Marquez è convinto: "Io e Lorenzo non faremo come Senna e Prost"

condividi
commenti
Marquez è convinto:
Germán Garcia Casanova
Di: Germán Garcia Casanova
25 nov 2018, 11:56

Nelle prossime due stagioni, Jorge Lorenzo dividerà il box della Honda con Marc Marquez e non sono pochi quelli che prevedono una relazione difficile tra i due. Tranne i diretti interessati...

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team

Il maiorchino aveva avuto un rapporto teso con Valentino Rossi quando i due dividevano il box alla Yamaha. Ora però, a due anni di distanza, tra i due si è creato un clima molto più cordiale e disteso.

In Ducati, il primo anno di convivenza tra Jorge ed Andrea Dovizioso è stato eccellente. Quando però lo spagnolo ha iniziato a vincere con la Desmosedici GP, anche qui è arrivata la tensione.

Con questi precedenti, e considerando che la Honda ha messo insieme gli unici due piloti ad aver vinto il Mondiale negli ultimi sette anni, la percezione generale è che prima o poi Marquez e Lorenzo finiranno per scontrarsi.

Entrambi, però, hanno assicurato che al momento la loro relazione è molto buona e che cercheranno di mantenerla così anche in futuro. 

Leggi anche:

Martedì scorso, dopo aver completato il primo test della pre-stagione 2019 a Valencia, mentre Lorenzo è rimasto in silenzio, Marquez ha commentato la due giorni di lavoro con i media, parlando anche del suo nuovo compagno di squadra.

"Non ho visto i suoi dati, non sono riuscito a vederlo in pista. Sono stato più veloce di lui ed è per questo che non ho controllato niente e mi sono concentrato sul mio box. Non ho parlato con lui" ha ammesso.

Successivamente, gli è stato chiesto se pensa che possa essere fatto un parallelo con le grandi battaglie che hanno animato gli anni '80 in Formula 1, quando Ayrton Senna ed Alain Prost dividevano il box alla McLaren ed hanno conquistato un titolo iridato ciascuno.

"No, non penso che vivremo qualcosa del genere. Naturalmente, in pista entrambi vorremo vincere il titolo, entrambi vorremmo stare davanti all'altro e lottare per la vittoria. E noi due, certo, daremo il cento per cento" ha detto Marc.

"Ma poi, fuori dalla pista, siamo compagni di squadra. Anche quest'anno abbiamo fatto dei grandi duelli in Austria o a Brno, ma il nostro rapporto è sempre rimasto buono. Siamo entrambi maturi e, anche se lui è un po' più vecchio di me, siamo in questo mondo da un po'. Puoi sempre avere una relazione rispettosa fuori dalla pista, come quella che ho con Dovizioso" ha aggiunto.

Insistendo sulle possibilità che il buon rapporto attuale possa proseguire anche in futuro, ha concluso allontanandosi: "Lo spero!". 

 
Articolo successivo
Espargaro: "Per Iannone non sarà facile, ma il suo arrivo sarà utile all'Aprilia"

Articolo precedente

Espargaro: "Per Iannone non sarà facile, ma il suo arrivo sarà utile all'Aprilia"

Articolo successivo

La Ducati porta anche Bautista ai test di MotoGP a Jerez

La Ducati porta anche Bautista ai test di MotoGP a Jerez
Carica i commenti