Jonas Folger farà il suo debutto da collaudatore Yamaha nei test di Valencia

condividi
commenti
Jonas Folger farà il suo debutto da collaudatore Yamaha nei test di Valencia
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
19 nov 2018, 16:10

Dopo aver solo presenziato ai test di Aragon, il pilota tedesco si appresta a tornare in sella ad una MotoGP ad oltre un anno dallo stop dovuto alla Sindrome di Gilbert.

La seconda vita in MotoGP di Jonas Folger inizierà con i test collettivi di Valencia, nei quali vestirà per la prima volta i panni di collaudatore della Yamaha.

Nel mese di settembre la Casa di Iwata aveva rivelato che il 25enne tedesco avrebbe fatto parte del suo nuovo test team europeo, ma per il momento non c'era ancora stata l'occasione di farlo salire sulla M1. Per la verità, Jonas aveva presenziato ai test di Aragon, ma si era limitato ad osservare dai box il lavoro di Valentino Rossi e Maverick Vinales.

Per Folger comunque si tratterà di un ritorno in sella alla Yamaha, perché non bisogna dimenticare che nella passata stagione ha difeso i colori del Team Tech 3 fino alla gara di Aragon, prima che gli venisse diagnosticata la Sindrome di Gilbert, malattia che lo ha obbligato ad uno stop forzato.

La conferma dell'impegno di Folger a partire dai test di domani è stata data direttamente da Lin Jarvis, responsabile della Casa giapponese in MotoGP: "Folger inizierà il suo lavoro qui a Valencia, durante i test ufficiali IRTA. Siamo lieti di dargli il benvenuto nel programma MotoGP Yamaha".

"Jonas ha già dimostrato di avere grande abilità ed una velocità eccellente quando è stato un pilota satellite Yamaha nel 2017. La sua esperienza lo renderà sicuramente una grande risorsa per noi nella stagione 2019".

Folger non sarà il solo collaudatore in pista in occasione dei test IRTA di Valencia. Nel box Ducati ci sarà infatti, come di consueto Michele Pirro, reduce dall'ottimo quarto posto di domenica, ma anche in quello Aprilia avverrà il debutto di Bradley Smith, che arriva dalla KTM.

Inoltre, Stefan Bradl salirà ancora una volta sulla Honda del Team LCR di Cal Crutchlow, in quanto il pilota britannico non ha ancora recuperato dall'infortunio rimediato a Phillip Island, che lo ha costretto a saltare le ultime due gare della stagione.

Articolo successivo
Dall'Igna: "La Ducati è la moto migliore? Non ha senso dirlo, in questo mondo conta vincere"

Articolo precedente

Dall'Igna: "La Ducati è la moto migliore? Non ha senso dirlo, in questo mondo conta vincere"

Articolo successivo

DAZN offre un posto da commentatore televisivo a Dani Pedrosa

DAZN offre un posto da commentatore televisivo a Dani Pedrosa
Carica i commenti