Márquez: “Spesso ho pensato di prendermi una pausa e recuperare”

Marc Márquez ha ammesso alla vigilia del Gran Premio d’Italia che in più di un’occasione dopo il rientro a Portimao ha pensato di prendere una pausa e concentrarsi sulla sua riabilitazione.

Márquez: “Spesso ho pensato di prendermi una pausa e recuperare”

Marc Marquez ha spiegato nel giovedì del Mugello l’evoluzione dell’infortunio che lo ha tenuto fuori dalle gare per nove mesi e i problemi che comporta un recupero di queste dimensioni. Il pilota Honda ha affermato di stare sempre meglio, ma ha ammesso che il calibro del suo infortunio ha provocato degli strascichi che stanno cercando di capire.

“È migliorata la situazione e ho maggiore forza, soprattutto sull’omero, che era l’area prioritaria di questa lesione. In un infortunio di questa portata, quando si risolvono alcune limitazioni ne appaiono altre. L'omero e il gomito sono migliorati e ora il problema è apparso nella spalla. Stiamo cercando di capire, insieme ai medici, cosa sta succedendo. Mi chiedono tempo. Alla fine arriva un punto in cui devi essere abbastanza paziente da prendere il tempo che il mio corpo chiede, ma finché posso darò il cento per cento come ho fatto finora", ha detto il pilota spagnolo.

In questo difficile processo di riabilitazione, arrivare a una pista fisica come quella italiana non aiuta. Inotre, è proprio su questa pista che Marc ha subito un enorme incidente sul rettilineo nel 2013: “Il Mugello sarà difficile per me, devo accettare dove sono e fare il mio fine settimana. Il rettilineo è un punto difficile e quest'anno sarà ancora più veloce”.

Márquez è tornato a Portimao dopo nove mesi fuori dalle gare e senza essere in forma al cento per cento, cercando di finire la sua riabilitazione sulla moto. Tuttavia, a volte ha seriamente considerato di fermarsi di nuovo e finire il suo recupero a casa, non sul circuito: “In un recupero così grave è normale che il dolore e le limitazioni appaiano e si muovano. L'osso è praticamente consolidato, poi è andato al gomito e alla spalla, che è dove sto soffrendo più dolore, irritazione e infiammazione, e che mi impedisce di fare la forza di cui ho bisogno. Questo è lungo, è la mia quarta gara, vorrei dimenticare il mio braccio, ma devo essere realistico e non posso dimenticarlo e concentrarmi solo sulla corsa. Devo essere consapevole che devo bruciare le tappe e con il tempo tutto migliorerà”.

Riferendosi al fatto che ha considerato fermarsi a Jerez, Márquez ha ammesso: “Non solo lì. È una questione che è nell'aria, per alcune ragioni. Se non mi sento bene farò come nel test di Jerez (ha fatto solo 9 giri). Se non hai niente da guadagnare e lo vedi pericoloso, pensi di fermarti, ci abbiamo pensato dopo Portimao, dopo Jerez. L'importante è che la progressione sia verso l'alto. Qui al Mugello soffriremo e il feeling non sarà buono, ma continueremo ad accumulare chilometri e fare un recupero attivo sullo strumento che dobbiamo usare, che è la moto”.

“Dovremo stare attenti agli holeshot e a tutte queste novità sulle moto. La soluzione non è spostare il muro dalla strada, ma abbassare il cambio di quota. È una discussione che abbiamo ogni anno (nella Commissione di sicurezza). Da quando mi sono schiantato, il muro è stato spostato e l'asfalto è stato posato. Prima c'era l'erba e il muro direttamente. L'ha reso un po' più sicuro, ma gli incidenti avvengono a causa del cambio di pendenza e delle buche, come Pirro qualche anno fa. Dobbiamo trovare il problema e cercare di risolverlo. A queste velocità, a 380 non importa dove sia il muro, sei al sicuro", ha detto.

Alcune voci sono state sollevate negli ultimi giorni suggerendo che dopo il suo infortunio Marc Márquez non è più quello che era e che ha perso la sua magia: “"Ascolto ciò che è necessario e ciò che è giusto, sono realista e conosco la mia situazione attuale. So dove voglio arrivare e poi vedremo se ce la farò. Ho la stessa fiducia in me stesso di sempre. A Le Mans ho visto che senza limitazioni fisiche a causa della pioggia la magia è tornata, non avere paura dopo l'incidente, tornare in pista, tornare, essere il più veloce...queste sono cose che mi piacciono, mi danno motivazione. Ma so dove sono e cosa devo migliorare. Dal primo momento in cui ho detto che non sono pronto ad andare veloce, ho dei limiti che sono ancora lì. Dopo nove mesi di ferite hai bisogno di un po' di tempo per rimettere in sesto il tuo corpo. Quando sarà, spero di essere lo stesso di prima”.

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
1/50

Foto di: Dorna

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
2/50

Foto di: Dorna

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
3/50

Foto di: Dorna

Marc Márquez, Repsol Honda Team, y caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Marc Márquez, Repsol Honda Team, y caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
4/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team, y caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Marc Márquez, Repsol Honda Team, y caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
5/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team, y caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Marc Márquez, Repsol Honda Team, y caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
6/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
7/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team en pitlane
Marc Márquez, Repsol Honda Team en pitlane
8/50

Foto di: Dorna

Marc Márquez, Repsol Honda Team en pitlane
Marc Márquez, Repsol Honda Team en pitlane
9/50

Foto di: Dorna

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
10/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
11/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
12/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team, Tito Rabat, Pramac Racing
Marc Márquez, Repsol Honda Team, Tito Rabat, Pramac Racing
13/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
14/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
15/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
16/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
17/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
18/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
19/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
20/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
21/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
22/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
23/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
24/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
25/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
26/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
27/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
28/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
29/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
30/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
31/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
32/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Caída de Marc Márquez, Repsol Honda Team
Caída de Marc Márquez, Repsol Honda Team
33/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Caída de Marc Márquez, Repsol Honda Team
Caída de Marc Márquez, Repsol Honda Team
34/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
35/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
36/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
37/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
38/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Marc Márquez, Repsol Honda Team
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Marc Márquez, Repsol Honda Team
39/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
40/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
41/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
42/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
43/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
44/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
45/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
46/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
47/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
48/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
49/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
50/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
MotoGP: Pramac team satellite Ducati per altri 3 anni
Articolo precedente

MotoGP: Pramac team satellite Ducati per altri 3 anni

Articolo successivo

Quartararo: “Sono al Mugello per attaccare"

Quartararo: “Sono al Mugello per attaccare"
Carica i commenti