Marquez e Sainz diventano protagonisti de La Casa di Carta

Marc Marquez e Carlos Sainz sono i nuovi protagonisti dello spot di Estrella Galicia che omaggia La Casa di Carta, serie tv diventata fenomeno mondiale e che si appresta a concludersi con l’uscita dell’ultima stagione il prossimo mese.

Marquez e Sainz diventano protagonisti de La Casa di Carta

Nomi di città, tute rosse, un Professore e maschere di Salvador Dalì: sì, avete capito bene. Parliamo de La Casa di Carta, la serie tv spagnola diventata fenomeno mondiale e amata in moltissimi paesi. Chi non si è mai immedesimato in almeno uno dei personaggi o ha immaginato, almeno una volta, di far parte della banda più famosa e amata delle serie tv? Sempre dopo quella del Libanese e del Freddo, sia chiaro. 

Nel corso delle quattro stagioni, si sono susseguiti diversi personaggi che hanno indossato la tuta rossa e hanno fatto parte della Resistencia, denominazione che ricorda la vera e propria Resistenza partigiana (con tanto di Bella Ciao come colonna sonora). Ma ora, una volta tolta la maschera di Dalì, spuntano due volti familiari al motorsport. Già, la banda di rapinatori vanta ora due nomi d’eccezione, si tratta di Marc Marquez e Carlos Sainz.

Marc Marquez, La Casa di Carta

Marc Marquez, La Casa di Carta

Punte di diamante spagnole della MotoGP e della Formula 1 rispettivamente, Marquez e Sainz si sono uniti alla Resistencia. I due piloti, che portano in alto la Spagna nel motorsport attuale, sono infatti protagonisti del nuovo spot di Estrella Galicia, il marchio iberico di birra che fa da sponsor a entrambi nelle loro categorie. Il produttore di birre ha colto l’occasione dell’uscita della stagione finale de La Casa di Carta, creando uno spot che mettesse in luce anche le caratteristiche dei due piloti.

Per l’occasione, Estrella Galicia ha creato due diversi spot in cui i piloti potessero essere protagonisti. La voce narrante è quella di Berlino, uno dei personaggi più amati della serie, che crea un parallelismo fra la serie tv e le peculiarità dei due talenti. Nel caso di Marc Marquez, il motto è “Restsenza è cadere e rialzarsi”, in riferimento al calvario dell’otto volte campione di MotoGP, costretto a fermarsi nel 2020 per l’infortunio al braccio.

 

“Immagina di poter tornare indietro nel tempo – recita Berlino nello spot con protagonista Marc Marquez – tornare a quell’istante che precede il pianto, che precede la sofferenza, il dolore, la caduta, il colpo. Alcuni diranno che tornare indietro è l’unico modo per recuperare il tempo. Ma siamo la Resistenza. E noi sappiamo che il tempo non si recupera. Il tempo si anticipa. La storia finisce. La Resistenza continua”. Lo sport esce proprio oggi, giorno in cui Honda ha annunciato il forfait di Marquez a Valencia a causa di una lesione al nervo ottico destro, lo stesso che lo aveva fermato nel 2011.

Dalla tuta rossa della Ferrari alla tuta rossa della banda il passo è breve. Ecco che Carlos Sainz smette i panni di pilota e indossa quelli di rapinatore nello spot di cui è protagonista. Stavolta il motto è “Resistenza è tracciare il proprio cammino”. Proprio come nella versione con Marquez, è Berlino a dare voce allo spot: “Dicono che il rosso simboleggi il sangue, il fuoco, il colore di Marte, il pericolo. Ciò che è stato scelto dalla natura per evitarlo...ti brucerai. Forse per questo non tutti sono destinati a indossare una tuta rossa. Rosso. Resistenza. La storia finisce. La Resistenza continua”.

 
condividi
commenti
Rossi: “Ecco la mia ultima gara, ma penso sia giusto così”
Articolo precedente

Rossi: “Ecco la mia ultima gara, ma penso sia giusto così”

Articolo successivo

Mir, un anno senza vincere: “È una cosa difficile da digerire”

Mir, un anno senza vincere: “È una cosa difficile da digerire”
Carica i commenti