La MotoGP realizza con Amazon il suo "Drive to Survive"

Secondo quanto ha appreso Motorsport.com, Dorna sta ultimando i dettagli con Amazon per la creazione di una serie di documentari sulla MotoGP nello stile dell'acclamato "Drive to Survive", serie sulla Formula 1 trasmessa da Netflix.

La MotoGP realizza con Amazon il suo "Drive to Survive"

Un gruppo di lavoro di Mediapro, la società che si occuperà della produzione della serie, è già in Qatar in questi giorni, dove domenica inizierà la stagione con il primo dei due appuntamenti consecutivi previsti sul circuito di Losail.

Anche se non si conoscono ancora molti dettagli, si capisce che il format sarà simile a quello di "Drive to Survive", che ha ottenuto ottimi risultati, soprattutto nel raggiungimento del pubblico non specializzato.

Tutto suggerisce che le trame dei diversi episodi ruoterebbero intorno a diversi personaggi che svolgono un ruolo particolare all'interno del paddock, non solo i piloti. Intorno a loro si articolerebbero le storie, che esporrebbero quel lato solitamente lontano dagli occhi dello spettatore.

Anche se non è ancora noto quando sarà disponibile per gli utenti iscritti ad Amazon Prime, la cosa più logica invita a pensare che il suo lancio avrà luogo nel 2022.

Leggi anche:

Non è la prima volta che la MotoGP ispira dei documentari, anche se "Fastest" (2011) ed "Hitting the Apex" (2015), entrambi diretti da Mark Neal, sono stati concepiti come una singola puntata.

Questo giovedì, durante la conferenza stampa del primo Gran Premio dell'anno, Motorsport.com ha chiesto ai piloti presenti il loro pensiero su questa possibilità e tutti l'hanno accolta a braccia aperte.

"Questo format è diventato molto popolare ultimamente. Quello della Formula 1 è divertente, penso che una serie sulla MotoGP darebbe ai fan l'accesso a quello che succede nei box. Ma aiuterebbe anche le persone che non seguono il campionato a capirlo di più", ha detto Valentino Rossi, che sicuramente sarebbe una delle principali attrattive della serie.

"Sarebbe fantastico per la MotoGP, perché la farebbe crescere. Inoltre, sono sicuro che molti dei piloti sulla griglia vogliono diventare stelle del cinema", ha aggiunto Jack Miller.

condividi
commenti
Mir: “Ho ritmo con gomma usata, ma con la nuova non miglioro”

Articolo precedente

Mir: “Ho ritmo con gomma usata, ma con la nuova non miglioro”

Articolo successivo

Petrucci: “Mi manca stabilità sulla KTM, ancora non la sento mia”

Petrucci: “Mi manca stabilità sulla KTM, ancora non la sento mia”
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP del Qatar
Autore Oriol Puigdemont