MotoGP
30 apr
-
03 mag
Evento concluso
14 mag
-
17 mag
Evento concluso
28 mag
-
31 mag
Evento concluso
04 giu
-
07 giu
Evento in corso . . .
18 giu
-
21 giu
Canceled
25 giu
-
28 giu
Canceled
09 lug
-
12 lug
Canceled
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
62 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
69 giorni
G
GP di Gran Bretagna
27 ago
-
30 ago
Canceled
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
97 giorni
G
GP di Aragon
25 set
-
27 set
Prossimo evento tra
112 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
-
04 ott
Prossimo evento tra
119 giorni
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
132 giorni
23 ott
-
25 ott
Canceled
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
146 giorni
13 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
161 giorni
20 nov
-
22 nov
Prossimo evento tra
168 giorni
G
GP di Valencia
27 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
175 giorni

Marquez punge Dovizioso: "Petrucci è più veloce"

condividi
commenti
Marquez punge Dovizioso: "Petrucci è più veloce"
Di:
Tradotto da: Matteo Nugnes
5 giu 2019, 14:02

Dopo essere stato battuto da Danilo Petrucci al Mugello, Marc Marquez ha affermato che in questo momento "Petrux" è più veloce di Andrea Dovizioso, uomo di punta della Ducati nella caccia al titolo iridato.

Il campione del mondo in carica è stato protagonista di una grande battaglia con i due piloti ufficiali della Casa di Borgo Panigale. Una lotta che si è prolungata fino alla bandiera a scacchi, alla quale ha potuto fare da spettatore anche Alex Rins, senza però inserirsi mai realmente nella contesa per le prime tre posizioni.

Alla fine, con una manovra alla prima curva dell'ultimo giro che ha gelato il sangue a più di una persona, Petrucci è stato in grado di smuovere la casella delle sue vittorie in MotoGP, sette anni e mezzo dopo il suo debutto nella classe regina.

Marquez ha chiuso alle sue spalle, staccato di poco meno di un decimo, mentre Dovi ha chiuso terzo, raddrizzando un weekend che non era iniziato nel migliore dei modi e che lo ha visto costretto a passare anche dalla Q1, scattando dal nono posto sulla griglia di partenza.

 

L'addio di Jorge Lorenzo alla Ducati fa parte della nuova politica voluta dal costruttore bolognese, che ha promoso Petrucci al posto dello spagnolo con l'obiettivo di aiutare Dovizioso e formare un fronte comune contro Marquez.

Secondo il pilota della Honda, tuttavia, gli ultimi tre Gran Premi dimostrano che il nuovo arrivato è diventato più forte del suo caposquadra, quindi secondo lui sarà importante vedere come si evolveranno le cose.

"Se analizzi bene le cose, ti rendi conto che Petrucci è più veloce di Dovizioso. Ed è a 33 punti, quindi è un altro rivale nella lotta per il Mondiale. A Le Mans, Danilo è stato più veloce di Dovi, ma alla fine non è riuscito a passarlo. E anche a Jerez gli è stato molto vicino" ha spiegato Marquez, che quindi considera pericolosi entrambi i ducatisti.

Leggi anche:

"Le due Ducati stanno andando molto forte. Ma a questo punto, chiunque riuscirà a vincere, ci proverà. Se Petrucci fosse a 80 punti lo capirebbe, ma è a 33 (è quarto), quindi è un altro candidato per il Mondiale" sostiene lo spagnolo, ovviamente deluso dall'essere stato battuto ancora una volta da una Ducati, ma soddisfatto del bottino che si è portato a casa su una pista in cui si aspettava di soffrire.

"Nei circuiti su cui siamo a posto, non lasciamo opzioni nel corpo a corpo, e dove siamo più in difficoltà abbiamo lottato per la vittoria fino alla fine" ha detto Marquez, leader della classifica generale con 12 punti di margine su Dovizioso e 27 su Rins, terzo.

Scorrimento
Lista

Petrucci, Dovizioso, Márquez y Rins encaran el penúltimo paso por meta

Petrucci, Dovizioso, Márquez y Rins encaran el penúltimo paso por meta
1/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

San Donato, al final de la recta, Márquez se abre por la inercia de la frenada y se le meten por dentro Dovizioso y Petrucci

San Donato, al final de la recta, Márquez se abre por la inercia de la frenada y se le meten por dentro Dovizioso y Petrucci
2/11

Foto di: Ducati Corse

Prácticamente en paralelo, Petrucci ve el hueco por el interior y le mete la moto a Dovi

Prácticamente en paralelo, Petrucci ve el hueco por el interior y le mete la moto a Dovi
3/11

Foto di: Ducati Corse

Los tres pilotos en paralelo, ninguno quiere ceder la posición, les separan milínmetros

Los tres pilotos en paralelo, ninguno quiere ceder la posición, les separan milínmetros
4/11

Foto di: Ducati Corse

La distancia entre Marc que va por fuera, y Dovi es mínima

La distancia entre Marc que va por fuera, y Dovi es mínima
5/11

Foto di: Ducati Corse

Dovizioso es el primero en rendirse, cede, levanta la moto y le pasan

Dovizioso es el primero en rendirse, cede, levanta la moto y le pasan
6/11

Foto di: Ducati Corse

Con Dovizioso vencido, Petrux supera a Marc porque va por el sitio bueno, el interior, tiene que recorrer menos metros que el de Honda

Con Dovizioso vencido, Petrux supera a Marc porque va por el sitio bueno, el interior, tiene que recorrer menos metros que el de Honda
7/11

Foto di: Ducati Corse

Petrucci sale por delante en la primera curva, va lanzado pero Márquez le sigue de cerca y no ceja en su empeño

Petrucci sale por delante en la primera curva, va lanzado pero Márquez le sigue de cerca y no ceja en su empeño
8/11

Foto di: Ducati Corse

Petrucci hace una última vuelta perfecta, con velocidad y tapando todos los huecos a Márquez, que no puede con el italiano

Petrucci hace una última vuelta perfecta, con velocidad y tapando todos los huecos a Márquez, que no puede con el italiano
9/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Petrucci gana la carrera, Márquez acaba segundo a solo 0.043 milésimas de segundo

Petrucci gana la carrera, Márquez acaba segundo a solo 0.043 milésimas de segundo
10/11

Foto di: Ducati Corse

Andrea Dovizioso entra tercero a la meta, a 0.338 de Petrucci

Andrea Dovizioso entra tercero a la meta, a 0.338 de Petrucci
11/11

Foto di: Ducati Corse

 

Articolo successivo
La Yamaha può uscire dal tunnel o può solo limitare i danni fino al 2020?

Articolo precedente

La Yamaha può uscire dal tunnel o può solo limitare i danni fino al 2020?

Articolo successivo

Aprilia, Iannone prova ad alzare l'asticella: "L'obiettivo ora è raggiungere Aleix"

Aprilia, Iannone prova ad alzare l'asticella: "L'obiettivo ora è raggiungere Aleix"
Carica i commenti