Marquez al via della stagione: possibilità sempre più reale

La stagione 2021 della MotoGP scatterà nel weekend del 26-28 marzo in Qatar, e le possibilità che Marc Marquez possa essere sulla griglia di partenza si fanno sempre più reali.

Marquez al via della stagione: possibilità sempre più reale

La Honda ha diffuso oggi un video di Marc Marquez che si allena con intensità crescente, portando avanti la riabilitazione dall'infortunio all'omero destro cha subito lo scorso 19 luglio.

Il pilota di Cervera spiega a che punto è arrivato con il suo recupero, assicurando di sentirsi sempre più forte.

Dopo sei mesi senza progressi significativi e dopo aver perso l'intera stagione 2020, Marquez si è sottoposto ad un intervento chirurgico per la terza volta all'inizio di dicembre. A gennaio si è saputo che aveva subito un'infezione nella zona operata e, dopo essersi sottoposto ad un ciclo di antibiotici, i progressi di Marc sono stati ben visibili giorno per giorno attraverso i social network.

Insieme ad un comunicato, la Honda ha inviato lunedì un video nel quale vengono mostrati i progressi di Marc a poco più di due settimane dall'inizio del Mondiale. Un input positivo rispetto alla possibilità che Marc possa essere subito sulla griglia di partenza.

Durante il video, Marc spiega a che punto è arrivata la sua preparazione.

"Mentre il resto dei piloti della MotoGP sono stati impegnati nei test in Qatar, Marc Marquez è stato impegnato a casa a lavorare sul suo recupero", si legge nel comunicato della Honda.

"Come con la sua preparazione alle gare, il processo di recupero di Marquez è intenso, con diverse ore di fisioterapia ed esercizio ogni giorno".

"Il braccio destro dell'otto volte campione del mondo migliora ogni giorno. Mentre Marquez è ansioso di tornare sulla Honda RC213V, rimane in costante contatto con i suoi medici per scoprire quando sarà pronto a tornare", conclude la nota che accompagna il video.

Per Marc è prevista per metà marzo una visita di controllo con i medici che lo hanno operato la terza volta, come ha spiegato in occasione della presentazione della squadra, dopo di che deciderà se partecipare alla prima gara dell'anno o meno.

Il pluricampione è nel tratto finale del suo recupero e ciò che sembra chiaro è che, se non sarà al via alla prima gara, lo sarà nella seconda.

Marquez non sale su una moto dallo scorso 25 luglio, e ora ha 18 giorni per provare a far terminare quell'attesa nella FP1 in Qatar, prevista per il 26 marzo.

"Ad oggi, le sensazioni sono molto buone. Abbiamo iniziato solo di recente a lavorare sulla forza, ma la progressione è verso l'alto e questo è molto importante. Siamo stati molto attenti e prudenti, facendo piccoli passi, e penso che stiamo andando nella giusta direzione, anche se ci sono ancora alcuni passi da fare. Sono molto felice ed ottimista, perché mi sento sempre meglio e l'evoluzione è buona", ha spiegato Marc nel video.

"Fisicamente si nota il miglioramento in cose semplici come farsi la doccia, lavarsi la testa e i denti, aprire e chiudere la porta. Poi in palestra i pesi aumentano e la mobilità migliora sempre di più, ma già il primo cambiamento di riuscire a lavarsi i denti con la mano destra è stato una conquista".

"E' una delle cose che mi è costata di più. Una volta che il medico mi ha tolto l'immobilizzazione, ho potuto usare la mano destra come prima, ma senza esagerare. Tutto questo è anche un esercizio mentale, pensando che ci sarebbe voluto ancora un po' di tempo per tornare alla normalità".

"Ora sta andando molto bene, mi sento sempre meglio in palestra e la differenza tra il braccio sinistro e quello destro è molto più piccola. Fisicamente, sono già a posto a livello cardio e respiratorio, che è la cosa più importante. Ora sto aspettando che il medico mi dia il via libero a livello osseo e muscolare per tornare a guidare una moto, ma ogni volta sento che si sta avvicinando questo momento".

"Mi sveglio alle 8 e dalle 9 alle 11 facciamo la prima sessione di fisioterapia. Poi faccio colazione e faccio la parte cardio dell'allenamento, che può essere bici o una corsetta fino a mezzogiorno. Poi mangio, faccio un pisolino e dalle 16 alle 18 c'è la seconda sessione di fisioterapia, in cui lavoriamo su muscoli più specifici per la moto. Poi faccio uno spuntino e dalle 19 alle 21 ho il mio tempo libero".

"Ora è il momento più difficile, perché sento che la potrei fare, ma devo essere calmo. Fisicamente comincio a sentirmi pronto, ma so che è meglio fare le cose un poco alla volta. Quando avrò l'ok, vorrei guidare un'altra moto prima di salire su una MotoGP, per vedere come mi sento. Poi tornerò il più presto possibile, ma solo quando mi sentirò pronto e abbastanza forte".

"Il piano è quello di provare a salire prima su una moto più piccola per allenarsi su un circuito breve. Se mi sento bene, il giorno dopo cercherò di salire su una moto più grande, come una CBR 1000 stradale, per tornare su un circuito vero e toccare i 300 km/h, prima di tornare al mio stile di vita poco a poco".

"Logicamente, mi sarebbe piaciuto essere ai test, perché il primo della stagione è uno dei più importanti. Vieni da un inverno di riposo, nel mio caso da un anno di riposo, quindi è importante ritrovare la sensazione della velocità. Mi sarebbe piaciuto esserci, perché poi ci sono anche tante parti nuove che ha portato la Honda, dopo averci lavorato durante l'inverno. Ma beh, so che stanno facendo un ottimo lavoro, so che mi aspettano a braccia aperte, quindi non vedo l'ora di tornare, il prima possibile", ha concluso

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
1/24

Foto di: Honda Racing

Honda RC213V de Marc Marquez, Repsol Honda Team

Honda RC213V de Marc Marquez, Repsol Honda Team
2/24

Foto di: Honda Racing

Honda RC213V de Marc Marquez, Repsol Honda Team

Honda RC213V de Marc Marquez, Repsol Honda Team
3/24

Foto di: Honda Racing

Honda RC213V de Marc Marquez, Repsol Honda Team

Honda RC213V de Marc Marquez, Repsol Honda Team
4/24

Foto di: Honda Racing

Honda RC213V de Marc Marquez, Repsol Honda Team

Honda RC213V de Marc Marquez, Repsol Honda Team
5/24

Foto di: Honda Racing

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
6/24

Foto di: Honda Racing

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
7/24

Foto di: Honda Racing

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
8/24

Foto di: Honda Racing

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
9/24

Foto di: Honda Racing

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
10/24

Foto di: Honda Racing

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
11/24

Foto di: Honda Racing

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
12/24

Foto di: Honda Racing

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
13/24

Foto di: Honda Racing

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
14/24

Foto di: Honda Racing

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
15/24

Foto di: Honda Racing

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
16/24

Foto di: Honda Racing

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
17/24

Foto di: Honda Racing

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
18/24

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
19/24

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
20/24

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
21/24

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
22/24

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
23/24

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
24/24

Foto di: Repsol Media

condividi
commenti
Pol Espargaro: "Non sono caduto, c'è ancora tanto margine"

Articolo precedente

Pol Espargaro: "Non sono caduto, c'è ancora tanto margine"

Articolo successivo

Report MotoGP: Ducati apre una nuova strada aero

Report MotoGP: Ducati apre una nuova strada aero
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Marc Márquez Alentà
Team Repsol Honda Team
Autore Germán Garcia Casanova