La MotoGP rompe la dinamica dei contratti biennali

Gli ultimi accordi firmati dai piloti della MotoGP mostrano che la tendenza a siglare accordi biennali è stata interrotta.

La MotoGP rompe la dinamica dei contratti biennali

Nel 2020, la maggior parte dei piloti della MotoGP aveva il contratto in scadenza alla fine della stagione e durante l'anno sono stati firmati dei nuovi accordi. Le figure principali hanno firmato per due anni, fino al 2022. La grande eccezione al mercato è stata Marc Marquez, che si è impegnato con la Honda fino al 2024. Una mossa che ha colto tutti di sorpresa.

Il 2021 è stato un anno di relativa calma negli uffici, in attesa che tutto venga attivato di nuovo il prossimo inverno. I posti vacanti per la prossima stagione sono soalmente sette, anche se alcuni di loro sono praticamente occupati. La grande domanda è cosa farà Valentino Rossi e la sua decisione dipenderà dagli altri.

Oltre ai contratti di due anni, alcuni marchi si sono coperti le spalle firmato per un anno con l'opzione per il secondo. Questo è il caso di Jack Miller e Johann Zarco con la Ducati, che aveva un'opzione per rinnovarli che ha deciso di esercitare per il 2022. Questa formula è stata imitata anche da altri costruttori come KTM, ma gli austriaci hanno di non applicarla a Danilo Petrucci, che è più fuori che dentro al team Tech3 in ottica 2022.

La KTM è stata il costruttore che ha rotto la dinamica dei rinnovi biennali, che fino ad allora era stata la norma in MotoGP. Brad Binder è arrivato nella classe regina l'anno scorso ed ha firmato un contratto di due anni con loro. Nel suo caso, il suo contratto scade nel 2021, mentre la maggior parte dei piloti ha un anno in più. Invece di estendere il suo contratto di una stagione e metterlo alla pari con gli altri, la Casa di Mattighofen ha fatto una grande scommessa sul sudafricano, firmandolo fino al 2024, come Marquez. Il suo attuale compagno di squadra, Miguel Oliveira, andrà invece in scadenza nel 2022.

Dati casi come Marquez e Binder, l'attuale livellamento dei valori delle moto in griglia, oltre alla spinta dei piloti di Moto3 e Moto2, non si può più dare per scontato che il prossimo inverno continueremo a vedere contratti di due stagioni.

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
1/32

Foto di: Repsol Media

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
2/32

Foto di: Repsol Media

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
3/32

Foto di: Repsol Media

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
4/32

Foto di: Repsol Media

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
5/32

Foto di: Repsol Media

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
6/32

Foto di: Repsol Media

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
Pol Espargaró, Repsol Honda Team
7/32

Foto di: Repsol Media

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
Pol Espargaró, Repsol Honda Team
8/32

Foto di: Repsol Media

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
Pol Espargaró, Repsol Honda Team
9/32

Foto di: Repsol Media

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
Pol Espargaró, Repsol Honda Team
10/32

Foto di: Repsol Media

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
Pol Espargaró, Repsol Honda Team
11/32

Foto di: Repsol Media

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
Pol Espargaró, Repsol Honda Team
12/32

Foto di: Repsol Media

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
Pol Espargaró, Repsol Honda Team
13/32

Foto di: Vaclav Duska Jr.

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
14/32

Foto di: Yamaha MotoGP

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
15/32

Foto di: Yamaha MotoGP

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
16/32

Foto di: Yamaha MotoGP

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
17/32

Foto di: Yamaha MotoGP

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
18/32

Foto di: Yamaha MotoGP

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
19/32

Foto di: Yamaha MotoGP

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
20/32

Foto di: Yamaha MotoGP

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
21/32

Foto di: Yamaha MotoGP

Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
22/32

Foto di: Yamaha MotoGP

Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
23/32

Foto di: Yamaha MotoGP

Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
24/32

Foto di: Yamaha MotoGP

Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
25/32

Foto di: Yamaha MotoGP

Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
26/32

Foto di: Yamaha MotoGP

Francesco Bagnaia, Ducati Team
Francesco Bagnaia, Ducati Team
27/32

Foto di: MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
28/32

Foto di: MotoGP

Lorenzo Savadori, Aprilia Racing Team Gresini
Lorenzo Savadori, Aprilia Racing Team Gresini
29/32

Foto di: MotoGP

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
30/32

Foto di: MotoGP

Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
31/32

Foto di: MotoGP

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Factory Racing
Miguel Oliveira, Red Bull KTM Factory Racing
32/32

Foto di: MotoGP

condividi
commenti
Espargaro vede qualcosa dei primi anni KTM nella crisi Honda
Articolo precedente

Espargaro vede qualcosa dei primi anni KTM nella crisi Honda

Articolo successivo

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"
Carica i commenti