Marquez: "Tornare quello di prima? Ci provo, ma non lo prometto"

Marc Marquez ha spiegato oggi a Spielberg che sta lavorando per ritrovare il vecchio se stesso, ma ha anche ammesso che riuscirci non dipende solo da lui.

Marquez: "Tornare quello di prima? Ci provo, ma non lo prometto"

Dal momento che il pilota della Honda è tornato a correre nel Gran Premio del Portogallo, dopo nove mesi in disparte, nei quali ha dovuto recuperare da un grave infortunio al braccio destro, sono passati altri quattro mesi e il Marc Marquez di oggi è lontano dall'essere il pilota che ricordavano tutti gli appassionati di motociclismo.

Marquez è passato dall'essere il grande dominatore della classe regina, un pilota che vinceva regolarmente gare e campionati, ad un pilota che si confonde facilmente nel gruppo della classe regina.

Oggi pomeriggio quindi gli è stato chiesto se c'è speranza di vederlo tornare ad essere il Marquez di un tempo.

"Direi che questa è l'intenzione e prometto che ci proverò. Quello che non posso promettere è che ci riuscirò, perché non posso saperlo", ha detto l'otto volte campione del mondo.

"Sento e ricevo l'interesse dei tifosi sulla mia forma fisica. Non so cosa succederà, ma so molto bene dove sono in questo momento. Sappiamo come migliorare, ma dobbiamo avere pazienza", ha avvertito.

"Non voglio affrettare i miglioramenti. Prima c'è un osso che deve consolidarsi al cento per cento, poi vedremo dove arrivo e valuteremo la situazione. L'ho detto a Portimao, la prima cosa era salire sulla moto, poi sentirmi meglio e poi tornare al vecchio me stesso", ha detto, riassumendo la tabella di marcia della sua riabilitazione.

Detto questo, Márquez ha voluto qualificare il significato di "ritorno al vecchio me stesso".

"Tornare al mio vecchio me stesso non significa vincere come prima o vincere un sacco di gare, significa guidare come detta l'istinto, in modo naturale. Poi, se vinco o no, gli avversari stanno migliorando e i piloti diventano più forti ogni anno, quindi il tempo lo dirà. Ho capito che non è un recupero che cambierà in un mese, è un recupero che può richiedere un anno, ma ora ho un livello accettabile per essere competitivo in pista. Quello che succede è che prima ero molto più competitivo".

La pazienza è ormai una delle virtù che il pilota Honda, abituato normalmente a vivere la vita a ritmo serrato, deve coltivare maggiormente.

"All'inizio volevo migliorare ogni giorno, ma ogni giorno capisco che devo essere calmo, sono più realista sulla mia condizione fisica e metto da parte i commenti esterni. La pazienza è una delle virtù che prima odiavo e che non avevo, ma con il tempo e l'esperienza vedi che ti porta sulla strada giusta. Quindi più pazienza", ha aggiunto, in riferimento ai tifosi che vogliono vederlo vincere di nuovo ogni domenica.

Una delle novità del fine settimana sulla moto di Marc erano alcune parti sul serbatoio per adattarsi meglio alle sue gambe. Un ulteriore aiuto alla sua condizione fisica.

"L'accoppiamento del serbatoio è un piccolo aiuto per cercare di forzare meno il braccio. Non voglio mentire e dire qualcos'altro, serve a cercare di usare meno forza, non ci cambierà la vita, ma se può darci mezzo decimo al giro o un secondo alla fine della gara è molto".


Durante la FP2, Márquez ha superato Joan Mir e il pilota della Suzuki ha detto che la manovra era stata un po' al limite, e che lo aveva sorpreso visto che era solo FP2.

"Non era nemmeno una manovra... non lo so!", ha detto un Marc sorpreso.

"Ero due secondi più veloce e l'ho passato normalmente, ho fatto la mia linea e il tempo era buono. L'ho rispettato per tutto il giro e finché non ho visto che era chiaro non l'ho passato. Non è stato uno sforzo, stavo arrivando più veloce e l'ho passato, proprio così", ha detto.

Per Márquez, che ha perso l'atipica stagione 2020 a causa di un infortunio, questa è la prima volta che ha guidato due volte sulla stessa pista, qualcosa che gli permette di avere i propri riferimenti, non quelli di altri piloti.

"Oggi abbiamo provato alcune cose, ma è un peccato che abbia piovuto, perché questo complicherà il nostro lavoro domani", ha detto.

"Stiamo lavorando per il futuro e dobbiamo prendere alcuni rischi, domani partirò con due moto diverse dallo scorso fine settimana per testare alcune parti. E questo in FP3 può penalizzarci molto in termini di passare o meno in Q2, ma è necessario, non è l'ideale, ma dobbiamo provare. Stiamo lavorando per capire le cose per il futuro", ha insistito il pilota di Cervera.

condividi
commenti
Rossi: "Il video di Vinales? Mi aspettavo peggio"
Articolo precedente

Rossi: "Il video di Vinales? Mi aspettavo peggio"

Articolo successivo

Bagnaia: "Non possiamo perdere altri punti da Quartararo"

Bagnaia: "Non possiamo perdere altri punti da Quartararo"
Carica i commenti