad analizzare i dati e domani, se mi alzerò bene, nei test farò alcuni giri per provare alcune cose”.

Il weekend di Jerez è archiviato, ma domani la MotoGP torna in pista sul tracciato andaluso per una giornata di test, a cui prenderà parte anche Marquez: “Vedremo se mi sveglierò in buone condizioni, non farò molti giri, ma solo qualcuno fatto bene. Adesso sono nella situazione in cui posso provare le cose. È vero che perdiamo in alcune zone, non è la miglior situazione. Ma Honda sta lavorando tanto per portare nuove cose, la cosa più importante è non perdere la strada sul feeling del pilota e del team. Cominceremo a vedere cosa hanno fatto l’anno scorso perché non c’ero, cosa sta succedendo, cosa abbiamo, cosa c’era in passato e trovare un equilibrio. Sento che posso guidare la moto come voglio, ma non ho il mio equilibrio”.

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
1/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
2/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
3/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
4/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
5/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
6/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
7/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
8/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
9/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
10/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
11/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
12/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
13/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
14/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
15/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team Marc Marquez, Repsol Honda Team
Pol Espargaro, Repsol Honda Team Marc Marquez, Repsol Honda Team
16/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Quartararo: “Non avevo più forza nel braccio, sono perso”
Articolo precedente

Quartararo: “Non avevo più forza nel braccio, sono perso”

Articolo successivo

Fotogallery MotoGP: grande doppietta Ducati a Jerez

Fotogallery MotoGP: grande doppietta Ducati a Jerez
Carica i commenti