La MotoGP cancella le wild card: niente Barcellona per Lorenzo

Gli organizzatori della MotoGP annunceranno ufficialmente questa settimana la cancellazione per la stagione 2020 delle wild card in tutte e tre le categorie, negando a Jorge Lorenzo la possibilità di correre a Barcellona.

La MotoGP cancella le wild card: niente Barcellona per Lorenzo

La necessità di ridurre il più possibile il numero di persone che avranno accesso al paddock della MotoGP all'inizio del campionato, presumibilmente il 19 luglio a Jerez, ha portato i promoter del Campionato del Mondo a prendere la decisione di cancellare qualsiasi wild card in tutte le categorie.

Ogni costruttore di MotoGP ha il diritto, durante la stagione, di avere un minimo di tre inviti per i piloti non iscritti in modo permanente, un jolly che di solito è destinato ai piloti collaudatori delle rispettive marche.

Una delle grandi attrazioni del 2020 è stato il "ritorno" del cinque volte campione del mondo Jorge Lorenzo, come nuovo collaudatore della Yamaha, dopo il suo ritiro alla fine del 2019.

Lorenzo aveva confermato la sua presenza come wild card al Gran Premio di Catalogna, che si terrà a giugno. Tuttavia, la momentanea sospensione del campionato a causa della pandemia del COVID-19 ha sconvolto tutti i piani. La speranza per il pilota era che la gara di Barcellona venisse posticipata a settembre e che vi potesse partecipasse.

Leggi anche:

Tuttavia, stando a quanto ha appreso Motorsport.com, Dorna renderà ufficiale questa settimana la sospensione della wild card, che priverà tutti i tester della possibilità di partecipare ad alcune delle gare di quest'anno.

La decisione di Dorna è stata concordata con i costruttori del MotoGP, che erano sotto pressione per ridurre il più possibile il numero di persone che si recano ai Gran Premi, e hanno deciso di tagliare l'opzione delle wild card.

Il team manager della Suzuki, Davide Brivio, è intervenuto sull'argomento lunedì durante un'intervista telematica con un nutrito gruppo di giornalisti provenienti da tutto il mondo.

"Questo è un argomento di cui dobbiamo discutere" ha detto l'italiano.

"Se l'intenzione è quella di cercare di avere nel minor numero possibile di persone nel paddock, non credo che abbia molto senso fare delle wild card, perché questo significherebbe dover portare almeno otto o dieci persone in più. Penso che Dorna dirà presto qualcosa" ha detto Brivio.

Suzuki sarà una delle squadre più colpite da questo problema, in quanto il loro collaudatore, il francese Sylvain Guintoli, che ha disputato almeno dieci Gran Premi negli ultimi tre anni, quattro dei quali nel 2019, sta facendo un lavoro fondamentale, in quanto Suzuki non ha una squadra satellite.

Un altro "ospite fisso" è l'italiano Michele Pirro, che doveva guidare una Ducati in occasione di tre Gran Premi nel 2020, di cui due in Italia.

Foto: il ritorno di Lorenzo sulla Yamaha dopo il ritiro

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
1/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
2/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
3/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
4/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
5/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
6/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
7/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
8/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
9/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
10/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
11/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
12/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
13/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo Yamaha, Valentino Rossi, Yamaha
Jorge Lorenzo Yamaha, Valentino Rossi, Yamaha
14/18

Foto di: MotoGP

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
15/18

Foto di: Yamaha MotoGP

Silvano Galbusera, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Silvano Galbusera, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
16/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
17/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
18/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
MotoGP, Agostini risponde a Lorenzo: “La verità fa male”

Articolo precedente

MotoGP, Agostini risponde a Lorenzo: “La verità fa male”

Articolo successivo

Espargaro e Binder priorità KTM: Beirer allontana Dovizioso

Espargaro e Binder priorità KTM: Beirer allontana Dovizioso
Carica i commenti