Marquez: "Austin ha accelerazioni importanti. Potremmo soffrire"

Marc Marquez arriva ad Austin dopo la vittoria in Argentina, ma non è fiducioso: "Le accelerazioni che richiede il circuito potrebbero metterci in difficoltà". Pedrosa deluso dal suo passo, ma afferma: "Sono terzo in campionato...".

Marquez: "Austin ha accelerazioni importanti. Potremmo soffrire"
Marc Marquez, Repsol Honda Team, Andrea Iannone, Ducati Team, Dani Pedrosa, Repsol Honda Team
Dani Pedrosa, Repsol Honda Team, Loris Baz, Avintia Racing
Dani Pedrosa, Repsol Honda Team
Dani Pedrosa, Repsol Honda Team, Loris Baz, Avintia Racing
Dani Pedrosa, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Dani Pedrosa, Repsol Honda Team

Terminata da appena due giorni la seconda gara del Motomondiale a Termas de Rio Hondo, la MotoGP è in trasferimento verso Austin perché venerdì scenderanno già in pista per il primo turno di prove libere. Marc Marquez arriva in Texas da leader della classifica iridata dedicata ai piloti dopo il successo ottenuto in Argentina.

Ad Austin la Honda dovrà necessariamente fare i conti con una pista che presenta numerose accelerazioni, non certo una delle caratteristiche principali della Honda RC213V. Nonostante questo aspetto, "El Cabronsito" pensa di poter fare bene, perché da sempre ama la pista statunitense, su cui ha anche colto risultati molto importanti nelle ultime stagioni.

"Vedremo come andremo ad Austin questa stagione. E' un tracciato che mi piace, in cui mi sento forte, e dove ho sempre fatto ottime gare e mi sono divertito molto. Detto questo, la pista presenta accelerazioni importanti, e questo può sfavorirci perché non sono certo il nostro punto forte in questa stagione, dunque dovremo attendere e vedere come gestire la situazione. Lavoreremo certamente duro, come abbiamo fatto in Argentina, e cercheremo di trovare il miglior assetto possibile, che ci consenta di avere un passo ideale per la gara di domenica".

Dani Pedrosa, invece, è reduce dall'insperato podio centrato proprio a Termas de Rio Hondo, dovuto all'autoeliminazione delle due Ducati ufficiali alla penultima curva. Lo spagnolo è consapevole di aver subito un distacco molto pesante dal compagno di squadra e cercherà di fare meglio già ad Austin.

"Guardo con fiducia alla Gara di Austin. C'è qualcosa di speciale nell'atmosfera al circuito delle Americhe ed è inoltre un tracciato che mi piace molto. Non ho corso qui lo scorso anno, ma ho centrato il podio nelle precedenti stagioni, dunque ho ottimi ricordi di questa pista. Il nostro passo gara nei primi due appuntamenti della stagione non è stato all'altezza delle nostre aspettative, dunque dovremo assolutamente lavorare per trovare più velocità. Nonostante tutto, ci troviamo al terzo posto nel Mondiale piloti, dunque dobbiamo cercare di fare un passo avanti se vogliamo lottare per il podio in ogni gara".

condividi
commenti
Laverty: "Il quarto posto è una grande ricompensa"
Articolo precedente

Laverty: "Il quarto posto è una grande ricompensa"

Articolo successivo

Albesiano: "Dobbiamo eliminare una vibrazione al posteriore"

Albesiano: "Dobbiamo eliminare una vibrazione al posteriore"
Carica i commenti