MotoGP
04 ott
-
06 ott
Evento concluso
18 ott
-
20 ott
Evento concluso
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso

Marquez imbattibile anche a Brno, Dovizioso ci prova ma non basta

condividi
commenti
Marquez imbattibile anche a Brno, Dovizioso ci prova ma non basta
Di:
4 ago 2019, 13:36

Il pilota della Honda centra la 50esima vittoria in carriera nella classe regina a vola a +63 sul ducatista, che regge il ritmo solo per due terzi di gara. Miller "soffia" il podio a Rins nel finale, Valentino invece è sesto e primo delle Yamaha.

Lo scorso anno Andrea Dovizioso è stato il pilota che ha fatto più punti nella seconda parte del campionato e la sua progressione era iniziata proprio a Brno, dopo la pausa estiva. Il Gran Premio della Repubblica Ceca era un appuntamento importante per il pilota della Ducati, perché sulla carta era una pista favorevole alla Desmosedici GP per provare a ridurre i 58 punti di distacco che lo separavano da Marc Marquez.

Sul saliscendi ceco però il pilota della Honda ha piazzato un altro colpo che ha il sapore del ko, centrando la sua sesta vittoria stagionale, la 50esima in MotoGP, in una gara accorciata di un giro e partita con un ritardo abissale a causa della pioggia arrivata subito dopo la fine della Moto2 che aveva invitato alla prudenza.

In condizioni che alla fine hanno permesso a tutti di partire con le gomme slick, "Desmodovi" è riuscito a rimanere alla ruota di Marc per circa 12 giri, ma poi la sua gomma media posteriore forse ha accusato un calo più grande rispetto a quello delle soft della maggior parte della concorrenza e quindi ha visto la RC213V #93 allontanarsi sempre di più ed involarsi solitaria verso la bandiera a scacchi ed il +63 iridato.

 

Il tutto ovviamente con un brivido che per Marquez non può mai mancare, quando proprio al 12esimo giro ha avuto una chiusura dell'anteriore alla curva 10, che ha gestito con la consueta maestria, aggiungendo un po' di pepe ad una domenica che lo ha visto entrare sempre di più nella storia del motociclismo, nella quale ha eguagliato le 76 vittorie nel Mondiale di Mike Hailwood.

Negli ultimi giri sembrava che Dovizioso dovesse difendersi anche dal ritorno della Suzuki di Alex Rins, ma forse per provare ad andare a riprenderlo lo spagnolo ha chiesto troppo alle sue gomme e quindi il forlivese ha avuto vita facile per portare a casa un secondo posto che almeno lo riporta sul podio (non ci saliva dal Mugello), ma sicuramente lascerà un po' di amaro in bocca. Come direbbe lui, è la riprova che la Ducati è competitiva, ma che non basta per battere Marquez.

Per la Ducati però è stata una buona giornata, perché alla fine quello che è andato davvero in difficoltà è stato Rins, che al penultimo giro ha ceduto la terza posizione a Jack Miller, che ha chiuso in bellezza un weekend nel quale era stato costantemente veloce, andando a conquistare il suo secondo podio stagionale dopo quello di Austin. Peccato invece per lo spagnolo della Suzuki, che ha visto sfuggire negli ultimi chilometri un podio che aveva gestito bene fin dalle prime fasi.

A completare la top 5 c'è la Honda LCR di Cal Crutchlow, mentre bisogna scorrere la classifica fino alla sesta posizione per trovare la migliore delle Yamaha, che è quella di Valentino Rossi. Il "Dottore" ha incassato un ritardo di 9", ma il problema più grande è che su un pista dove conta di più il motore rispetto alle ultime due, la M1 è tornata ad essere la quarta forza in gara.

Leggi anche:

Cosa confermata anche dal settimo posto di Fabio Quartararo, che ha vissuto una domenica senza acuti, ma soprattutto il decimo di Maverick Vinales: fino al Warm-Up, il pilota spagnolo sembrava avere tutte le carte in regola per battagliare per la vittoria pur partendo dalla terza fila, ma è scattatto malissimo e poi non è mai riuscito a trovare il ritmo giusto per risalire la china.

Nella giornata in cui la Ducati è riuscita a piazzare due moto sul podio, stona anche la prestazione di Danilo Petrucci: il pilota di Terni aveva fatto la stessa scelta di gomme di Dovizioso, ma ha chiuso distanziato di oltre 11" dal compagno di squadra un weekend duro, nel quale ha dovuto fare i conti anche con la scomparsa del suo addetto stampa Luca Semprini.

Dopo il grande exploit delle qualifiche sul bagnato, con l'asciutto si sono decisamente perse le due KTM: Pol Espargaro è stato per buona parte della gara incollato a Rossi, ma poi è crollato nel finale, arretrando fino all'11esima posizione. Johann Zarco invece è partito malissimo dalla prima fila (era sulla parte umida della griglia, ed ha chiuso 14esimo.

Qualche punticino lo ha portato a casa anche Pecco Bagnaia, 12esimo con la sua Ducati Pramac, mentre è stata una domenica da dimenticare per i colori dell'Aprilia, con Andrea Iannone ed Aleix Espargaro a braccetto in 17esima e 18esima posizione, con un distacco di quasi 40 secondi dal vincitore. Peccato, infine, anche per Franco Morbidelli, ritirato dopo poche curve per una scivolata nella quale ha coinvolto anche Joan Mir, dopo essere stato toccato però dalla KTM di Zarco.

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari Punti
1 Spain Marc Márquez Alenta
Honda 20 39'24.430 164.5 25
2 Italy Andrea Dovizioso
Ducati 20 39'26.882 2.452 2.452 164.3 20
3 Australia Jack Peter Miller
Ducati 20 39'27.927 3.497 1.045 164.2 16
4 Spain Alejandro Álex Rins Navarro
Suzuki 20 39'29.288 4.858 1.361 164.1 13
5 United Kingdom Cal Crutchlow
Honda 20 39'30.437 6.007 1.149 164.1 11
6 Italy Valentino Rossi
Yamaha 20 39'33.513 9.083 3.076 163.8 10
7 France Fabio Quartararo
Yamaha 20 39'36.522 12.092 3.009 163.6 9
8 Italy Danilo Carlo Petrucci
Ducati 20 39'38.406 13.976 1.884 163.5 8
9 Japan Takaaki Nakagami
Honda 20 39'40.154 15.724 1.748 163.4 7
10 Spain Maverick Viñales Ruiz
Yamaha 20 39'40.988 16.558 0.834 163.3 6
11 Spain Pol Espargaró Villà
KTM 20 39'42.664 18.234 1.676 163.2 5
12 Italy Francesco Bagnaia
Ducati 20 39'44.168 19.738 1.504 163.1 4
13 Portugal Miguel Oliveira
KTM 20 39'46.969 22.539 2.801 162.9 3
14 France Johann Zarco
KTM 20 39'54.889 30.459 7.920 162.4 2
15 Germany Stefan Bradl
Honda 20 39'54.930 30.500 0.041 162.4 1
16 Spain Esteve "Tito" Rabat Bergada
Ducati 20 39'55.185 30.755 0.255 162.4
17 Italy Andrea Iannone
Aprilia 20 40'01.600 37.170 6.415 161.9
18 Spain Aleix Espargaró Villà
Aprilia 20 40'01.773 37.343 0.173 161.9
19 Czech Republic Karel Abraham
Ducati 20 40'08.726 44.296 6.953 161.5
20 France Sylvain Guintoli
Suzuki 20 40'13.368 48.938 4.642 161.1
Malaysia Hafizh Syahrin
KTM 6 11'59.511 14 Laps 14 Laps 162.2
Italy Franco Morbidelli
Yamaha
Spain Joan Mir Mayrata
Suzuki
Articolo successivo
LIVE MotoGP, GP della Repubblica Ceca: Gara

Articolo precedente

LIVE MotoGP, GP della Repubblica Ceca: Gara

Articolo successivo

Mondiale MotoGP 2019: Marquez allunga ancora, +63 su Dovizioso

Mondiale MotoGP 2019: Marquez allunga ancora, +63 su Dovizioso
Carica i commenti