La MotoGP esclude il format con doppia gara alla ripresa

Dorna Sports, promoter della MotoGP, ha escluso la possibilità di organizzare due gare nello stesso weekend per cercare di disputare più gare possibile quando sarà finalmente possibile tornare a gareggiare.

La MotoGP esclude il format con doppia gara alla ripresa

La pandemia del Coronavirus ha costretto a cancellare o posticipare le prime otto gare della stagione a causa delle restrizioni attivate in tutto il mondo, e la stagione, allo stato attuale, non inizierà prima del Gran Premio di Germania di giugno.

Dopo la cancellazione del GP del Qatar all'inizio di marzo, sia Dorna che l'organo di governo, la FIM, hanno proposto diverse idee per un nuovo calendario 2020, una delle quali prevedeva due gare a fine settimana.

Tuttavia, l'amministratore delegato di Dorna, Carmelo Ezpeleta, ha escluso completamente questa idea, dicendo a Teledeporte: "Questa possibilità non ci è di alcuna utilità".

"I promotori sono già abbastanza stressati e non pagheranno per avere due gare, e nemmeno le televisioni".

Da tempo si pensava che organizzare due gare nello stesso weekend sarebbe stato probabilmente impossibile a causa delle situazioni contrattuali dei circuito.

Leggi anche:

Il direttore generale di Dorna, Manel Arroyo, ha aggiunto in un'intervista a Catalunya Radio che "a livello tecnico" sarebbe stato difficile per la MotoGP organizzare due gare nello stesso weekend.

"Non lo contempliamo, è una di quelle notizie che stanno uscendo, è una speculazione, non faremo due gare nello stesso weekend", ha detto.

"Inoltre, l'attuale struttura del campionato, delle squadre e delle moto stesse, è stata progettata per fare un tipo di gara, con una gara di 45 minuti la domenica".

"Cambiarlo non è facile a livello tecnico. Ovviamente non sarebbe impossibile, ma non ci darebbe nulla".

Dopo il rinvio del GP di Spagna di maggio, Dorna e FIM hanno rifiutato di emettere nuovi calendari con la motivazione che l'attuale situazione del Coronavirus è ancora in rapida evoluzione.

Arroyo ammette che non è stato ancora pianificato nulla in termini di calendario provvisorio e che sapremo quante gare ci saranno in questa stagione quando solo potrà ci potrà essere una data di inizio definitiva.

"Quando sapremo che potremo iniziare, sapremo quanti fine settimana abbiamo fino a Natale per fare le gare" ha aggiunto.

"Ovviamente, tenendo conto delle esigenze logistiche, non possiamo logicamente fare una gara ogni fine settimana fino alla fine dell'anno, questo è ovvio".

"Ma quando sapremo il giorno in cui potremo partire, sapremo se ci saranno dieci, 16 o otto gare. Ora sarebbe molto rischioso fare previsioni".

Recentemente, Ezpeleta ha detto che sarebbe stato contento di una stagione di 10 gare, anche se il direttore sportivo Ducati Paolo Ciabatti ha detto a Motorsport.com che ritiene che trovare 10 paesi in grado di ospitare i Gran Premi sarà difficile.

Ezpeleta inoltre anche confermato che la MotoGP non deve correre le 13 gare minime che il suo contratto con la FIM stipula per assegnare il titolo di campione del mondo.

condividi
commenti
Dovizioso: "Due test pre-campionato non sono sufficienti"

Articolo precedente

Dovizioso: "Due test pre-campionato non sono sufficienti"

Articolo successivo

Ducati resta sola sulla proposta di una sola moto per pilota

Ducati resta sola sulla proposta di una sola moto per pilota
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Autore Lewis Duncan