Marquez: "Ci manca ancora qualcosa sul lato dell'elettronica"

Nonostante il miglior tempo, Marc non è ancora contento del feeling con la sua Honda, ma non crede che sia un problema legato al motore nuovo, quanto alla connessione tra questo e l'elettronica, che va ancora affinata.

Marquez: "Ci manca ancora qualcosa sul lato dell'elettronica"
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team

Nemmeno il miglior tempo ottenuto nella giornata inaugurale dei test di Phillip Island della MotoGP sembra aver rasserenato Marc Marquez. Il pilota della Honda ha staccato un ottimo 1'29"497, ma continua a lamentarsi della difficoltà di adattamento al nuovo motore della RC213V. Non tanto per il motore in sé, quanto per il modo in cui si sposa con il pacchetto dell'elettronica.

"Ci manca ancora qualcosa, soprattutto sul lato dell'elettronica. Abbiamo bisogno di capire dove. Da una parte è vero che sono veloce, ma c'è sempre qualcosa che non riesco ancora a capire. Abbiamo ancora bisogno di tempo per capire questo motore" ha detto il campione del mondo.

Sul nuovo motore, quello che aveva esordito in Malesia, ha aggiunto: "E' molto diverso. Ed è una delle cose che ci ha portato via parecchio tempo questa mattina, perché abbiamo bisogno di riconfigurare tutti i componenti dell'elettronica. Ci è costato tanto tempo, ma era qualcosa a cui dovevamo prestare attenzione, perché poi nei weekend di gara non ne abbiamo troppo a disposizione. Come ho detto, ci manca qualcosa sul fronte elettronica, perché non sta lavorando ancora bene con il motore. Ma è difficile da capire perché su questo circuito non risentiamo troppo del nostro punto debole, che è l'accelerazione. Qui siamo stati veloci anche l'anno scorso, ma dobbiamo ancora lavorare per migliorare in alcune aree".

Poi ha ribadito che il problema è legato all'elettronica più che al motore: "Non è troppo aggressivo, è un motore dolce. La potenza è normale, non è troppo potente. La connessione tra l'elettronica e il gas, il motore e la ruota posteriore non mi fa sentire ancora a mio agio. Forse è anche perché abbiamo usato per diversi anni, che mi consentiva di guidare in un certo modo e ora forse devo adattarmi un pochino. La cosa strana è che i tempi sul giro vengono fuori lo stesso, quindi forse non dobbiamo migliorare i tempi, ma il mio feeling".

Quando gli è stato chiesto se ha in qualche modo provato a cambiare il suo stile di guida, ha risposto: "Alla fine ho usato lo stesso, perché è un qualcosa che è molto difficile da cambiare. Ma devo capire come si comporta questo motore. Il rumore è diverso, si sente quando vai piano, ma devo essere paziente. Più che cambiare il mio stile di guida, devo capire come guidare la moto".

Se non altro, le difficoltà sembrano essere le stesse in ogni tratto del tracciato: "Un po' ovunque, come era già successo anche in Malesia. Penso che sia una cosa positiva, perché avessimo un tipo di problema in una curva e dei problemi differenti in un'altra, allora si potrebbe finire in confusione. Ma la cosa buona è che abbiamo le stesse difficoltà in tutte le curve. So che dobbiamo essere pazienti, perché abbiamo tante cose nuove e dobbiamo raccogliere informazioni. La cosa più importante è arrivare a poter correre al 100% in Qatar".

Informazioni aggiuntive di Andrew Van Leeuwen

condividi
commenti
Vinales: "Dobbiamo migliorare l'elettronica, ma la M1 va molto bene"
Articolo precedente

Vinales: "Dobbiamo migliorare l'elettronica, ma la M1 va molto bene"

Articolo successivo

Dovizioso: "Girare senza ali si sente molto di più rispetto alla Malesia"

Dovizioso: "Girare senza ali si sente molto di più rispetto alla Malesia"
Carica i commenti