La FTR per ora rinuncia al programma in MotoGp

La FTR per ora rinuncia al programma in MotoGp

La gestione dei propulsori Aprilia è troppo costosa per il costruttore britannico

Per una squadra che sembra intenzionata a realizzare un MotoGp CRT motorizzata Aprilia, un'altra rinuncia allo stesso proposito: solamente ieri hanno iniziato a circolare le voci relative al possibile arrivo nella classe regina della Paul Bird Motorsport, ma oggi è già diventata una certezza la volontà della FTR di rinunciare al suo programma. Il costruttore britannico, che realizza telai per la classe Moto2, aveva raggiunto un accordo di massima con il Team Gresini per realizzare una moto da abbinare al motore e all'elettronica della RSV4, che sarebbe stata affiancata alla Honda RC213V ufficiale di Marco Simoncelli. Purtroppo però questo progetto ha ricevuto un forte veto da parte della Casa giapponese, creando inevitabilmente grandi difficoltà alla FTR. "Abbiamo avuto approcci per diversi propulsori, ma abbiamo messo insieme una proposta per prendere il motore e l'elettronica dell'Aprilia superbike. Chiaramente si tratta di un pacchetto forte in Superbike e abbiamo sentito che è già sviluppato ad un livello alto. Tutto è incernierato sul motore Aprilia, ma i costi erano molto alti per il motore, quindi per ora abbiamo dovuto rinunciare" ha spiegato Steve Bones della FTR a MotorCycleNews. Questo però potrebbe essere solamente uno stop temporaneo, perchè l'intenzione di Bones sarebbe quella di riprovarci per la stagione 2013, anche se è conscio del fatto che non sarà facile trovare finanziatori a causa della pesante crisi economica mondiale.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Articolo di tipo Ultime notizie