Lorenzo: "Abbiamo sbagliato e perso un podio che era fattibile"

condividi
commenti
Lorenzo:
Oriol Puigdemont
Di: Oriol Puigdemont
16 lug 2018, 11:27

Il pilota della Ducati ha perso velocità e posizioni con il passare dei giri e, dopo aver comandato nel primo terzo di gara, ha chiuso sesto.

Jorge Lorenzo, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team

Lorenzo ha provato a ripetere la tattica che gli è fruttata tante vittorie in passato: lo spagnolo ha spremuto tutto quello che aveva da dare per provare a scappare a Marquez, che però dopo 12 giri lo ha passato ed ha cambiato ritmo, involandosi verso la sua nona vittoria in Germania.

Da quel momento in poi, Lorenzo ha potuto solo vedere il suo futuro compagno in Honda scappare mentre invece i suoi avversari si avvicinavano. Lo spagnolo è rimasto terzo fino a pochi giri dal termine, ma poi il calo della gomma posteriore gli ha impedito di difendersi dagli attacchi, facendolo arretrare fino al sesto posto.

"Non avevo più grip al posteriore" ha detto Lorenzo. "Ecco perché mi hanno passato quattro o cinque piloti. Fino a quando ne ho avuto stavo andando bene, ma poi quando è calato il rendimento delle gomme è stato tutto molto difficile. Altrimenti sarei stato in grado di lottare anche per il podio".

Leggi anche:

Dopo le due belle vittorie di Mugello e Barcellona, due piste favorevoli alla Ducati, il maiorchino ha faticato di più ad Assen ed al Sachsenring, meno adatte alle caratteristiche della Desmosedici GP, e su queste piste ha provato un nuovo assetto per trovare grip all'anteriore.

"Ho sempre cercato di avere più grip all'anteriore al massimo angolo di piega, quindi abbiamo usato queste due gare per testare qualche soluzione. Su piste come Mugello e Barcellona abbiamo fatto molto bene, ma credo che in generale abbiamo mostrato delle performance accettabili anche su due circuiti per noi molto complicati" ha spiegato.

Nonostante abbia accusato il calo della gomma posteriore, il #99 ha difeso la scelta che aveva fatto.

"La Ducati non consuma molto la gomma anteriore e questo mi permette di montare la morbida. Sono uno dei pochi piloti Ducati che possono farlo. Il problema è stato con il posteriore, non con l'anteriore".

Dopo aver introdotto alcune novità di ergonomia al Mugello, che gli hanno permesso di arrivare più in forma alla fine della gara, lo spagnolo ha annunciato che ci saranno altre novità dopo la pausa estiva, quando si tornerà su piste più favorevoli alla Ducati.

"Abbiamo ancora qualcos'altro in mente per le prossime gare. In frenata non sono ancora completamente a mio agio. Abbiamo migliorato, ma possiamo risparmiare ancora energia. I prossimi circuiti comunque saranno più favorevoli sia a me che alla moto" ha concluso Lorenzo, che va in vacanza settimo nel Mondiale.

Prossimo articolo MotoGP
Iannone: "Gara buttata perché Pol Espargaro non pensa molto nelle prime tre curve!"

Articolo precedente

Iannone: "Gara buttata perché Pol Espargaro non pensa molto nelle prime tre curve!"

Articolo successivo

Aleix Espargaro rimane in osservazione in Germania dopo l'incidente del Sachsenring

Aleix Espargaro rimane in osservazione in Germania dopo l'incidente del Sachsenring
Carica i commenti