Marquez firma una super pole ad Assen, ma in prima fila c'è anche Valentino

condividi
commenti
Marquez firma una super pole ad Assen, ma in prima fila c'è anche Valentino
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
30 giu 2018, 13:05

75esima partenza al palo in carriera per il pilota della Honda, che precede Crutchlow ed il "Dottore", che si riprende alla grande dopo la caduta in FP4. Dovizioso apre la seconda fila, solo decimo invece Lorenzo.

Quella di Assen è stata probabilmente una delle qualifiche più serrate di questi ultimi anni di MotoGP, perché abbiamo dovuto aspettare che tutti transitassero sotto alla bandiera a scacchi per delineare la classifica finale. Basta chiederlo ad Andrea Iannone per conferma, visto che a tempo scaduto si trovava in pole position e poi ha concluso addirittura in nona posizione, anche se a solo tre decimi.

Alla fine a spuntarla è stato Marc Marquez, firmando la sua seconda pole position stagionale, la 75esima in carriera in tutte le classi, con un crono di 1'32"791 che gli ha permesso di beffare per appena 41 millesimi l'altra Honda con i colori LCR affidata a Cal Crutchlow. Il leader del Mondiale non sembrava troppo in palla in questa Q2, ma proprio all'ultimo giro ha trovato la zampata giusta per rimettersi davanti.

Così come una bellissima zampata l'ha trovata Valentino Rossi, strappando una prima fila che fino a pochi istanti dal termine pareva decisamente insperata: una caduta alla curva 7 nella FP4 sembrava avergli tolto ritmo, ma sotto alla bandiera a scacchi ha sfoderato un 1'32"850 che gli è valso il terzo tempo.

Peccato per Andrea Dovizioso, che ha visto soffiarsi la prima fila per appena 20 millesimi dal "Dottore". Vedere una Ducati a meno di un decimo dalla pole position ad Assen però è sicuramente il messaggio più importante per "Desmodovi", che in ottica gara sembra dotato di un ottimo passo con la gomma dura al posteriore.

Leggi anche:

A dividere la seconda fila con il forlivese ci saranno Alex Rins, bravissimo a scalare la classifica dopo aver passato il taglio della Q1 con la sua Suzuki, azzardando anche una gomma dura al posteriore nel primo run, ed un Maverick Vinales dal quale invece ci si aspettava probabilmente di più in questa qualifica dopo un weekend tutto da protagonista. E' anche vero però che, pur essendo sesto, è a meno di due decimi dalla pole.

La terza fila si aprirà con l'Aprilia di un Aleix Espargaro capace di portare la RS-GP nelle posizioni che contano, davanti alla Yamaha Tech 3 di Johann Zarco, pure lui arrivato in Q2 dopo essere stato il più veloce nella Q1. Come detto, in nona posizione troveremo poi Andrea Iannone, che non è il solo deluso però, perché alle sue spalle c'è la Ducati di Jorge Lorenzo, che sicuramente a pochi secondi dal termine aspirava a qualcosa in più del decimo posto, visto che il maiorchino era secondo.

Più staccado Danilo Petrucci, che oggi non è mai riuscito a riprorsi sul buon ritmo proposto nella giornata di ieri, mentre il quadro dei piloti che hanno avuto accesso alla Q2 si completa con la Ducati Aspar di Alvaro Bautista, che forse avrebbe potuto fare meglio senza una caduta nella FP4, nella quale la sua prima Desmosedici GP ha accusato anche un principio d'incendio. Un peccato, perché su quella c'era qualche soluzione che avrebbe potuto fare la differenza.

La Q1 è stata veramente tiratissima, con ben sei piloti racchiusi nello spazio di appena 94 millesimi, e il primo a farne le spese è stato Takaaki Nakagami: il pilota della Honda LCR è stato beffato da Zarco a tempo scaduto, rimanendo fuori per appena 47 millesimi.

Accanto a lui, in quinta fila, ci saranno la Ducati Avintia di Tito Rabat e la Yamaha Tech 3 di Hafizh Syahrin, entrambi staccati di 88 millesimi, con lo stesso identico tempo. Solo 16esimo in griglia invece Jack Miller, sesto a 94 millesimi nella Q1 con la Ducati del Pramac Racing.

E' stata una giornata addirittura da dimenticare per Dani Pedrosa, che si ritrova 18esimo in griglia con la Honda ufficiale, alle spalle anche dell'Aprilia di Scott Redding, che invece sembra aver fatto un passettino in avanti con la sua RS-GP. Ad impressionare però è l'oltre mezzo secondo di ritardo che il #26 si è visto rifilare dal miglior tempo del segmento inaugurale della qualifica.

Male anche le due KTM, con Bradley Smith e Pol Espargaro che andranno a schierare le loro RC16 in 20esima e 21esima posizione, alle spalle anche della Ducati Aspar di Karel Abraham. Da ricordare, infine, il forfait di Franco Morbidelli, fermato dai dottori dopo aver riportato la frattura del terzo metacarpo della mano sinistra in una caduta avvenuta nel corso della terza sessione di prove libere.

Classifica Q2

Cla # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Speed Trap
1 93 Spain Marc Márquez Alenta Honda 8 1'32.791     176.215 313
2 35 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 8 1'32.832 0.041 0.041 176.137 314
3 46 Italy Valentino Rossi Yamaha 8 1'32.850 0.059 0.018 176.103 309
4 4 Italy Andrea Dovizioso Ducati 8 1'32.870 0.079 0.020 176.065 315
5 42 Spain Alex Rins Suzuki 7 1'32.933 0.142 0.063 175.946 311
6 25 Spain Maverick Viñales Yamaha 8 1'32.984 0.193 0.051 175.849 314
7 41 Spain Aleix Espargaro Aprilia 8 1'33.029 0.238 0.045 175.764 311
8 5 France Johann Zarco Yamaha 7 1'33.072 0.281 0.043 175.683 309
9 29 Italy Andrea Iannone Suzuki 8 1'33.120 0.329 0.048 175.592 309
10 99 Spain Jorge Lorenzo Ducati 8 1'33.167 0.376 0.047 175.504 313
11 9 Italy Danilo Petrucci Ducati 7 1'33.292 0.501 0.125 175.269 311
12 19 Spain Alvaro Bautista Ducati 8 1'34.015 1.224 0.723 173.921 311

Classifica Q1

Cla # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Speed Trap
1 5 France Johann Zarco Yamaha 8 1'33.578     174.733 309
2 42 Spain Alex Rins Suzuki 8 1'33.600 0.022 0.022 174.692 308
3 30 Japan Takaaki Nakagami Honda 9 1'33.625 0.047 0.025 174.645 307
4 53 Spain Tito Rabat Ducati 8 1'33.666 0.088 0.041 174.569 308
5 55 Malaysia Hafizh Syahrin Yamaha 8 1'33.666 0.088 0.000 174.569 308
6 43 Australia Jack Miller Ducati 8 1'33.672 0.094 0.006 174.558 310
7 45 United Kingdom Scott Redding Aprilia 8 1'33.995 0.417 0.323 173.958 310
8 26 Spain Daniel Pedrosa Honda 8 1'34.125 0.547 0.130 173.717 313
9 17 Czech Republic Karel Abraham Ducati 8 1'34.145 0.567 0.020 173.681 309
10 38 United Kingdom Bradley Smith KTM 8 1'34.149 0.571 0.004 173.673 308
11 44 Spain Pol Espargaro KTM 8 1'34.268 0.690 0.119 173.454 314
12 12 Switzerland Thomas Lüthi Honda 8 1'35.192 1.614 0.924 171.770 306
13 10 Belgium Xavier Simeon Ducati 8 1'35.646 2.068 0.454 170.955 307
  21 Italy Franco Morbidelli Honda            

 

Prossimo articolo MotoGP
Espargaro piazza l'Aprilia in terza fila ad Assen: "Abbiamo dimostrato che ci siamo!"

Previous article

Espargaro piazza l'Aprilia in terza fila ad Assen: "Abbiamo dimostrato che ci siamo!"

Next article

Assen, Libere 4: Marquez fa paura a tutti con un gran passo, cade Valentino

Assen, Libere 4: Marquez fa paura a tutti con un gran passo, cade Valentino