Marquez ad Aragon ha portato sul podio "Shiba", l'uomo dei ricambi

Marc Marquez ha fatto il suo record personale di cadute: 22 finora. Ad Aragon, la Honda ha quindi deciso di rendere omaggio all'uomo dei ricambi, che è stato fatto salire sul podio insieme al pilota spagnolo.

Marquez ad Aragon ha portato sul podio "Shiba", l'uomo dei ricambi
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Il vincitore della gara Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Il vincitore della gara Marc Marquez, Repsol Honda Team
Il vincitore della gara Marc Marquez, Repsol Honda Team
Podio: il vincitore della gara Marc Marquez, Repsol Honda Team
Podio: il vincitore della gara Marc Marquez, Repsol Honda Team, il secondo classificato Dani Pedrosa
Il vincitore della gara Marc Marquez, Repsol Honda Team

Katsura Shibasaki era decisamente eccitato domenica scorsa ad Alcaniz nel celebrare sul podio la quinta vittoria del campione in carica della MotoGP.

Ogni volta che vince, il team guidato da Santi Hernandez, il capo tecnico di Marquez, sceglie uno dei ragazzi per farlo salire sul podio insieme a Marc. Ad Aragon è arrivato il momento di Shibasaki, noto anche come "Shiba". Un personaggio che normalmente passa inosservato, ma domenica ha avuto questo speciale riconoscimento.

Questa scelta non è stata fatta per caso, come il pilota spagnolo ha riconosciuto subito dopo le celebrazioni del podio. "Volevamo portare sul podio l'uomo responsabile delle parti di ricambio, perché quest'anno sta lavorando molto. Più di una volta non è neanche potuto venire a cena. Quest'anno abbiamo già avuto tre ritiri e 22 cadute, ma se cado è perché ho bisogno di prendere troppi rischi" ha riassunto il pilota spagnolo, ora leader solitario della classifica con 16 punti di vantaggio su Andrea Dovizioso.

Nonostante le sue siano ben 22, Marquez deve accontentarsi del secondo posto nella classifica delle cadute, nella quale comanda Sam Lowes, arrivato a quota 25. Tuttavia, le prestazioni dei due piloti sono molto diverse.

Se Marc dovesse riuscire a raggiungere la sua quarta corona in MotoGP, sarà il primo pilota a farlo con tre ritiri da quando Mick Doohan ci riuscì nel 1998, battendo Max Biaggi.

In quel caso, la leggenda di Brisbane ottenne otto vittorie e tre secondi posti nei 14 round i in calendario, centrando il titolo con 52 punti di vantaggio.

Nel caso di Marquez, due dei tre ritiri sono relativi alle cadute di Termas de Rio Hondo e di Le Mans, mentre lo spagnolo non ha colpe per quello di Silverstone, quando il motore della sua Honda si è rotto mentra era in lotta nel gruppo di testa.

condividi
commenti
Meregalli: "Ordini? Al massimo diremo a Vale di non ostacolare Vinales"

Articolo precedente

Meregalli: "Ordini? Al massimo diremo a Vale di non ostacolare Vinales"

Articolo successivo

I piloti di MotoGP approvano il piano per modificare Barcellona

I piloti di MotoGP approvano il piano per modificare Barcellona
Carica i commenti