MotoGP
09 ago
FP3 in
04 Ore
:
55 Minuti
:
23 Secondi
G
GP di Stiria
23 ago
Gara in
8 giorni
10 set
Prossimo evento tra
25 giorni
G
GP dell'Emilia Romagna
18 set
Prossimo evento tra
33 giorni
25 set
Prossimo evento tra
40 giorni
09 ott
Prossimo evento tra
54 giorni
G
GP di Aragon
16 ott
Prossimo evento tra
61 giorni
G
GP di Teruel
23 ott
Prossimo evento tra
68 giorni
G
GP d'Europa
06 nov
Prossimo evento tra
82 giorni
G
GP di Valencia
13 nov
Prossimo evento tra
89 giorni
G
GP del Portogallo
20 nov
Prossimo evento tra
96 giorni

La Ducati apre l'era dell'aerodinamica

condividi
commenti
La Ducati apre l'era dell'aerodinamica
Di:
17 lug 2010, 17:33

Sulla Desmosedici sono apparsi due flap che dovrebbero migliorare la deportanza

Nella Moto Gp inizia l'era dell'aerodinamica. La Ducati ha provato oggi al Sachsenring sulla Desmosedici due flap ai lati della carena dando il via ad un nuovo ed interessante filone di ricerca. Questa inedita soluzione si è vista prima sulla moto di Hayden e poi, una volta promossa dall'americano, è stata adottata anche da Stoner nelle qualifiche. La casa di Borgo Panigale ha rispescato una vecchia idea già vista sulle MV Agusta negli anni '70: due piccoli profili montati ai lati della carenatura per tenere la moto più incollata a terra. L'idea originale fu scartata da Giacomo Agostini, mentre adesso i due rider sembrano entusiasti dal miglioramento della loro moto nella fase di accelerazione. Queste soluzioni sono l'effetto di uno studio in galleria del vento e di una analisi al CFD. Si dice che questa innovazione che non permette una maggiore velocità sul dritto, ma garantisce più carico aerodinamico nei transitori, abbassando prima la ruota anteriore in fase di piena accelerazione e garantendo quindi un maggiore grip anteriore, sarebbe il frutto di una collaborazione con la Ferrari. Stando alle indiscrezioni si tratta solo del primo tentativo a cui ne seguiranno degli altri, con flap di forma completamente diversa. Anche le due ruote, quindi, si sono lanciate in un filone di ricerca che è sempre stato considerato poco utile ai fini delle prestazioni, perché il rendimento sarebbe troppo condizionato dall'elemento umano che si muove in continuazione sulla moto. La sperimentazione della Ducati testimonia che si può andare oltre queste teorie obsolete, limitando per ora lo sviluppo alla micro-aerodinamica che può contribuire a migliorare il comportamento della Desmosedici nelle fasi più critiche. Nei prossimi Gran Premi vedremo se questa soluzione farà scuole e sarà copiata anche dalle altre Case... Foto Mirco Lazzari/Getty Images
Lorenzo il pelato teme Stoner e Pedrosa

Articolo precedente

Lorenzo il pelato teme Stoner e Pedrosa

Articolo successivo

Valentino domani non si vede sul podio

Valentino domani non si vede sul podio
Carica i commenti