Le moto della MotoGP sono finalmente tornate in Europa

Le moto della MotoGP, che erano rimaste in un magazzino in Qatar dopo la cancellazione della prima gara della stagione, hanno finalmente fatto ritorno in Europa dopo un'importante sfida logistica.

Le moto della MotoGP sono finalmente tornate in Europa

La pandemia globale del Coronavirus ha fatto sì che il governo del Qatar imponesse restrizioni ai viaggiatori provenienti dall'Italia, che alla fine hanno portato alla cancellazione del primo round della stagione 2020 della MotoGP, in programma il mese scorso a Losail.

Tutte le moto erano stati lasciati in Qatar dopo l'ultimo test pre-campionato, la settimana prima della gara, e sono stati successivamente trasferite in un magazzino dell'aeroporto di Doha.

Lavorando con il suo partner Qatar Airways, la MotoGP si è assicurata che le moto fossero collocate in una struttura "altamente sicura, automatizzata e climatizzata" per mantenerle al sicuro, con l'intenzione originaria di spedirle ovunque dovesse iniziare la stagione.

Ma con le sette gare successive tutte rimandate a causa del peggioramento della situazione del COVID-19, si è deciso di spostare il carico in una struttura sicura in Catalogna, vicino alla sede centrale di Dorna a Barcellona.

Leggi anche:

A causa della forte richiesta di voli di rimpatrio dal Qatar alla Spagna, Dorna ha lavorato con Qatar Airways per organizzare i cinque voli necessari per riportare tutto il materiale in Europa.

Il processo di recupero di tutte le biciclette e dell'attrezzatura del team, nonché del materiale televisivo di Dorna, è iniziato l'1 aprile, con quattro dei cinque voli che sono atterrati nella città di Saragozza, in Aragona, e il restante volo diretto a Barcellona. Il quinto e ultimo volo è atterrato a Saragozza mercoledì.

Una parte del materiale sarà conservata in deposito in Catalogna fino alla ripresa della stagione, mentre una parte di esso sta tornando a coloro che ne hanno fatto richiesta.

Anche se non ancora ufficialmente posticipati, le proroghe recentemente annunciate sui divieti di raduni di massa in Germania ed in Olanda significano che sia il Gran Premio di Germania al Sachsenring che il TT di Assen saranno sicuramente rinviati.

Carmelo Ezpeleta, CEO di Dorna, ha recentemente dichiarato che l'obiettivo è quello di far partire la stagione in agosto, con il Gran Premio della Repubblica Ceca a Brno, dopo aver già detto che quest'anno sarà "felice" di una campagna di 10 round.

condividi
commenti
Taramasso: "Potrebbero bastare due mescole al posteriore"

Articolo precedente

Taramasso: "Potrebbero bastare due mescole al posteriore"

Articolo successivo

Assen conferma il rinvio del GP d'Olanda di MotoGP

Assen conferma il rinvio del GP d'Olanda di MotoGP
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Autore Lewis Duncan