Lorenzo: "Voglio dimostrare che io e Marc siamo il 'dream team' di cui tutti parlano"

condividi
commenti
Lorenzo:
Di:
23 gen 2019, 14:48

Nella sua prima apparizione pubblica come pilota del team Repsol Honda, Jorge Lorenzo ha ringraziato la Casa giapponese per aver scommesso su di lui e spera di tornare in sella nei test in Qatar di fine febbraio.

Lo spagnolo ha indossato per la prima volta la tuta che utilizzerà per i prossimi due anni, nonostante lunedì sia stato sottoposto ad un intervento chirurgico per ridurre la frattura allo scafoide sinistro rimediata lo scorso fine settimana, mentre si allenava in Italia.

Accanto al suo nuovo compagno Marc Marquez e ad altri due ex campioni del mondo come Mick Doohan ed Alex Criville, il tre volte iridato della MotoGP si è detto entusiasta di questa nuova avventura, che lo costringerà nuovamente a reinventarsi.

Il maiorchino, che salterà il primo test della stagione, che si disputerà a Sepang dal 6 all'8 febbraio, spera di essere pronto per salire sulla sua RC213V in Qatar, nell'ultimo collaudo in vista della prima gara stagionale, fissato dal 23 al 25 febbraio sempre a Losail.

"Questa squadra è di un altro livello. Sono stato in altre squadre importanti (Yamaha e Ducati), ma nel test di Valencia mi sono subito reso conto delle meticolosità con cui lavora e dei mezzi che ha questo marchio" ha detto Lorenzo, che aveva la manica sinistra della sua tuta aperta per evitare di fare pressione sul polso infortunato.

"La fiducia che mi ha dimostrato la Honda portandomi in questa squadra ovviamente mi mette un po' di pressione, ma non è la stessa che avevo quando da bambino non si sapeva se sarei diventato un pilota o meno. Ora, anche se ovviamente ho delle pressioni, ho già ottenuto dei buoni risultati e questo mi permette di essere più tranquilli" ha aggiunto il #99, che preso con filosofia il suo ultimo contrattempo.

Leggi anche:

"Ci sono situazioni inaspettate che devi affrontare nel miglior modo possibile ed essere positivo. Lo scafoide è una delle ossa più complicate da far guarire. Fortunatamente, oggi abbiamo una tecnologia molto avanzata, che consente di ridurre le scadenze. Non avevo scelta, dovevo operarmi, e in questo modo perderò i test di Sepang, ma l'idea è di essere pronto per il Qatar" ha detto Jorge.

Su ciò che lo attende quando salirà sulla RC213V, Lorenzo ha detto di essere ottimista in riferimento alle sensazioni che la moto gli ha trasmesso fino ad ora.

"E' ancora troppo presto per parlare dell'adattamento, perché quando ho provato la moto non ero ancora del tutto a posto fisicamente. Mi stavo ancora riprendendo dalla frattura al radio rimediata in Thailandia. Ma direi che ero circa all'80%. La Honda gira molto bene, mi piace il gruppo di persone con cui devo lavorare e mi ha dato un benvenuto molto caloroso" ha proseguito.

Infine, ha lasciato la presentazione promettendo spettacolo: "La prima cosa che voglio è recuperare fisicamente e poi dimostrare che siamo quel 'dream team' di cui parla la gente".

Scorrimento
Lista

Marc Márquez, Jorge Lorenzo, Honda HRC

Marc Márquez, Jorge Lorenzo, Honda HRC
1/19

Foto di: Germán Garcia Casanova

Mick Doohan, Alex Criville, Marc Márquez and Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Mick Doohan, Alex Criville, Marc Márquez and Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
2/19

Foto di: Carlos Guil Iglesias

Jorge Lorenzo, Honda HRC

Jorge Lorenzo, Honda HRC
3/19

Foto di: Carlos Guil Iglesias

Mick Doohan, Marc Márquez, Jorge Lorenzo, Alex Crivillé, Honda HRC

Mick Doohan, Marc Márquez, Jorge Lorenzo, Alex Crivillé, Honda HRC
4/19

Foto di: Carlos Guil Iglesias

Jorge Lorenzo, Honda HRC

Jorge Lorenzo, Honda HRC
5/19

Foto di: Carlos Guil Iglesias

Mick Doohan, Marc Márquez, Jorge Lorenzo, Alex Crivillé, Honda HRC

Mick Doohan, Marc Márquez, Jorge Lorenzo, Alex Crivillé, Honda HRC
6/19

Foto di: Carlos Guil Iglesias

Mick Doohan, Marc Márquez, Jorge Lorenzo, Alex Crivillé, Honda HRC

Mick Doohan, Marc Márquez, Jorge Lorenzo, Alex Crivillé, Honda HRC
7/19

Foto di: Carlos Guil Iglesias

Mick Doohan, Marc Márquez, Jorge Lorenzo, Alex Crivillé, Honda HRC

Mick Doohan, Marc Márquez, Jorge Lorenzo, Alex Crivillé, Honda HRC
8/19

Foto di: Carlos Guil Iglesias

Mick Doohan, Marc Márquez, Jorge Lorenzo, Alex Crivillé, Honda HRC

Mick Doohan, Marc Márquez, Jorge Lorenzo, Alex Crivillé, Honda HRC
9/19

Foto di: Carlos Guil Iglesias

Jorge Lorenzo, Honda HRC

Jorge Lorenzo, Honda HRC
10/19

Foto di: Carlos Guil Iglesias

Mick Doohan, Marc Márquez, Jorge Lorenzo, Alex Crivillé, Honda HRC

Mick Doohan, Marc Márquez, Jorge Lorenzo, Alex Crivillé, Honda HRC
11/19

Foto di: Carlos Guil Iglesias

Marc Márquez, Honda HRC

Marc Márquez, Honda HRC
12/19

Foto di: Carlos Guil Iglesias

Marc Márquez, Mick Doohan, Honda HRC

Marc Márquez, Mick Doohan, Honda HRC
13/19

Foto di: German Garcia

Mick Doohan, Marc Márquez, Jorge Lorenzo, Alex Crivillé, Honda HRC

Mick Doohan, Marc Márquez, Jorge Lorenzo, Alex Crivillé, Honda HRC
14/19

Foto di: Carlos Guil Iglesias

Mick Doohan, Marc Márquez, Jorge Lorenzo, Alex Crivillé, Honda HRC

Mick Doohan, Marc Márquez, Jorge Lorenzo, Alex Crivillé, Honda HRC
15/19

Foto di: Carlos Guil Iglesias

Marc Márquez, Jorge Lorenzo, Honda HRC

Marc Márquez, Jorge Lorenzo, Honda HRC
16/19

Foto di: Germán Garcia Casanova

Marc Márquez, Jorge Lorenzo, Honda HRC

Marc Márquez, Jorge Lorenzo, Honda HRC
17/19

Foto di: Germán Garcia Casanova

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
18/19

Foto di: Carlos Guil Iglesias

Marc Márquez y Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Marc Márquez y Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
19/19

Foto di: Carlos Guil Iglesias

Articolo successivo
Marquez: "Dream team? Non mi piace, bisogna aspettare la fine dell'anno per chiamarlo così"

Articolo precedente

Marquez: "Dream team? Non mi piace, bisogna aspettare la fine dell'anno per chiamarlo così"

Articolo successivo

Lorenzo: "La nostra rivalità farà crescere Marquez e lo renderà migliore"

Lorenzo: "La nostra rivalità farà crescere Marquez e lo renderà migliore"
Carica i commenti