MotoGP
20 set
-
22 set
Evento concluso
04 ott
-
06 ott
Evento concluso
18 ott
-
20 ott
Evento concluso
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso

Jerez, Libere 1: Dovizioso precede di un soffio Marquez, Rossi sesto

condividi
commenti
Jerez, Libere 1: Dovizioso precede di un soffio Marquez, Rossi sesto
Di:
4 mag 2018, 08:57

Il pilota della Ducati ha beffato per appena 7 millesimi il rivale della Honda quasi a tempo scaduto. Stupisce Espargaro terzo con la KTM, ma sono vicine anche le Yamaha. Attardati Pedrosa e Lorenzo, al momento fuori dalla Q2.

Ieri Andrea Dovizioso si era detto convinto che la sua Ducati potesse fare bene a Jerez. In base a quanto visto nella prima sessione di prove libere del GP di Spagna di MotoGP sembra che la sua fiducia nella Desmosedici GP fosse ben riposta, perché il leader del Mondiale è stato il più veloce, in un turno che però ha visto i primi dieci racchiusi nello spazio di appena 317 millesimi.

Proprio a pochi secondi dalla bandiera a scacchi, "Desmodovi" ha fermato il cronometro su un tempo di 1'39"268, arrivato con la configurazione standard della carena della sua Rossa. Neanche a dirlo, nella sua scia c'è la Honda del rivale numero 1 Marc Marquez: il campione del mondo in carica è stato saldamente al comando per buona parte dei 45 minuti a disposizione e alla fine si è arreso al forlivese per appena 7 millesimi, molto probabilmente senza montare la gomma nuova a fine turno.

La grande rivelazione di questo primo turno però è stata senza ombra di dubbio Pol Espargaro che, probabilmente carico dopo il rinnovo con la KTM, è riuscito a portare la sua RC16 addirittura in terza posizione, staccata di appena 43 millesimi.

Questa FP1 ha comunque sorriso abbastanza alle Ducati, perché in quarta e quinta posizione ci sono le due Desmosedici GP con i colori Pramac, con nell'ordine Danilo Petrucci e Jack Miller. Ancora una volta però ha vissuto una mattinata difficile quella ufficiale di Jorge Lorenzo, perché il maiorchino, che ha usato invece la configurazione alata, si ritrova 15esimo a sette decimi dal compagno di squadra.

Anche le Yamaha sono riuscite tutte, o almeno quelle più attese, a ritagliarsi uno spazio nella top 10: la migliore delle M1 è stata quella di Valentino Rossi, autore del sesto tempo ad appena 220 millesimi dalla vetta. Ma anche Johann Zarco e Maverick Vinales, che sono rispettivamente settimo e nono, sono a meno di tre decimi dal miglior tempo di Dovizioso, con tra di loro la Honda LCR di Cal Crutchlow.

Il quadro delle prime dieci posizioni, quindi di quelli che al momento avrebbero accesso diretto alla Q2, si completa con l'Aprilia di Scott Redding. Al momento quindi dovrebbero passare per il Q1 invece entrambe le Suzuki, con Andrea Iannone che ha chiuso 11esimo ed Alex Rins che invece ha decisamente deluso con il 21esimo tempo.

Out al momento anche l'altra RS-GP di Aleix Espargaro, ma soprattutto la Honda di un Dani Pedrosa ancora in fase di recupero dall'intervento chirurgico al polso cui è stato sottoposto poco prima della gara di Austin. Lo spagnolo è 14esimo, proprio dietro ad Espargaro, ma anche alla KTM della wild card Mika Kallio.

Bisogna scorrere la classifica fino al 23esimo posto per trovare invece la RC213V di Franco Morbidelli: nonostante un ritardo di solo 1"3, il campione del mondo della Moto2 infatti è riuscito a mettersi dietro solamente Xavier Simeon ed Hafizh Syahrin, chiudendo alle spalle anche del compagno di squadra Thomas Luthi, anche se per appena una ventina di millesimi.

Cla#PilotaMotoGiriTempoGapDistaccokm/hSpeed Trap
1 4 italy Andrea Dovizioso  Ducati 18 1'39.268     160.402 287
2 93 spain Marc Márquez Alenta  Honda 21 1'39.275 0.007 0.007 160.390 289
3 44 spain Pol Espargaro  KTM 19 1'39.311 0.043 0.036 160.332 287
4 9 italy Danilo Petrucci  Ducati 20 1'39.429 0.161 0.118 160.142 285
5 43 australia Jack Miller  Ducati 18 1'39.483 0.215 0.054 160.055 281
6 46 italy Valentino Rossi  Yamaha 21 1'39.488 0.220 0.005 160.047 280
7 5 france Johann Zarco  Yamaha 20 1'39.518 0.250 0.030 159.999 287
8 35 united_kingdom Cal Crutchlow  Honda 20 1'39.548 0.280 0.030 159.950 286
9 25 spain Maverick Viñales  Yamaha 16 1'39.559 0.291 0.011 159.933 286
10 45 united_kingdom Scott Redding  Aprilia 17 1'39.585 0.317 0.026 159.891 280
11 29 italy Andrea Iannone  Suzuki 21 1'39.614 0.346 0.029 159.845 283
12 36 finland Mika Kallio  KTM 21 1'39.817 0.549 0.203 159.519 285
13 41 spain Aleix Espargaro  Aprilia 17 1'39.899 0.631 0.082 159.388 281
14 26 spain Daniel Pedrosa  Honda 20 1'39.934 0.666 0.035 159.333 284
15 99 spain Jorge Lorenzo  Ducati 19 1'39.986 0.718 0.052 159.250 287
16 30 japan Takaaki Nakagami  Honda 20 1'40.007 0.739 0.021 159.216 280
17 17 czech_republic Karel Abraham  Ducati 18 1'40.032 0.764 0.025 159.177 281
18 19 spain Alvaro Bautista  Ducati 20 1'40.193 0.925 0.161 158.921 283
19 53 spain Tito Rabat  Ducati 22 1'40.366 1.098 0.173 158.647 280
20 38 united_kingdom Bradley Smith  KTM 19 1'40.371 1.103 0.005 158.639 282
21 42 spain Alex Rins  Suzuki 20 1'40.537 1.269 0.166 158.377 282
22 12 switzerland Thomas Lüthi  Honda 21 1'40.585 1.317 0.048 158.301 284
23 21 italy Franco Morbidelli  Honda 21 1'40.605 1.337 0.020 158.270 280
24 10 belgium Xavier Simeon  Ducati 19 1'41.471 2.203 0.866 156.919 276
25 55 malaysia Hafizh Syahrin  Yamaha 19 1'42.074 2.806 0.603 155.992 278
Articolo successivo
Morbidelli: "La moto per il 2019? Abbiamo delle ottime offerte"

Articolo precedente

Morbidelli: "La moto per il 2019? Abbiamo delle ottime offerte"

Articolo successivo

Il progetto della squadra satellite Suzuki sembra destinato a svanire

Il progetto della squadra satellite Suzuki sembra destinato a svanire
Carica i commenti