Marquez: "A Silverstone credo che sarà il turno di Vinales"

Marc Marquez sta vivendo il miglior momento di forma della sua stagione, però è cosciente che a Silverstone la Yamaha possa avere qualcosa in più dal potenziale su questo tracciato di Maverick Vinales.

Marquez: "A Silverstone credo che sarà il turno di Vinales"
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team, Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Andrea Dovizioso, Ducati Team, Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team

Lo spagnolo non è riuscito a vincere al Red Bull Ring, ma è stato protagonista di uno spettacolare duello con Andrea Dovizioso, che lo ha battuto proprio all'ultima curva.

"Ho rivisto la gara come sempre ed è stata davvero molto divertente. E' successo sempre qualcosa, dall'inizio alla fine, non ci sono stati tempi morti. Ma vedendola dall'esterno Andrea aveva un decimo in più a livello di ritmo, ma siamo arrivati a giocarcela all'ultima curva e ci ho provato. Ma 20 punti su quel circuito sono molto importanti" ha spiegato.

Marquez comanda la classifica iridata, ma ha comunque smesso di dire che bisogna cercare di limitare i rischi, perché crede che si dovrà combattere per ogni singolo punto in questa stagione.

"Ogni punto è importante e bisogna lottare dall'inizio alla fine. Ma so che ci saranno circuiti in cui andremo meglio ed altri in cui andremo peggio. In Austria, ad esempio, Dovizioso era già arrivato con la mentalità di attaccare perché sapeva che era un circuito buono per lui. Qui sicuramente sarà il turno di Vinales. Arriva con questa mentalità, perché lo aveva già detto dopo l'Austria. Quindi cercheremo di essere il più costanti possibile e se c'è una minima probabilità cercheremo di vincere".

"Non si può commettere il mimimo errore, ma almeno ho la tranquillità che se dovesse succedere sono alla pari con Maverick. Devo cercare di giocare su questo piccolo vantaggio e gestirlo fino alla fine".

Dopo un inizio di stagione in cui la Honda sembrava mostrare evidenti carenze, dopo pausa estiva Marc sembra in grado di fare quello che vuole con la moto.

"Abbiamo cambiato molte cose un poco alla volta. All'inizio della stagione ho sofferto con l'anteriore. Tutti lo hanno fatto, ma la Honda forse un po' di più. Poi, quando hanno cambiato le gomme, abbiamo trovato parecchi miglioramenti e sono caduto di meno, anche andando più veloce. Questo è il punto che mi ha permesso di iniziare a lavorare bene e migliorare la moto. Nel test di Brno abbiamo fatto un altro piccolo passo avanti. Piccoli miglioramenti che tutti sommati ci possono permettere di vincere le gare".

condividi
commenti
Lorenzo: "E' sorprendente essere stato 11 giri in testa con meno ritmo"
Articolo precedente

Lorenzo: "E' sorprendente essere stato 11 giri in testa con meno ritmo"

Articolo successivo

Oggi sarà provata la nuova proceduta di cambio moto dopo la FP2

Oggi sarà provata la nuova proceduta di cambio moto dopo la FP2
Carica i commenti