La KTM conferma Mika Kallio come collaudatore per il 2019

condividi
commenti
La KTM conferma Mika Kallio come collaudatore per il 2019
David Gruz
Di: David Gruz
Tradotto da: Matteo Nugnes
20 set 2018, 08:28

La KTM ha confermato che Mika Kallio continuerà a fare il collaudatore anche nella stagione 2019, nonostante sia infortunato dalla seconda metà di quest'anno.

Kallio fa parte del progetto KTM MotoGP sin dal suo inizio, essendo il primo pilota ad aver portato la RC16 in gara a Valencia nel 2016 e facendo altre sei apparizioni come wild card da allora.

Tuttavia, si è infortunato gravemente al legamento del ginocchio destro in un incidente avvenuto durante la sua settima wild card al Sachsenring di quest'anno, ed è stato costretto ad operarsi per questo.

Per questa stagione è stato sostituito da Randy De Puniet, ma c'era già la convinzione che il finlandese avrebbe continuato come collaudatore per il 2019, anche se con meno opportunità come wild card.

Nel momento in cui c'è stata la conferma ufficiale di questo, Kallio ha rivelato di essere in anticipo sulle tabelle di marcia con il suo processo di recupero.

"La mia guarigione sta andando bene, e il programma è pronto, quindi spero di essere al 100% per il momento in cui dovremo iniziare a lavorare per il 2019" ha commentato il finlandese.

"Sono in anticipo sui tempi, ma ci sono anche giorni in cui non riesco a fare progressi. E' una questione che va avanti giorno per giorno".

"Sto indossando una stecca per proteggere il ginocchio da potenziali torsioni e sto lavorando duramente sulla mobilità e ricostruendo di nuovo il muscolo intorno all'articolazione".

"Ho pedalaro e posso camminare senza stampelle, anche se è ancora troppo presto per provare la moto".

"E' bello rimanere con la KTM. Abbiamo fatto dei bei progressi con la RC16 e penso che lo si possa vedere attraverso i tempi che facciamo in gara nel 2018".

"Sarà eccitante vedere quanto riusciremo ad avvicinarci ancora al gruppo di testa".

Il direttore di KTM Motorsport, Mike Leitner, ha aggiunto: "E' bello vedere Mika al lavoro per cercare di completare il suo recupero il prima possibile".

"E' positivo che sia già stato in grado di viaggiare verso l'Austria per parlare dei nostri piani per il futuro".

"E' stato una parte importante del nostro lavoro fin dall'inizio del progetto, quindi per noi è perfettamente logico continuare insieme, utilizzando le conoscenze e l'esperienza che ha acquisito finora".

Kallio sarà affiancato da Dani Pedrosa in un esteso programma di test che la KTM ha pianificato per la prossima stagione per velocizzare lo sviluppo della RC16.

Prossimo articolo MotoGP
Lorenzo: "Il test che abbiamo fatto ad Aragon è stato molto buono, arriviamo con le idee chiare"

Articolo precedente

Lorenzo: "Il test che abbiamo fatto ad Aragon è stato molto buono, arriviamo con le idee chiare"

Articolo successivo

Michelin, Taramasso: "Non è facile realizzare tre soluzioni performanti e durature, ma spesso ci siamo riusciti"

Michelin, Taramasso: "Non è facile realizzare tre soluzioni performanti e durature, ma spesso ci siamo riusciti"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Mika Kallio
Team Red Bull KTM Factory Racing
Autore David Gruz
Tipo di articolo Ultime notizie