MotoGP
G
GP del Qatar
05 mar
-
08 mar
FP1 in
16 giorni
G
GP della Thailandia
19 mar
-
22 mar
FP1 in
29 giorni
G
GP delle Americhe
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
42 giorni
G
GP d'Argentina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
56 giorni
G
GP di Spagna
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
70 giorni
G
GP di Francia
14 mag
-
17 mag
Prossimo evento tra
84 giorni
G
GP d'Italia
28 mag
-
31 mag
Prossimo evento tra
98 giorni
G
GP della Catalogna
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
105 giorni
G
GP di Germania
18 giu
-
21 giu
Prossimo evento tra
119 giorni
G
GP d'Olanda
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
126 giorni
G
GP di Finlandia
09 lug
-
12 lug
Prossimo evento tra
140 giorni
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
168 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
175 giorni
G
GP di Gran Bretagna
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
189 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
203 giorni
G
GP di Aragon
01 ott
-
04 ott
Prossimo evento tra
224 giorni
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
238 giorni
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
246 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
252 giorni
G
GP di Valencia
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
266 giorni

Espargaro: "Il potenziale della nuova KTM sembra davvero grande"

condividi
commenti
Espargaro: "Il potenziale della nuova KTM sembra davvero grande"
Di:
9 mag 2018, 16:06

Il nuovo prototipo della Casa austriaca ha esordito a Jerez con il collaudatore Kallio, dando ottimi riscontri. I due titolari infatti sperano di averla a disposizione dal Red Bull Ring, perché sembra un bel passo avanti.

Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
Mika Kallio, Red Bull KTM Factory Racing
Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
Mika Kallio, Red Bull KTM Factory Racing
Mika Kallio, Red Bull KTM Factory Racing
Mika Kallio, Red Bull KTM Factory Racing

La stagione 2018 della MotoGP è appena alla quarta gara, ma in casa KTM sembrano già proiettati al futuro. Lo scorso fine settimana la Casa austriaca ha ufficializzato il suo grande colpo di mercato, mettendo sotto contratto l'astro nascente Johann Zarco.

Ma questa non è stata l'unica novità rilevante, perché il collaudatore Mika Kallio ha disputato la sua prima wild card e lo ha fatto con un prototipo completamente nuovo: si tratta della base della RC16 che dovrebbe essere schierata nella prossima stagione.

E i primi riscontri sono stati davvero interessanti, perché il finlandese alla fine è stato il migliore tra i piloti della Casa di Mattighofen, chiudendo decimo, proprio un paio di secondi davanti al titolare Pol Espargaro.

Non a caso, il pilota spagnolo, a sua volta confermato la scorsa settimana per la prossima stagione, ha detto senza mezzi termini che la sua speranza è quella di avere a disposizione questa moto il prima possibile, anche se realisticamente sarà difficile prima del GP d'Austria, per questioni legate alla realizzazione del nuovo propulsore.

"La KTM sta facendo un grande sforzo per cercare di darcela al Red Bull Ring. Ma parliamo di Spielberg, non prima. Onestamente, non voglio sprecare altro tempo con la moto vecchia, perché penso che il potenziale di quella nuova sia davvero grande" ha detto Espargaro.

"Potevamo immaginare che fosse così. Fin dal primo giro sono stato dietro a Mika e quando un mese fa abbiamo girato qui a Jerez, ero stato circa mezzo secondo più veloce cambiando moto".

"Quando le condizioni sono più difficile, con meno grip in pista, la nuova moto si comporta decisamente meglio. Sono felice per questo. Non è bello che Mika, che è il collaudatore, ci abbia battuti, ma è un buon segno, perché vuol dire che le nuove soluzioni stanno funzionando bene" ha concluso.

Pure Kallio sembra essere concorde con Espargaro, perché dopo la gara ha spiegato che il punto di forza della nuova RC16 è probabilmente il modo in cui "cura" le gomme, permettendo di mantenere un ritmo più costante nell'arco dell'intera gara.

"Forse all'inizio ho faticato un po' di più rispetto ai miei compagni, soprattutto a livello di grip al posteriore, quindi non è stato facile seguirli. Poi, con il passare dei giri, il mio ritmo è rimasto esattamente lo stesso, e questo è davvero buono" ha detto Mika.

"Gli altri invece hanno iniziato a faticare di più a livello di grip, specialmente in uscita di curva avevano molto più spinning di me. Penso che questo sia davvero uno dei buoni aspetti della moto nuova, anche se ci sono pure alcune cose negative. Però è tutto nuovo, quindi abbiamo bisogno di lavorare di più per vedere se possiamo trovare delle soluzioni ai problemi" ha concluso.

Informazioni aggiuntive di Lena Buffa

Articolo successivo
Yamaha: l'elettronica è la chiave per evitare l'ombra del record negativo

Articolo precedente

Yamaha: l'elettronica è la chiave per evitare l'ombra del record negativo

Articolo successivo

Tutti i big della MotoGP in pista al Mugello per un test privato

Tutti i big della MotoGP in pista al Mugello per un test privato
Carica i commenti